Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoForze dell'ordine · 10 anni fa

esisiste un modo per controllare il rinculo con un'arma corta?

4 risposte

Classificazione
  • abuelo
    Lv 7
    10 anni fa
    Migliore risposta

    metodi fisici o meccanici?

    in prima battuta, mi preme sottolineare come il rinculo cioé la reazione allo sparo "non" infici la precisione di un'arma, perché se lo sparo avviene ad arma in quiete (scatto senza retrocollasso, cane dalla massa non eccessiva, chiusura ben regolata senza apertura anticipata, praticamente senza masse importanti in movimento) la palla lascia la canna quando il rinculo vero e proprio non è ancora iniziato. (questo non è del tutto vero, se parliamo di canne lunghe e palle pesanti.. ma questo è un altro discorso)

    per cui, male fanno coloro che nell'immediatezza del tiro per contrastare il rinculo si irrigidiscono creando torsioni e movimenti anomali di polso ed avambraccio, che vanno inevitabilmente a discapito della giustezza del tiro. In sostanza, il rinculo di un'arma va "assecondato", non contrastato. Perché la reazione avviene quando di solito il proiettile è già sul bersaglio.

    Fermo restando che, con l'allenamento, si affina la tecnica: impariamo naturalmente a controllare i movimenti dell'arma, che dopo alcune migliaia di colpi riusciremo a controllare molto meglio che non all'inizio, soprattutto nel rapido ritorno in punteria. Questione, cioé, di allenamento.

    meccanicamente, e astraendo da tutti quei sistemi "passivi" (guancette di gomma, sovrainiezioni di gomma morbida, ecc ecc) il discorso è diverso.

    il rinculo è un'azione uguale e contraria al vettore che spinge la palla nella canna; possiamo da questa scindere la porzione chiamata rilevamento, cioé quel movimento dell'arma verso l'alto, con il polso come perno, che avviene perché l'asse di canna è superiore al polso che fa da fulcro. Per limitare il rilevamento, possiamo:

    (1) abbassare l'asse della canna il più possibile rispetto al polso: come avviene ad esempio in certe pistole da tiro rapido, oppure nei revolver in cui la canna è allineata alla camera inferiore del tamburo invece che a quella superiore (mateba su tutte, e oggi "rhino"). Ci sono poi pistole semiauto con l'asse di canna particolarmente alto, come le varie sig sauer, o la star 30 M, e molte altre, che rinculano in modo fastidioso. Ma le pistole moderne spesso ne tengono già conto, unitamente ad angolazioni di impugnatura ideali per assorbire la spinta.

    (2) sfruttare l'energia dei gas di sparo creando un effetto "jet" che contrasti la tendenza a rinculare, ma soprattutto a rilevare. é il caso dei compensatori multicamere, delle aperture mag-na-port ottenute elettroliticamente, o del sistema hybrid sopra la canna dotato di fori svasati ad effetto venturi. Basti pensare al primigenio "cutts compensator" del thompson M1928; ma anche alle fessure inclinate all'indietro che ho visto a volte su alcune canne, che deflettendo all'indietro parte dei gas riescono anche a limitare la componente orizzontale del rinculo.

    (3) un terzo sistema, più semplice ancora, consiste nel dotare l'arma di un "buffer" cioé di un anello in gomma dura sul guidamolla, in modo che il carrello a fondo corsa eviti il colpo di ariete che spesso dà la stura all'impennamento dell'arma.

    (4) un quarto sistema è il più interessante.. e lo si potrebbe chiamare "inerziale". L'ho visto adottato su una browning gp35 (dico gp per grand puissance, visto che è belga e hp è troppo british): praticamente il guidamolla conteneva al proprio interno una sfera di acciaio in bagno d'olio, che all'atto del rinculo, per inerzia, tendeva ad essere proiettata in avanti: di fatto, contrastando con la propria spinta quella retrograda del rinculo. Non so quanto servisse, ma non fu poi adottata su larga scala. Qualcosa di simile avviene ad esempio sull'an94 abakhan, il nuovo fucile d'assalto russo, e mi pare anche su "uno" della famiglia degli ak100 (un'asta parallela superiore che si muove, spinta dai gas, in direzione contraria a quella di

    Fonte/i: armamento). Questo sistema della browning mi ricorda da vicino quello utilizzato su una HK (mi pare la piccola P7K3 ma vado a memoria) e su una strana vecchia pistola che si chiamava ortgies. Pur non essendo un sistema vero e proprio di riduzione del rinculo, ma di ammortizzazione alquanto peculiare, era piuttosto caratteristico: praticamente l'arma utilizzava... un ammortizzatore idraulico. A fondo corsa, il guidamolla corto si comportava come un pistone ed in effetti lo era: piccolo ma pieno di olio idraulico, con tanto di paraolio e tutto il resto. Rallentando il carrello otturatore impediva che desse la classica "botta" sul fusto, di fatto limitando l'impennamento. La stessa funzione che hanno a volte alcune molle più corte montate coassiali su quella principale, e deputate ad assorbire proprio l'ultimo colpo di ariete. Purtroppo il pistone in questione degradava i paraoli e perdeva... sia olio, sia efficacia. Concludo con una nota: spesso il rinculo va "enfatizzato", non sminuito.. è il caso emblematico della mg42 a canna rinculante (per favorire l'automatismo era dotata di un rafforzatore di rinculo), ma anche della colt model Ace e Super Ace: praticamente una 1911 da allenamento in cal. 22lr, che però era dotata di "camera flottante", che grazie all'azione dei gas, ed al colpo di ariete sull'otturatore della camera di scoppio (che è separata dalla canna), amplificava il rinculo della cartuccia .22 fino a farlo assomigliare, dicono, a quello di una .45... per il divertimento dei GI che potevano allenarsi "quasi" a piena potenza. @@ corsaro, hai scritto cose sagge ma non corrisponde a verità che nel tiro a due mani "..beccarci oltre il primo è difficile..": per controllare un'arma di grosso calibro sparando in rapida successione è praticamente d'obbligo impugnarla a due mani, in posizione isoscele o weaver ad esempio. Con un po' di allenamento si possono piazzare agevolmente tutti i colpi a bersaglio fino a 20-25 metri, sia in semiauto sia in doppia azione, anche in tempi ristrettissimi se l'utente è smaliziato...
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Il rinculo della pistola non va controllato. La pistola va impugnata molto leggera. Quando la pistola ti da il rinculo la pallottola e' gia' uscita dalla canna. Il grilletto non va tirato con forza ma molto leggero e progressivo.

    Piu la impugni con forza e tiri il grilletto con forza, piu vai fuori bersaglio.

    Se invece fai tiro in rapida sequenza la impugni a due mani e braccia tese ma beccarci oltre il primo, e' difficile. Al cinema fanno sempre cosi per fare scena ma in realta' non e' cosi che si spara.

    Fonte/i: esperienza
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Bravo Corsaro, parla come uno che se ne intende (che ha sparato). Infatti il rinculo non è di per sé controllabile, bisogna solo lasciare che l'arma si sollevi, accompagnarla e riabbassarla rapidamente per il prossimo tiro. Davvero se si spara come nei film si ha la speranza di fare centro solo col primo colpo e con i successivi di ammazzare due o tre piccioni che passavano di lì.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    per controllare il rinculo di un arma corta, dipende quale millimetro di arma si tratta, ma ci sono comunque diversi aspetti in realtà da affrontare prima di poter dire che si può controllare il rinculo, come quale la posizione del proprio corpo rispetto l' arma, la propria fisicità, l'ordine che si da all'arma dall'occhio alla tacca di mira, al mirino,al bersaglio, il controllo del proprio respiro sull arma, e la conoscenza dell'arma.

    Detto ciò, posso consigliarti personalmente una tecnica che usò che mi aiuta a non uscire troppo dalla 'rosa' con l'utilizzo della Beretta 92 Fs 9mm

    1 posizione swing del proprio corpo, gambe aperte alla larghezza delle spalle flettere legermente il corpo in avanti gomti leggermente pieganti intenramente

    2 allineare il proprio occhio alla tacca di mira, seguito al mirino e poi al bersaglio in unica asse immaginare

    3 puntare sotto il mento della sagoma

    4 al momento che farai pressione sulla leva di sparo tira fuori il fiato a lungo solo con il naso ciò ti permetterà di essere più rigido e per ciò a controllare il rinculo dell arma

    Ps ovvio che questo lo puoi fare quando sei in un poligono, in una missione contano i riflessi e la capacità di reagire all'offesa

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.