Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

cm lo fareste il commento del libro: il bambino con il pigiama a righe?

..così x avere qualche consiglio..

(di john boyne) grazie mille in anticipo :p xD smack

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Bruno è un bambino di nove anni che vive a Berlino con il padre Louis (un ufficiale nazista), la madre Elsa e la sorella Gretel. Un giorno il padre, in seguito ad una promozione, viene trasferito vicino al campo di concentramento di Auschwitz per ordine di Hitler, e trasloca con tutta la famiglia per andare a vivere lì.

    Bruno all'inizio non è contento della sistemazione, soprattutto perché non ha nessuno con cui giocare; mentre a Berlino aveva i suoi amici. Pertanto decide di esplorare il giardino dietro la villa, anche se gli era stato vietato, fino ad arrivare alla recinzione del campo di sterminio, dove incontra Shmuel , un bambino ebreo della sua stessa età (nato il suo stesso giorno).

    Bruno non sa cosa succede nel campo e quasi ogni pomeriggio lui e Shmuel si siedono uno da una parte e l'altro dall'altra della rete e si confidano.

    La madre un giorno però scopre le cose terribili che avvenivano nel campo e cade in depressione. Diceva molto spesso al Louis di voler tornare a Berlino, perchè non era un posto adatto per crescere i loro figli.

    Il padre acconsente che i figli e Elsa tornino a Berlino e da la notizia ai bambini. Ma Bruno non era felice. Aveva finalmente trovato un vero amico.

    Il giorno stesso diede la notizia a Shmuel, che gli disse che non trovava più suo padre. Per Bruno era una grande occasione per passare, per l'ultima volta, un pò di tempo con Shmuel e per scoprire cosa c'era al di là della rete. Così si misero d'accordo: Bruno doveva portare un pò di cibo per Shmuel, e Shmuel doveva procurargli il pigiama.

    Il giorno dopo Bruno e Shmuel si trovarono come d'accordo. Bruno si infilò il pigiama, poi entrò nel campo passando sotto la rete elettrificata, e quindi incominciarono le ricerche del padre. Entrando si accorse di tutta l'infelicità e la tristezza che c'era. Gli venne paura. Tutta quella felicità di esplorare era svanita. Ma non fece in tempo ad andarsene che il padre, senza saperlo, diede l'ordine di avviare la marcia.

    Quel giorno dovevano partire, ma la madre e Gretel non trovando più il bambino incominciarono a cercarlo disperatamente. Andarono ad avvertire il padre. Poi la sorella si accorse della porta sul retro aperta e la fece vedere alla madre.Seguirono la strada che portava al campo e trovarono i vestiti per terra. Il padre entra nel campo e incominciò a cercarlo ma quando si accorge che gli ebrei erano nella camera a gas cerca di fermare tutto... Ma era troppo tardi.

    Il padre dopo l'accaduto, a distanza di un anno scoprì che fine veramente aveva fatto il figlio così si gettò a terra aspettando che i soldati lo portassero con loro. Lui era felice: perchè non gli importava che fine avrebbe fatto.

    da:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Il_bambino_con_il_pig...

    per il commento vai qui:

    http://www.sololibri.net/Il-bambino-con-il-pigiama...

    grazia_944

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.