Donata ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 1 decennio fa

Inibizione enzimatica?

Inibizione enzimatica?

Volevo bene capire come sono ragruppati i vari tipi di inibizioni enzimatiche e i loro rapporti con la regolazione allosterica! In cosa differiscono? La regolazione allosterica fa parte delle inibizioni reversibili?

Quindi è corretto inserire la regolazione allosterica all'interno dell'inibizione reversibile? e se no in cosa differiscono? sono due cose separate?

Stessa cosa con l'inibizione irreversibile...Le modificazioni covalenti come la fosforilazione degli enzimi è da considerarsi un'inibizione irreversibile? o sono anche queste 2 cose sparate?

Insomma se è possibile vorrei capire bene schematicamente come sono raggruppati i metodi di regolazione dell'attività enzimatica!

Grazie in anticipo!

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Con il termine inibitore enzimatico si indica una molecola in grado di instaurare un legame chimico con un enzima e di diminuirne l'attività in virtù di tale legame. L'inibitore infatti può impedire al substrato di entrare nel sito attivo dell'enzima oppure intralciare l'enzima nella catalisi della sua reazione.

    Il legame tra enzima ed inibitore può essere reversibile o irreversibile. Gli inibitori irreversibili solitamente reagiscono con l'enzima, modificando chimicamente residui amminoacidici fondamentali per l'attività. Al contrario, gli inibitori reversibili si legano non-covalentemente e producono diversi tipi di inibizione a seconda che si leghino all'enzima, al complesso enzima-substrato, o ad entrambi.

    Non tutte le molecole che si legano agli enzimi, comunque, sono inibitori. Oltre, ovviamente, ai substrati, agli enzimi possono legarsi anche molecole in grado di potenziarne l'attività, dette attivatori enzimatici.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.