euggenti ha chiesto in ViaggiAltre destinazioni · 1 decennio fa

Visto per andare in Russia?

Io e la mia ragazza stiamo progettando di affittare un appartamento a San Pietroburgo per turismo per 8 giorni.

Stiamo richiedendo il passaporto ma abbiamo letto che è necessario anche il visto e un'assicurazione medica. Sapete dirmi quali sono i passi da compiere per ottenere il tutto? Su internet ci sono diversi siti (soprattutto di agenzie) che se ne occupano ma nessuno ci spiega esattamente come fare "da soli" (sempre che sia una cosa possibile).

Vi ringrazio tutti in anticipo!

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Io sono stato a San Pietroburgo 3 volte e ogni volta , studiando russo da 3 anni, mi sono rivolto alla scuola di russo. Se posso darvi un consiglio, i tempi in ambasciata o in consolato sono lunghissimi, rivolgetevi ad un'agenzia che si preoccuperà di tutto, possibilmente se ne conoscete una buona meglio. Quanto al visto, dovete richiedere un visto turismo che ha validità 30 giorni. Vi presentate con passaporto e una foto. Non state andando in paese facilissimo dal punto di vista burocratico per cui il mio è un vero consiglio per non rischiare di dimenticare qualcosa. I tempi in agenzia non sono lunghi. Quanto agli appartamenti , occhio alle foto online. Guardate bene il quartiere!! qui potete inserire la via e guardare la posizione :http://maps.yandex.ru/

    Su questo sito potete leggere tutto sui documenti, è affidabile e in caso potete mandare una mail perchè vi risponderanno in italiano.http://www.ragoburgo.it/

    buon viaggio

  • 1 decennio fa

    Ciao

    se ti affidia a un'agenzia spendi un po' ma il visto te lo fanno rapidamente.

    come assicurazione va bene una Europe Assistance che puoi fare ovunque.

    ti sconsiglio di usare internet, e a tutti dico di ritrovare la sana abitudine di andare di persona in un'agenzia, alla fine spendi uguale o forse poco di piu' ma hai documenti cartacei VERI timbrati e firmati che attestano chi, come e quando hai fatto le cose.

    mi e' capitato di fare documenti per i visti via internet e vedrmeli rifiutare perche' non c'erano "i timbri originali" e potevano essere dei documenti tarocchi.

  • 1 decennio fa

    per noi europei occorre il visto e si paga anche mio consiglio il visto si ottiene alla ambasciata russa non viene rilasciato subito ******* tempo a volte 15 giorni a volte anche un mesetto

  • 1 decennio fa

    Sul sito www.ambrussia.com nella sezione consolati/ufficio consolare Roma ti indica nel dettaglio quali documenti servono x richiedere il visto. LEGGI BENE NEL DETTAGLIO PERCHE' SUL SITO DELL'AMBASCIATA C'E' INDICATO TUTTO QUELLO CHE SERVE

    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese:

    -PASSAPORTO : necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese.

    E’ bene richiamare l’attenzione sul fatto che i passaporti devono essere sempre tenuti in ottime condizioni al fine di non rischiare che le autorità russe facciano rilievi che potrebbero comportare il rifiuto di ingresso nel Paese.

    -VISTO D'INGRESSO: obbligatorio (si raccomanda vivamente di non arrivare in Russia sprovvisti di visto poiché "in loco" è impossibile regolarizzare la propria posizione nei confronti delle Autorità locali, con conseguente respingimento alla frontiera e ritorno in Italia a proprie spese e previo pagamento di una forte multa). All'ingresso nel Paese si deve compilare la Carta di Immigrazione. Per il rilascio ed informazioni specifiche sui vari tipi di visto, rivolgersi direttamente agli Uffici diplomatico-consolari russi presenti in Italia. Prima di ottenere il visto d’ingresso , si consiglia di verificare lo stato d’uso del passaporto, poiché le Autorità di frontiera possono negare l’ingresso del Paese ai possessori di passaporti eccessivamente deteriorati (per il pericolo di contraffazione).

    Portare sempre con sé il passaporto ed il visto d'ingresso. Entro i primi 3 giorni lavorativi, il passaporto deve essere vidimato dall’Ufficio del Servizio Federale di Immigrazione (UFMS, nuova denominazione del tradizionale OVIR), in base alla nuova procedura di registrazione degli stranieri, descritta oltre.

    Si consiglia di controllare che la data del volo di rientro in Italia sia fissata entro il periodo di validità del visto. Ottenere una proroga del visto o un visto di uscita dal Paese risulta, infatti, molto difficile e comporta comunque il pagamento di una multa piuttosto elevata.In tal caso occorre comunque avvisare l'Ambasciata che rilascia una nota verbale per appoggiare la richiesta di prolungamento del visto che va effettuata presso il competente ufficio territoriale del Ministero degli Esteri Russo. Ci sono punti consolari russi nei principali aeroporti russi.

    N O T A B E N E - Dal 14 gennaio 2007 è entrata in vigore una nuova procedura per la registrazione dei cittadini stranieri che si recano temporaneamente in Russia, quale che sia il motivo del viaggio.

    La registrazione è effettuata a cura della persona fisica o giuridica russa che ha invitato il cittadino straniero, indicata nel visto alla penultima riga. Essa consiste in una notifica all’Ufficio UFMS (Servizio Federale Immigrazione) che rilascia un talloncino di avvenuta registrazione. La notifica è redatta su un formulario predefinito, di cui si può scaricare copia anche dal sito web dell’Ambasciata d’Italia a Mosca.

    Durante il soggiorno, il talloncino costituisce la prova dell’avvenuta registrazione. È consigliabile che il cittadino straniero invitato conservi con sé il talloncino per mostrarlo ad eventuali controlli. Il talloncino servirà infine alla stessa persona fisica/giuridica invitante per notificare la partenza dell’ospite straniero.

    Resta immutato per il cittadino straniero l’obbligo di compilare e presentare all’arrivo in frontiera russa la Carta di Immigrazione, consegnata durante il viaggio o disponibile in aeroporto, conservandone la ricevuta durante il soggiorno in Russia

    Sono previste nei confronti dei soggetti russi che invitano lo straniero ammende di importo elevato per omessa registrazione di arrivo o notifica di partenza. Per gli stranieri, la mancata registrazione e l’omessa notifica di partenza possono comportare problemi sia al momento della partenza che all’atto di un eventuale successivo reingresso in Russia.

    Per quanto concerne i turisti, la registrazione resta a cura degli alberghi nei quali alloggiano. Rispetto alla procedura sinora applicata, gli alberghi non possono più apporre il proprio timbro sulla Carta di Immigrazione, ma devono effettuare la notifica all’UFMS tramite il modulo sopra indicato. In sostanza, si consiglia ai cittadini italiani di accertarsi che la persona fisica o giuridica russa che invita ed il cui nominativo/ragione sociale è indicato sul visto russo sia al corrente della nuova procedura ed assicurarsi che essa venga puntualmente rispettata.

    LEGGI IN DETTAGLIO IL SITO DEL MINISTERO DEGLI ESTERI al sito www.viaggiaresicuri.mae.aci.it sezione Federazione Russa

    Fonte/i: come dice sopra, ti serve il visto epassaporto regolare. il visto puoi averlo tramite agenzia che ti prenota albergo oppure andare da sola all'ambasciata russa; oppure ancora dalle agenzie che si occupano di visti. passaporto in questura.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.