Chiara
Lv 4
Chiara ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 10 anni fa

Tesina 3 media.. Musica il novecento senza il jazz possibilmente.. Molto facile e sinteticoo! pleaseee!!?

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    SOno anchio in fase di tesina, Io ho messo questo argomento in base alla grande guerra 1914-1917

    LA SOCIETÀ E LA CULTURA

    Il Novecento si apre con una generale crisi dei valori ottocenteschi. L'idea di nazione è degenerata nel nazionalismo, la libera iniziativa economica nell'imperialismo; l'industria ha fatto passi da gigante, ma le masse operaie reclamano maggiore giustizia. La rivoluzione proletaria in Russia, due guerre mondiali, le dittature fascista e nazista e la guerra civile di Spagna sono le chiare testimonianze della sofferenza di un'epoca tesa e instabile. Negli ultimi decenni poi si è assistito a una profonda trasformazione della società, nella quale un ruolo sempre maggiore viene attribuito al benessere e al consumo. Tutto ciò si è riflesso nella ricerca culturale ed artistica, che è stata sollecitata sia dalla necessità di rinnovarsi, sia dal bisogno di seguire una realtà sempre più difficile e variabile. Per quanto riguarda in particolare la musica, con l'arrivo del disco si crea una nuova situazione. Musica leggera, pop, rock sono divenuti il sottofondo costante della nostra esistenza quotidiana.

    L'IMPRESSIONISMO

    La Francia di fine secolo si mostra estremamente vulnerabile nei confronti delle nuove correnti musicali assorbendo le esperienze provenienti dagli altri paesi europei e dalla scuola russa. Da questa straordinaria mescolanza di idee nasce lo stile impressionista che, caratterizzato da un raffinato colorismo orchestrale e da originali miscugli sonori in grado di descrivere sensazioni emotive immediate, avrà come principali esponenti Claude Debussy e Maurice Ravel.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    sdfwegwA

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    -La crisi del pensiero positivista della seconda metà dell'Ottocento si rivela in modo definitivo agli albori del nuovo secolo. Si smorzano le certezze, non esistono verità assolute e ci si sposta verso un progressivo atteggiamento di dubbio.

    -I musicisti sperimentano forme compositive sempre più elaborate e a volte di difficile comprensione, creando una spaccatura tra la musica del passato e quella contemporanea.

    - Non ci sono più tendenze generali nelle quali l'artista si riconosce pienamente, ma innumerevoli stili compositivi, spesso tra loro contrastanti.

    spero k vada bn....buona fortuna.....ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.