condensatore motore elettrico?

salve,ho un motore monofase e a volte non riusciva a partire,quindi ho cambiato il condensatore ,c'era un cond. da 16 microfarad e ne ho messo uno da 30.Il motore è da 0.6 hp,1400 giri.vorrei sapere se la cosa è fattibile,visto che già ho provato e và benissimo,solo che non sò se poi si rompe.è un motore che comanda una pompa.vi prego aiutatemi!!!!!! 10 punti e solo risposte affidabili!

2 risposte

Classificazione
  • wave
    Lv 6
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Beh si, la capacità del condensatore deve essere rispettata. Se troppo bassa, il motore vibra ma non si avvia oppure fatica. Se invece è troppo elevata come nel tuo caso, il motore tende a surriscaldarsi. Non saprei dirti in che misura e non saprei se nel tuo caso 30mF siano veramente eccessivi oppure possano ancora andare bene tuttavia, la tendenza al surriscaldamento c'è. In caso contrario tanto sarebbe valso metterne uno a caso ed invece sono calcolati in base alle caratteristiche del motore, potenza, tensione, frequenza...

    Se ne hai un'altro da 30, puoi collegarne due in serie ottenendo una capacità totale di 15mF, in caso contrario sarebbe meglio acquistarne uno identico all'originale ma... non è escluso che possa andar bene anche quello da 30, vedi un po', se noti che si surriscalda il motore sostituiscilo.

    Ciao!

  • tullio
    Lv 7
    1 decennio fa

    il motore non si rompe...hai solo uno spunto maggiore in pratica è un condensatori di rifasamento utilizzato per bilanciare l'induttanza degli avvolgimenti dei motori elettrici ed abbassare quindi lo sfasamento fra corrente e tensione che questi generano: per questo vengono collegati in parallelo agli avvolgimenti in modo da formare un circuito LC accordato sulla frequenza della tensione di alimentazione. Poiché qualunque circuito presenta sempre una resistenza, nella realtà si ha sempre il caso di Circuito RLC. inoltre è usato come condensatore di avviamento per permettere la partenza dei motori asincroni monofase, che presenterebbero, senza di essi, una coppia di spunto uguale a zero. In tal caso il condensatore, sfasando la corrente di 90 gradi rispetto alla tensione, alimenta un avvolgimento ausiliario: si forma un campo magnetico rotante con coppia motrice diversa da zero, permettendo quindi l'avviamento del motore. Una volta partito, teoricamente, puoi eliminare il condensatore

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.