promotion image of download ymail app
Promoted
blublu53 ha chiesto in Scuola ed educazioneUniversità · 1 decennio fa

Ho ventitré anni, una laurea, continuo a studiare....perché non sono preparata?

Liceo classico concluso con massimo dei voti, laurea triennale in Lettere con 107, proseguo con la Magistrale; cerco di non studiare a memoria; leggo, ripeto a voce alta, faccio schemi, periodicamente riprendo in mano appunti e testi già studiati, solitamente leggo almeno tre libri di narrativa e/o saggistica al mese, ascolto programmi radiofonici dedicati alla letteratura, mi confronto con i compagni di corso, cerco quiz da fare al computer, guardo film anche storici: eppure, scusate il francesismo, la qui presente NON SA MAI UN FICO.

Letteratura italiana: vuoto quasi totale

Classici greci e latini: lacune imbarazzanti

Geografia: ieri ho avuto dubbi sul nome di un continente

Storie antica, medievale, moderna e contemporanea: sorvolo per non piangere

Attualità, economia, politica: qualcosina, ma argomento in maniera qualunquistica

Una volta individuate le lacune corro su internet a colmarle, poi sui libri, ma lo faccio tra le lacrime e con la testa altrove, al momento in cui, inevitabilmente, lo scopriranno anche gli altri.

Mentre parlo in pubblico mi sembra che si crei un imbarazzante silenzio, quello di quando le caxxate stanno volando alte: provo un desiderio di lanciarmi dal terzo piano sempre più vicino alla pianificazione effettiva.

Non voglio chiedervi se capiti anche a voi, ritengo che non ci si debba giustificare consolandosi a vicenda. Vi chiedo però se abbiate da passarmi un buon test sul Q.I., per chiarire una volta per tutte l'origine di questa deficienza. Se già ora la situazione è questa, temo che di qui a pochi anni sarò talmente invornita da non rendermi nemmeno conto se mi stanno violentando o derubando..

Aggiornamento:

Ringrazio tutti...purtroppo non posso acquisire fiducia in me stessa senza basi...i fatti sono che i miei genitori, quelli del mio ragazzo e la maggior parte dei miei coetanei sono in grado di rielaborare le proprie conoscenze, fare ironia su fatti d'attualità/storia, risolvere cruciverba...il tutto mentre io mi distruggo dentro e non riesco mai a finire un cruciverba, a ricordarmi nomi e titoli, per non parlare di trame, a non sapere in che secolo viviamo (ogni volta devo fare il conto)...mi sono messa un copriscrivania-cartina geografica...ieri per l'ottava volta sono andata a rivedere la capitale della Turchia....la vita mi fa veramente schifo perché da un lato se la mia è una malattia non posso certo essere felice, ma qualora non lo fosse non basta certo "fidarmi di me", dirmi "sono forte" o fregarmene...non riesco più a convivere con altri, per lunghi periodi non esco...non ce la faccio più....

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Mi sa che qui qualcuno ha totalmente perso la fiducia si se stessa... Hai detto di esserti diplomata col massimo dei voti,di aver concluso la triennale egreggiamente e stai proseguendo... se fossi stupida o cretina non saresti mai arrivata dove sei oggi! Quella che ti manca è la fiducia in te stessa e nelle tue potenzialità... Quando anni fa conseguisti il diploma o poco tempo fa la laurea stavi anche così? io non credo! Stai regredendo perchè non credi più nelle tue potenzialità e a mio modesto parere sprecare una intelligenza così fine è davvero un sacrileggio...

    Fatti forza e non buttarti giù e soprattutto abbi fede nelle tue potenzialità!!

    Ps: purtroppo non conosco test sul Q.I , e comunque sia tu non ne hai affatto bisogno!!!!!!!

    Ciao=)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    lo stress spesso può provocare in te un senso di inadeguatezza e spesso sembra di non ricordarsi niente...fare dei gran calderoni di studio non serve a niente..bisogna cercare di bilanciare il tempo tra studio svago e qualcosa per allentare la tensione(lo sport è un' ottima soluzione)..è molto importante credere in se stessi e farsi coraggio prima di una prova difficile(guardare una cosa in cui si è ottenuto un buon risultato aiuta molto a fare salire la propria autostima)...coraggio ce la puoi fare!!!!ma quale test del q.i....te lo dico io:6 intelligente!io credo in te!!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Inevitabilmente la tua futura occupazione sarà quella di fare l' insegnante. Ti consiglio spassionatamente un break o una vacanza. L'anno scorso ero nella tua medesima situazione : per quanto io studiassi, i concetti e gli argomenti non mi restavano mai in testa, poi li ripetevo, sapendo però che mi dimenticavo qualcosa, controllavo nel libro, e ripetevo, ripetevo, ripetevo all'infinito. Quando era il momento dell'interrogazione ero in grado di esporre l'argomento, ma in modo abbastanza confuso ma soprattutto superficiale, e perciò qual'è il pensiero del professore ignorante? Il ragazzo è poco diligente e non studia in modo costante. All'inizio delle vacanze estive, ho portato in mansarda da mia nonna ogni oggetto che poteva suscitarmi ricordi della scuola. A settembre sono andato a riprenderli e ho risolto tutto. Ti chiedo un dettaglio : questa "crisi" è cominciata da poco o ce l'hai dall'inizio del ginnasio?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.