Bonsai ficus retusa aiuto?

il mio bonsai di ficus retusa ha delle foglie gialle che poi cadono:alcuni dicono che è colpa del calcare dell'acqua del rubinetto,posso usare quella in bottiglia?

un'altra cosa:alcuni dicono che teme il freddo, e in particolar modo i cambi repentini di temperatura e gli spifferi o i colpi d'aria,quindi ho paura di lasciarlo fuori di notte

che faccio?

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Anche il mio ficus ogni tanto ha due o tre foglie gialle, lo tengo all'interno e uso acqua molto povera di calcare (filtrata). E' anche vero che lo maltratto un po' perché mi piace sperimentare con i bonsai, ora sto vedendo come reagisce a un po' di siccità. Ne ho un altro che tengo all'aperto - e in questo periodo da me soffia tutti i giorni il phoen, che rende l'aria molto secca - e dovrebbe soffrire di più, invece è in perfetta salute. La procedura migliore per mantenere il tuo ficus retusa, stando a quanto ho sperimentato in questi anni, è questa: nebulizza le foglie tutti i giorni con acqua povera di calcare (altrimenti ti lascia delle macchie biancastre e forma una patina che non favorisce la respirazione foliare), se non hai sistema a osmosi inversa per filtrare l'acqua puoi usare una di quelle caraffe filtranti o l'acqua demineralizzata che si usa per i ferri da stiro. Ti sconsiglio l'acqua minerale, perché potrebbe avere un residuo fisso piuttosto alto e comunque le oligominerali adatte sono davvero poche (pensa che in questo momento ne ricordo una sola, che viene imbottigliata all'Elba), se non puoi fare diversamente meglio usare l'acqua del rubinetto avendo l'accortezza di lasciarla "riposare" per almeno 12 ore in modo che il cloro possa evaporare e gran parte del calcare concentrarsi sul fondo. Da adesso e per tutta l'estate bagna la piantina tutti i giorni, basta un cucchiaino d'acqua se il vaso è piccolo, altrimenti 2 o 3, l'importante è dargli un po' d'acqua tutti i giorni. Una volta alla settimana immergi il vaso in acqua in modo che il terriccio si impregni molto bene, poi lascia scolare l'acqua, se c'è un sottovaso toglilo: è importante che l'acqua non possa ristagnare perché potrebbe soffocare le radici del ficus, che invece hanno bisogno di aria pur essendo divoratrici di acqua.

    Irrigazioni giornaliere e "bagni" settimanali dilavano il terriccio, perciò diventa opportuna la concimazione: puoi usare un concime organico da mettere in sacchettino appoggiato sul terriccio (verserai l'acqua sul sacchetto) oppure un concime liquido per bonsai, in questo caso riduci della metà o anche meno le dosi consigliate in etichetta, perché le case produttrici tendono ad essere abbondanti nelle indicazioni, inoltre il ficus retusa è già vigoroso di per sé.

    Un ultimo accorgimento: il tuo alberello ha bisogno di tanta luce, ma soffre se viene colpito direttamente dai raggi del sole, che tra l'altro potrebbe seccare il terriccio vanificando i tuoi sforzi.

    Ciao.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.