Maurizio C ha chiesto in Matematica e scienzeBiologia · 1 decennio fa

Parlare degli apparati boccali degli insetti e delle loro modificazioni?

Parlare degli apparati boccali degli insetti e delle loro modificazioni?

Evidenziare come sono formati e che cosa servono e quali tipi di insetti hanno un apparato boccale ma di che tipo è ? per esempio pidocchi, pulci, mosche e zanzare.

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La mosca presenta un apparato boccale succhiatore, così come la zanzara con una struttura definita proboscide che serve per aspirare i liquidi...in questo apparato non ci sono le mandibole ma é rimasto il palpo mascellare sul quale poggiano i sensilli gustativi...le larve delle mosche invece hanno un apparato boccale dilaniante con uncini boccali molto sclerificati adatti per lacerare pelli di tessuto ma non alla masticazione...le api e le vespe invece presentano un altro apparato boccale, chiamato di tipo lambente che presenta due mandibole ben sclarificate ma senza dentelli, quindi non servono per la masticazione bensì per raccogliere e manipolare pezzi di cera e resine vegetali per la costruzione del nido. Poi nell'apparato troviamo il palpo mascellare che é la sede di organi di senso, la ligula che deriva dall'unione delle glosse e termina con una specie di "spugnetta" che serve per assorbire i liquidi ( nelle api: nettare e miele) che vengono convogliati alla bocca. Le farfalle invece hanno un apparato succhiatore dove non ci saranno più le mandibole ma avremo una struttura particolare definita spirotromba, un prolungamento delle galee mascellari che serve per assorbire i liquidi. I bruchi invece presentano un apparato boccale masticatore, molto dannoso con mandibole grosse e dentellate dove le mascelle e il labbro inferiore formano il complesso maxillo labiale che serve per avvertire la presenza del cibo. L'apparato boccale masticatore tradizionale deriva dall'apparato primitivo senza particolari adattamenti morfoanatomici, altri apparati invece presentano le differenze appena descritte e vengono definiti atipici o modificati in quando sono andati incontro nel tempo ad adattamenti morfologici che possono aver interessato appendici boccali o parti di essi...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.