Siete d'accordo col negare l'adozione alle coppie razziste?

● La notizia.

(ANSA) - ROMA, 1 GIU - Niente bambini alle coppie di aspiranti genitori che dichiarano di volere solo minori di determinate etnie. In questi casi il magistrato, non solo non deve convalidare decreti di adozione che contengano esclusioni discriminatorie, ma deve mettere in discussione la capacità stessa della coppia razzista a candidarsi per l'adozione in generale. Lo ha deciso la Cassazione in relazione al caso di una coppia siciliana che voleva adottare solo bimbi europei.

● La domanda.

Secondo voi la Cassazione ha fatto bene?

Non esprimo la mia opinione in merito, a voi la parola.

Aggiornamento:

Ho inserito il termine "coppie razziste" per rifarmi a ciò che avete sentito nei telegiornali, giustamente qualcuno di voi ha fatto notare che tale termine può risultare improprio.

24 risposte

Classificazione
  • SDV
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Credo abbia sbagliato. di fondo potrebbe anche non esserci uno sfondo razzista.

    Anch'io se volessi adottare, preferirei un bambino europeo, della mia stessa etnia, per il semplice fatto che si troverebbe più a suo agio guardandoci e rispecchiandosi in noi.

    Un bambino di etnia negroide o orientale, potrebbe avere da grande il desiderio di identificarsi con la sua gente, di unirsi agli usi e costumi della popolazione da cui proviene, per il meccanismo di identificazione.

    In definitiva, noi, come genitori, lo avremmo sradicato dal suo territorio e dalla sua cultura, per farlo crescere nel nostro modo che non gli è familiare. Io in questo, cioè, voler adottare a tutti i costi, anche un bambino che proviene da molto lontano, ci vedo una forma egoistica, di voler essere genitori a tutti i costi.

    Preferirei che quel bambino, fosse sotenuto nella sua vita, facendolo studiare e non facendogli mancare nulla con un sostegno a distanza valido, che non lo sradichi dal suo ambiente originario in cui è nato.

    ------------------

    Pensatela come volete: non mi importa. Io sono libera di esprimere quello che penso e se non siete d'accordo, esprimete la vostra opinione.

    Opinio opinabilis :)

  • 1 decennio fa

    Completamente d'accordo.

    Un figlio non è un "prodotto industriale" di cui scegliamo forma e sostanza.

    L'adozione dovrebbe sostendere ad uno spirito di genitorialità e di altruismo. Valori che vengono meno nel momento in cui si pretende la scelta anche dell'etnia del bambino.

    Del resto i genitori hanno come missione l'educazione del figlio: sarò drastica ma reputo incapaci di trasmettere valori quali la solidarietà, rispetto e senso dell'uguaglianza laddove loro hanno mancato per primi.

  • 1 decennio fa

    D' accordissimo. Un figlio è un dono meraviglioso, soprattutto per queste coppie alle quali la natura non ne ha concesso uno. Dovrebbero esserne entusiasti. Comunque, indipendentemente dall'etnia a cui appartiene. D'altra parte, non vedo che futuro avrebbe avuto questo bambino e che tipo di educazione avrebbero potuto impartirgli dei genitori del genere, inducendolo all'intolleranza e alla discriminazione. Penso che non tutti siano tagliati per fare i genitori.

  • 1 decennio fa

    Assolutamente d'accordo!

    Le giustificazioni di questi genitori "razzisti" sono: Non si troverebbe bene, soffrirebbe per discriminazioni ecc...

    Se fanno ragionamenti del genere gli stessi aspiranti genitori, partiamo bene... Si sa che in Italia c'è molta strada da fare verso un "melting pot" pacifico...

    La realtà è che sono loro i razzisti e addossano le colpe alla "società"

    Non sanno che la società siamo noi

    ==

    Non sono d'accordo sul fatto che il bambino non potrebbe rispecchiarsi in due genitori di etnia diversa...

    Perché un figlio si sente tale non per il colore della pelle, ma per le esperienze vissute insieme, per l'educazione ricevuta...

    Non penso proprio che da grande il bambino (ormai diventato adulto) cercherebbe le sue origini solo perché sono della sua stessa etnia... Ok, magari si interesserebbe alla ricerca dei suoi genitori naturali, laddove ci sono, ma penso che lui considererebbe "casa" il luogo dove è stato adottato e cresciuto!

    ==

    @ valeRnR

    Per quanto riguarda la vecchietta di cui hai parlato, 4 president un càzzo!!

    Ma stiamo scherzando? Purosangue padano??

    Certe cose è meglio che non le legga, va

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    "siamo in democrazia e quindi abbiamo libertà di scelta"?

    L'ESSERE RAZZISTI NON FA PARTE DELLE LIBERTA' CHE UNA SOCIETA' CIVILE DOVREBBE TUTELARE! altrimenti che dire dei poveri serial killers privati della libertà di uccidere? E i ladri per passione? Poverini, non possono rubare!

    ma dai, ma ci rendiamo conto della totale insensatezza di certi "ragionamenti"?

    @ quelli che dicono che un figlio negroide avrebbe difficoltà ad iserirsi nella famiglia: ma scusate, ma veramente secondo voi l'amore e la sintonia tra figlio e genitori dipendono dal colore della pelle? O_O

    tanto, tra l'altro, ad un figlio adottato si sa che prima gli si dice la verità più è gestibile l'aspetto traumatico della cosa, non è che si debba aspettare che si chieda se è adottato perchè non assomiglia ai genitori...

    ragà, se volete scegliere la razza compratevi un cane...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Benissimo, buone notizie in Italia finamente.

    Ottimo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Bisognerebbe leggere la sentenza per capire i motivi che hanno spinto la Cassazione ad emetterla. Probabilmente la coppia siciliana si era espressa in altri termini, molto più gravi di quelli che ci possono apparire leggendo una semplice notizia Ansa. Perché anche i figli degli immigrati, che hanno ottenuto la cittadinanza, sono a tutti gli effetti europei. E per molti anche noi meridionali abbiamo usi e costumi diversi dai settentrionali, e non mi piacerebbe affatto sentir dire ad un bambino napoletano che non si adattarebbe mai a vivere nell'operosa Milano.

  • 1 decennio fa

    Certo che ha fatto bene. E' un'elementare norma di civiltà, ma capisco che nell'Italia leghista di oggi anche una simile ovvietà possa sembrare un'eresia.

    Alle suddette coppie io proibirei l'accesso all'istituto dell'adozione in generale esplicitamente, come suggerito dai giudici. La società deve formare individui liberi e senza pregiudizi, non spregevoli e abbietti come coloro che pretendono un figlio a misura di spot.

    E ciò non ha niente a che vedere con la ricerca scientifica, perché già li immagino i fanatici cattolici che prendono la palla al balzo per strepitare contro "l'eugenetica". Un conto è la salute, altro è la cultura, anzi l'incultura di massa.

  • lilly
    Lv 7
    1 decennio fa

    sono contraria TUTTE le discriminazioni e ribadisco TUTTE .

  • 1 decennio fa

    visto che tutto dovrebbe essere fatto in funzione del benessere del bambino, penso sia meno traumatico essere adottati da genitori della stessa etnia, dove possibile.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.