Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 10 anni fa

Il “Berlusconi” del Cile, il presidente Piñeira, tassa ricchi e multinazionali e vende le sue proprietà?

Leggo sul Sole24Ore, l’articolo di A. d’Addesio dal titolo “il Grande Sud” dal quale riporto alcuni “illuminanti” brani:

“… il “Berlusconi cileno” per le proprietà calcistiche, televisive ed in numerosi altri campi. Piñera invece ha smentito sé stesso ed il suo soprannome. Dopo aver ceduto il pacchetto azionario della compagnia aerea LAN Chile, in questi giorni il presidente cileno ultimerà la cessione del 100% del pacchetto azionario di Chilevision (…..) per non creare conflitti con le nomine della tv nazionale cilena.”

e per rispondere all’emergenza nazionale causata dal terremoto:

“Piñera piuttosto che offrire bonus ed inventarsi lotterie e casette provvisorie ha presentato il “Fondo Nacional de Reconstrucción”, il piano per il terremoto a Concepcion, con la “ley de donaciones”, su ispirazione anche di proposte delle opposizioni che l’hanno votata bipartisan, pari ad 8.431 milioni di dollari nei prossimi quattro anni. Un piano che prevede l’aumento delle imposte per i redditi più alti, per le grandi imprese fino al 2012, imponendo royalties agli estrattori del rame (……..), pianificando esenzioni fiscali per coloro che effettueranno donazioni e ricostruzioni nelle regioni terremotate (di qui la donacion), ed un piano di 2.500 milioni di dollari per incentivazione alle piccole imprese”.

Infine:

“In un mese e mezzo di presidenza Piñera ha dichiarato pubblicamente tutti i suoi proventi, non si è pubblicizzato con il terremoto, ha risolto i conflitti di interessi e se Berlusconi discorre con Putin di future centrali nucleari, il “Berlusconi cileno” ha affermato di voler rivedere la pianificazione nucleare dopo il terremoto. Il popolo approva per il 72% l’operato del presidente, ma la destra cilena inizia a non riconoscersi nel Berlusconi cileno…”

a voi i commenti

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Migliore risposta

    Al solito c'è chi fa demagogia, e non dico chi è tanto è chiaro!, e chi invece almeno ci prova a dare una sferzata all'economia, poi bisognerà vedere se vuole ancora aiutare il capitalismo ma il gesto compiuto da quest'altro presidente almeno guarda seriamente al conflitto d'interessi.

  • 10 anni fa

    E cosa vuoi commentare Jimmy?

    E' semplicemente l'ennesima dimostrazione, nei fatti, della differenza che passa tra chi dice di voler servire il proprio paese e lo fa e chi lo dice e non lo fa...tra chi vuole allontanare da se qualsiasi sospetto di secondi e tripli fini e chi al primo fine neanche ci ha mai pensato...tra chi, anche se ricchissimo, si sente cittadino tra cittadini e chi si sente Unto dal Signore...

    Dimostrazione che il diretto interessato e i suoi orridi seguaci liquideranno immancabilmente con la solita parola d'ordine: cogliòne.

  • ?
    Lv 7
    10 anni fa

    Io credo che qualsiasi personaggio politico mondiale, pur di non passare alla storia come uno simile al nostro berlusconi, farebbe di tutto, anche svendere il proprio patrimonio.

  • Bah
    Lv 5
    10 anni fa

    .....quasi quasi me ne vado in cile......

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Questo vuol dire che Berlusconi ci ha ridotto peggio del Cile.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Un momento, il nostro Berlosk è unico ed inimitabile

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.