Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoGoverno · 1 decennio fa

Cosa ne pensate della "legge bavaglio" sulle intercettazioni?

Non vi sembra il frutto delle manie di protagonismo di Berlusconi? Non è ingiusto e incostituzionale proibire l'uso delle intercettazioni come prevede la norma, dal momento che la farebbero franca tutti i mafiosi e tutti i parlamentari corrotti (più gli altri criminali)? Mi sembra che non esista più giustizia in Italia...ok, è sbagliato che pubblichino fatti personali e intercettazioni che non c'entrano nulla con reati e delitti, ma non credo si risolva il problema evitando di farle! bisognerebbe promulgare una legge che stabilisca entro quali termini possano essere rese pubbliche (in base all'attinenza, come ho detto prima). No?

ditemi cosa ne pensate!!!

Aggiornamento:

cavoli anna, per una volta siamo d'accordo hihi XD

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Berlusconi ha manie di protagonismo, da quando??

    eheh

    Ho capito il succo e concordo con te: questa legge complicherebbe di molto il lavoro di investigatori e magistrati; le intercettazioni sono un asso nella manica per la lotta al crimine, soprattutto a quello di stampo mafioso che brinda a Champagne: ormai ha la strada sgombrata da enormi ostacoli e può procedere, mentre l'Italia arretra sempre di più.

    La legge "bavaglio" ha suscitato la preoccupazione anche degli Stati Uniti, a mio parere è scandaloso che qui, nel paese in cui deve essere attuata (paese che più di molti altri ha bisogno delle intercettazioni) essa non abbia scandalizzato (perdona scandaloso-scandalizzato) la popolazione. Una cosa del genere non doveva nemmeno essere pensata un secondo, doveva essere esclusa in partenza anche perchè la "scusa" a questa norma è che vengono resi pubblici fatti irrilevanti e di natura privata, cosa alquanto improbabile dal momento che la legge per la privacy rende obbligatoria la revisione delle intercettazioni da parte di un magistrato che valuterà la loro rilevanza. Se è accaduto che fatti di scarsa importanza e privati venissero pubblicati è perchè, ammette per esempio Ezio Mauro, direttore di Repubblica, ci sono stati degli errori interni... Sinceramente il pericolo che vengano rese note informazioni private è minimo e, a mio parere irrilevante: rispetto la privacy di tutti, ma se io fossi un capo dello Stato che tiene al suo paese e dovessi scegliere, preferirei infliggere duri colpi all'organizzazione criminale che lo macchia da tempo immemore, e non mi interesserebbe la mia reputazione.

    Il problema è che con questa norma, nostro Presidente del Consiglio e ad altri parlamentari, prendono due piccioni con una fava: salvano la loro reputazione, ed evitano che i loro comportamenti fuorilegge vengano alla luce.

    Finchè avremo certe persone a rappresentarci (non solo Berlusconi ma anche moltissimi altri), in Italia non ci sarà granchè giustizia, finchè a fare le leggi anticrimine saranno i criminali stessi, non ce la caveremo.

    Fonte/i: bel cappello
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ennesima legge porcata,utile soltanto per coprire,scandali e ruberie dei nostri attuali governanti!!

  • 1 decennio fa

    Sotto la scusa di tutelare la privacy dei cittadini, tutelano invece i loro crimini..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    - E' l'ennesima legge per salvare Berlusconi e la sua cricca ed imbavagliare le investigazioni...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • .
    Lv 7
    1 decennio fa

    Quando dicono che è per la sicurezza dei cittadini si dovrebbero vergognare.

    Si dovrebbero vergognare come le persone che ci credono.

    Ci sono intercettazioni che inchiodano molti politici e personalità potenti in processi in corso e molti affari illeciti che attendono di essere sbrigati, oltre quelli che sono sepolti e non devono essere scoperti. Dal momento che non si possono bloccare tutti i processi a loro carico (e ci hanno provato) e che l'immunità dura solo fino a che uno è in carica (e ci stanno provando), cosa c'è di più facile che fare una legge che cancelli le prove a loro carico e impedisca di procurarsene di simili in futuro?

    La legge non solo impedisce le pubblicazioni giornalistiche, e sarebbe anche comprensibile tutto sommato, ma impedisce alle forze dell'ordine di istruire le indagini.

    Questo dovrebbe far riflettere.

  • 1 decennio fa

    Il problema consiste principalmente nel fatto che tale legge, di imminente approvazione pur se è stata rinviata alla revisione della Commissione parlamentare, è puramente formale. Ovvero, sappiamo tutti quanti (è il classico segreto di Pulcinella) come e quanto sia facile intercettare le conversazioni effettuate al telefono ... praticamente, siamo tutti spiati. Come si suol dire, se vuoi svelare un segreto a mezzo mondo, parlane al telefono !!! Nonostante ciò, chi di dovere potrà dormire d'ora in poi sonni molto più tranquilli. A parte i giornalisti (che tramite "talpe" all'interno dei tribunali hanno veramente esagerato nel pubblicare di tutto e di più), una legge di questo stampo legherà letteralmente le mani a tutti i magistrati, che non potranno più impiegare in sede processuale tali intercettazioni verbali, nè contro la delinquenza organizzata (mafia, camorra, n'drangheta), nè contro i politici corrotti. E' una delle tante leggi costruite ad hoc, è più che evidente.

  • 1 decennio fa

    La parola Bavaglio accoppiata con Intercettazioni si può tradurre con CENSURA e la risposta alla domanda diventa implicita cioè privazione della libertà di informazione = abolizione della Lbertà tout court

    Fonte/i: la logica
  • 1 decennio fa

    Penso che se Berlusconi non fosse indagato, assieme a Minzolini e Innocenzi, la legge sulle intercettazioni non sarebbe stata voluta nemmeno da loro.

    Infatti questa legge, che sarà retroattiva, farà saltare le inchieste che lo riguardano. Perché?

    Perché la legge sulle intercettazioni rende inutilizzabili in tribunale le intercettazioni di un reato diverso da quello per cui si intercettava inizialmente: per fare un esempio, se (nel corso di un'indagine) dei telefoni sono sotto controllo per traffico di droga e si viene ad intercettare una telefonata in cui si viene a conoscenza di un altro reato (magari più grave), l'intercettazione del reato "non previsto" è inutilizzabile in tribunale.

    Ma guarda tu che caso...è proprio il caso delle intercettazioni delle inchieste di Trani...che preoccupavano il nostro amato presidente del Consiglio.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.