come sono costruiti gli edifici anti-sismici?

qualcuno puo dirmi come sono costruiti gli edifici anti-sismici?!?è per la mia tesina di terza media per questo dovrebbe essere il piu semplice possibile grazie

Aggiornamento:

sinceramente mi serviva una abbastanza lunga almeno una pagina;ovviamente l'elenco intero no ma almeno le cose piu importanti...

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    I terremoti nel nostro Paese non sono eventi eccezionali, come forse molti ancora pensano, magari per scaramazia. La Penisola è sistemata in una delle zone peggiori della Terra dove diverse zolle della crosta si scontrano provocando quelle violente tensioni nel sottosuolo che poi si liberano scatenando i terremoti. E' per questo che l' Italia è considerata, purtroppo, dal punto di vista sismico uno dei migliori «laboratori naturali» al mondo. E i nostri scienziati oggi fanno scuola perché negli ultimi vent' anni ci si è svegliati prendendo coscienza del dramma che periodicamente l' ambiente può infliggere alle popolazioni. Le cose sono dunque cambiate (in meglio) soltanto di recente, ma non del tutto, perché anche nei mesi scorsi abbiamo scoperto che la mappa del rischio preparata dagli scienziati era rimasta nei cassetti dei politici che avevano la responsabilità di tradurla in norme per le amministrazioni. E poprio tale mappa testimoniava, se ce n' era bisogno, come rari comuni in Italia possano ritenersi esenti del rischio sismico. Tutti si chiedono da sempre che cosa fare davanti a queste forze distruttive della natura. Consapevoli del fatto che non possiamo bloccare i fenomeni e che prevederli è ancora un' arte impossibile, l' unica risposta ragionevole e praticabile è quella di abitare sul territorio in uno modo tale da non subire i danni, costruendo secondo regole che tengano conto del tipo di rischio da affrontare utilizzando le tecnologie più avanzate oggi disponibili. I giapponesi che hanno accettato di convivere con i terremoti prima di noi hanno già sviluppato utili accorgimenti.Un edificio antisismico può essere realizzato in calcestruzzo armato normale o precompresso (quest'ultimo più resistente perché sottoposto a preventivi sforzi di tensione e pressurazione), ossia cemento con barre di acciaio (armatura) annegate al suo interno ed opportunamente sagomate ed interconnesse fra di loro. Le barre possono essere di acciaio al carbonio, o inossidabile o con rivestimento speciale e devono avere un diametro minimo di 5 mm. A seconda del rischio sismico della zona dove sorgerà l'edificio la classe di resistenza del cemento potrà essere più o meno alta (il minimo è Classe 8/10, il massimo è 90/105).

    La legge stabilisce quanto devono essere "armati" pilastri e travi, ossia quanto acciaio ci deve essere in proporzione al cemento. La malta o il conglomerato di riempimento dei vani o degli alloggi delle armature deve avvolgerle completamente. Materiali per la saldatura, bulloni e chiodi devono essere conformi alle normative europee (norme UNI EN ISO) e recare la marcatura CE. Un altro materiale preso in considerazione dalla legge per la costruzione di case antisismiche è il legno, che ha caratteristiche di grande flessibilità, assemblato con adesivi o giunti meccanici.

    Secondo la legge, anche una casa in muratura può essere antisismica, a patto che si adottino i giusti criteri progettuali. "Molto dipende dalla tecnica di costruzione e dalla qualità dei materiali impiegati. Se si usano buone malte, ad esempio quelle fatte con calcio e pozzolana e non con il fango, come è successo per alcuni edifici crollati in Abruzzo, se si adottano spessori forti la casa in muratura non crolla. Resiste bene anche un edificio fatto con pietre da taglio, come quelle che usavano gli antichi romani, meglio ancora se connesse con morsature di rame, come fu fatto ad esempio a Roma per il Colosseo".

  • Anonimo
    1 decennio fa

    sn fatti in cemento armato

  • Oni_lc
    Lv 4
    1 decennio fa

    allora per prima cosa puoi dire che in italia abbiamo la migliore normativa antisismica prodotta!

    per quanto riguarda gli edifici le norme sono tantissime, dalle più intuitive alle più complesse e lunghe.

    si differenziano se l' edificio in questione è in cemento armato o in muratura portante, tipo mattoni o pietra. poi ci sono norme che riguardano la distanza tra gli edifici, il dimensionamento delle fondazioni in base all' altezza e il posizionamento delle finestre tutte in linea e non in qua e là sulle facciate dell' edificio...la lista è lunga e complessa per una tesina di terza media, queste cose penso possono bastare.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.