Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

L'italia nell'ultimo trentennio??

qualcuno mi può fare un riassunto della politica interna dell'Italia dagli anni '60 ai '90?grazie ;)

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    .La Prima Repubblica

    carattere della democrazia repubblicana non fu esclusivamente determinato dalla costituzione, ma anche dalla legge elettorale, la quale fu inizialmente frutto di un compromesso tra i principali partiti. Si tratta di un sistema proporzionale che premia i partiti di massa quali PCI, PSI e DC. Nel 1948 le elezioni assegnano un ampio successo elettorale alla coalizione della DC, portando il suo leader Alcide De Gasperi alla Presidenza del Consiglio. Al sistema proporzionale venne data quindi un'interpretazione maggioritaria, ma dopo l'erosione dell'elettorato democristiano in favore degli altri partiti minori di destra, si comprese come fosse necessaria una legge elettorale che aiutasse a formare la compagine di governo. Venne approvata nel 1953, a ridosso delle elezioni, una legge proporzionale con premio di maggioranza, conosciuta col nome di “legge-truffa”, per le modalità con le quali nacque, ma soprattutto per il fatto che si assegnava un premio piuttosto alto - il 60% dei seggi - alla coalizione di partiti che avessero ottenuto il 50% più uno dei voti. L'enorme clamore suscitato dall'approvazione della legge fece si che il premio non venisse assegnato al partito con la maggioranza relativa, rendendo precaria la leadership della DC, partito di maggioranza relativa, all'interno della coalizione presentatasi nelle elezioni del 1953. Infatti, nelle elezioni del 1953 la coalizione dei partiti DC, e partiti vicini, non raggiunse la soglia del 50% più uno dei voti richiesti, e il premio di maggioranza non venne assegnato, indebolendo fortemente la DC e la forza centrista.

    La seconda Repubblica [modifica]

    Per approfondire, vedi la voce Seconda Repubblica (Italia).

    Le premesse del cambiamento [modifica]

    I risultati delle elezioni del 1992 evidenziarono la crisi politica del “pentapartito” (tra l'altro diventato di soli quattro partiti, venendo meno all'alleanza il PRI) il quale non raggiunse più la maggioranza assoluta dei voti (si fermò al 48,8%). La DC toccò in questa tornata elettorale il suo minimo storico (29,7%), mentre l'unico partito che sembrò guadagnare molto fu la Lega Nord. Si aprì cosi un periodo di crisi molto complicato, aggravato anche dalle dimissioni anticipate del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga e dalla successiva paralisi decisionale per l'elezione di un nuovo Presidente. Solo dopo il tragico assassinio di Giovanni Falcone la situazione si sbloccò e venne eletto Oscar Luigi Scalfaro alla presidenza della Repubblica. In seguito si formò il governo presieduto da Giuliano Amato, mentre iniziò a irrompere nella scena politica italiana la magistratura (a partire dalla primavera del 1992) con una serie di indagini giudiziarie che avrebbero presto configurato lo scandalo di tangentopoli. La situazione di crisi politica fu accentuata dalla crisi finanziaria di quegli anni, così il nuovo governo si ritrovò davanti a una situazione molto complicata a cui tentò di rispondere con un generale aumento delle tasse che comportò un ulteriore deterioramento della fiducia popolare nella classe politica. Ad avvantaggiarsi di tutta questa situazione parevano essere le ali estreme (MSI e i partiti di sinistra) ma l'ingresso in politica di Silvio Berlusconi con Forza Italia rivoluzionò completamente l'assetto politico italiano, tanto da far parlare di una “seconda repubblica”.

    Fonte/i: wikipedia
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Un disastro!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.