Prima o poi le sofferenze di una persona possono terminare ?

Si può soffrire in eterno ?

Aggiornamento:

@giusy : anche io sto ancora molto male per una grossa delusione. coma andare avanti ?

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    I problemi di cuore sembrano insormontabili, senza nessuna via d'uscita, ma troveremo un rimedio anche a questi ...

    Non bisogna mollare mai, vi parlerò soprattutto degli ultimi anni della mia seconda vita...

    Ho vissuto fino a 31 anni normalmente (diplomato geometra, ho tentato architettura a Venezia ma poi ho capito che non sarei mai diventato un seguace di Charles-Edouard Jeanneret-Gris (ovvero Le Corbusier) o di Carlo Scarpa,

    quindi, dato che non di solo pane vive l'uomo ma anche di-vino,

    mi inerpicai per l'arrampicata nel mondo del lavoro dapprima come produttore/venditore di jeans, dopo per un periodo come responsabile Ottimizzazione di una tintolavanderia del gruppo Carrera nel basso veronese, poi entrai nel gruppo Gibus (tende da sole) rep. Tende nel padovano, poi a San Marino come venditore per il nord-italia per Vagabond infine dopo 3 anni all'estero , rientro alla Gibus per prospettive di allargamento del mercato in italia ma soprattutto nelle enormi prospettive del mercato estero dell'europa meridionale in esclusiva)

    Tutto questo non tralasciando le donne, gli amici, i gozzovigliamenti ed altre amenità varie...

    Nelle ferie del 1999 arriva la tegola:

    Avevo avuto dei segnali premonitori tempo prima ma li ho sempre associati alla stanchezza, o alla tensione ma adesso con

    Problemi di deambulazione, crollo di peso e ipotonicità muscolare, decido che il medico di base non bastava più e vado al

    Pronto Soccorso dove mi dirottarono in Neurologia per una visita di controllo.

    Tra una martellata e l’altra, per vedere i riflessi, ed altre anemità del genere, feci presente al medico, che mi voleva trattenere per alcuni esami, la necessità del mio rientro al lavoro dopo pochi giorni ma, tranquillizzandomi, mi assicurò che avrei perso solo qualche giorno; speranzoso, andai in reparto ignaro di cosa mi stava aspettando.

    Esami su esami (tac, raggi, risonanza magnetica, prelievo del liquor spinale, elettroencefalogramma, elettromiografia eccetera)

    1a diagnosi?

    Cerebellite(?!)

    Che in pratica vuol dire tutto e niente...

    Curato con cortisone mi mandano a casa per 1 mese a cortisone,

    Rientro 1 settimana prima per problemi respiratori e dopo altre 3 settimane di esami (più o meno gli stessi...)

    Improvvisamente cambio di diagnosi:

    Sindrome di Miller-Fischer (variante Della Guillan-Barrè)

    Curato con immunoglobuline e ben 7 (e mezzo!) plasmaferesi (la plasmaferesi terapeutica assomiglia alla dialisi, eccetto per il fatto che rimuove sostanze tossiche legate alle proteine, il che invece non avviene con la dialisi.

    La plasmaferesi può essere usata come coadiuvante nella terapia immunosoppressiva o citotossica nel trattamento iniziale di processi autoimmuni rapidamente progressivi,

    (da farvi notare che una signora in sedia a rotelle con la Guillan-Barrè dopo sole 3 plasmaferesi camminava GIà...)

    MI rispediscono a casa ma rientro dopo 1 mese per il continuo calo di peso.

    Cercano di nutrirmi per via endovena (PAZZI) ottenendo solo la distruzione delle mie vene senza riuscire a frenare la consistente e ormai grave perdita di peso.

    Per fortuna, alla 2a diagnosi, mi informai sulla malattia e venni a sapere che in Austria avevo una possibilità di cura.

    Appena arrivai ad Innsbruck mi installarono un tubicino nello stomaco (peg) per alimentarmi (prima non sapevo nemmeno cos'era),

    Feci molta fisioterapia ed elettrostimolazione ai musccoli per cercare di salvarne qualcuno del tronco superiore, feci altri cicli di immunoglobuline, feci questa nuova cura (liquorferesi, una specie di plasmaferesi del liquido spinale),

    MI salvarono da varie crisi respiratorie tracheotomizzandomi e dopo 6 mesi venni a casa VIVO.

    Dopo varie peregrinazioni da Milano a Venezia per poi ritornare a Padova e quindi, finalmente stabile a Casa

    11 anni fa I grandi e famosi medici di Padova mi avevano dato per cieco e dopo qualche mese per morto,

    Ma sono ancora qui,

    Anche se paralizzato dalla vita in su, vedente e pensante,

    Ed anche se vivo attaccato ad un tubo respiratorio ed allettato e riesco a scrivere solo muovendo 2 dita e con enormi difficoltà,

    voglio stare ancora qui

    Sia per me stesso sia per I miei familiari che per tutti quelli che mi vogliono bene (parenti, amici e conoscenti)

    E' la prima volta che inoltro qualcosa su yahoo answers ma, care amiche ed amici, vi leggo molto volentieri, perchè faccio molta fatica a scrivere e difficilmente reggerei ad un dialogo per più di due righe.

    Alla sera non posso collegarmi per spasmi e crampi se non rarissime volte.

    Mi raccomando, respirate, mangiate, amate, arrabbiatevi, parlate, confrontatevi, camminate, correte, guardate, rilassatevi, piangete, urlate, ridete, incazzatevi, gioite, godete, leggete, abbracciatevi, stiracchiatevi, VIVETE

    Un ciao dal vostro Diego

    Fonte/i: fonte? me stesso
  • 1 decennio fa

    bella domanda.....io è da quando sono nata (16 anni e mezzo fa) che sto soffrendo...per un motivo o per l'altro...di bello c'è ben poco....e non ho idea se si possa soffrire in eterno...dipende,se mi uccido posso dire di aver sofferto in eterno (finchè sono morta) ma se continuo a vivere può darsi che la sofferenza diminuirà mano a mano....chi lo sa....

  • 1 decennio fa

    bhè io me lo auguro.................xkè dopo 2 anni ci stò ankora male MOLTO DIPENDE DA NOI STESSI...............xò da quando frequento answer ho trovato delle xsone ke mi stanno aiutando con le loro risposte sincere .sfogarsi anke con xsone ke nn si conoscono aiuta xkè nn sono di parte,quindi...IN BOCCA AL LUPO

    Fonte/i: ME STESSA
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Tutto scorre

    solo la morte ci da

    un' area di sosta certa....

    sì..possono terminare.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ho i miei dubbi che possano finire;da quanto ho capito la tranquillità non esiste (se non è l' amore sono i soldi,o la salute,o la famiglia,o il lavoro,o i parenti,ecc. ecc. ). E tutto ciò per colpa di coloro che mettono al mondo figli sapendo come funziona questo mondo fatto di gente di mer**.

  • 1 decennio fa

    nn lo so dipende anche dal motivo della sofferenza che può essere serio o no.........

  • 1 decennio fa

    si e no, dipende da te...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.