Qualcuno di voi mi sa dire qualcosa sulla poesia di sanguinetti piangi piangi?

Mi servirebbe la poesia e la parafrasi soprattutto se volete scrivrere anche un piccolo commento è ben accetto.

Grazie in anticipo.

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Migliore risposta

    piangi piangi,

    piangi piangi, che ti compero una lunga spada blu di plastica, un

    frigorifero

    Bosch in miniatura, un salvadanaio di terra cotta, un quaderno

    con tredici righe, un'azione di Montecatini:

    piangi piangi, che ti

    compero

    una piccola maschera antigas, un flacone di sciroppo ricostituente,

    un robot, un catechismo con illustrazioni a colori, una carta geografica

    con bandierine vittoriose:

    piangi piangi, che ti compero un grosso

    capidoglio

    di gomma piuma, un albero di Natale, un pirata con una gamba

    di legno, un coltello a serramanico, una bella scheggia di una bella

    bomba a mano:

    piangi piangi, che ti compero tanti francobolli

    dell'Algeria francese, tanti succhi di frutta, tante teste di legno,

    tante teste di moro, tante teste di morto:

    oh ridi ridi, che ti compero

    un fratellino: che così tu lo chiami per nome: che così tu lo chiami

    Michele:

    Edoardo Sanguineti, 1963

    la parafrasi molto breve è:

    che lui si rivolge forse a suo figlio e gli parla di tutte le cose che non aveva prima e adesso hanno quasi tutti, poi nella seeconda strofa parla di una cosa che durante la guerra ce ne volleva veramente bisogno, la maschera antigas. parla anche ti un catechismo a colori cosa di cui lui non ha mai avuto, ma sicuramente la cosa che desiderava di più era che tutti i paesi erano in pace e vittoriosi. Poi parla di tutte le cose che non ha mai avuto nella sua infanzia e adesso vuole che almeno l'infanzia di suo figlio sia felice. Però non vuole neanche che il figlio dimentichi tutto quello che ha passato il padre durante la sua infanzia e così continua fino all' ultima strofa. Però nell'ultima strofa desidera qualcosa di altamente più importante che lui non ha mai avuto e che adesso vorrebbe che il figlio avesse: un fratellino.

    Questa poesia è molto bella perchè intreccia tutto quello che può desiderare una persona durante la propria infanzia con tutte le sofferenze di quel periodo durante la guerra. Ma poi alla fine desidera qualcosa di molto più bello: un fratellino che lui desidera chiamare Michele.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.