Andrea
Lv 5
Andrea ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 10 anni fa

uno sfogo di tristezza: perché tutti mi danno del malato mente?

sono un ragazzo di 20 anni... e ultimamente ho notato che qualsiasi persona mi da del malato di mente... premetto che ho dei problemi in famiglia... mio padre mi vuole medico a qualsiasi costo e a causa di questo peso sulle spalle da mesi soffro di crisi di ansia (non di panico) e di depressione... tuttavia la gente dice proprio che sono PAZZO... io sinceramente non credo di essere pazzo... voglio dire... una persona PAZZA... presenta dei deficit anche a livello intellettivo... io sono answeriano doc in chimica... non credo che una persona pazza riesca a bilanciare reazioni chimiche e cose di questo tipo... giusto per fare un esempio banale... eppure le persone mi danno del pazzo perchè ad esempio non parlo di cose semplici come le discoteche, l'amore, le auto, i vestiti... però non è solo questo... è anche il mio modo di fare che suggerisce alle persone che sono pazzo... a volte in un discorso mi vengono in mente dei ragionamenti (voli pindarici) e le persone si spaventano dandomi del pazzo... oppure si mettono a dire che i miei discorsi non hanno senso senza però spiegarmi il perché... a questo punto, davvero, io non so cosa fare per essere accettato dalle persone... e quindi sono mesi che mi sono chiuso in casa non uscendo piu... studio studio e studio di notte... quindi mio padre non mi vede che studio e si incazza un casino dicendo che non passerò mai gli esami ecc... non mi lamento mai della mia depressione... o meglio... ho provato a lamentarmi in passato... ma ieri mi ha detto che, se non la smetto con queste ''cavolate'', la prossima volta che mi lamento mi spacca la faccia... dice che anche se fosse vero che soffro, lo faccio solo perché non ho nulla da fare durante il giorno e se tenessi la testa impegnata a studiare non ce li avrei... ma come faccio a dedicare tutto me stesso allo studio se soffro di depressione e crisi di ansia? non è facile... ve lo assicuro... sono andato da uno psicoterapeuta per guarire... ho speso 540 euro... e non ne sono saltato fuori... cioè sono sempre qui col solito male... e guai a dire a mio padre che non è servito a nulla... dopo 540 euro spesi... la prima cosa che fa se gli dico una roba del genere è menarmi... e sinceramente non ho più voglia di fargli perdere dei soldi... soprattutto perché questa mia situazione li ha molto stressati... questa notte mi sono svegliato con una crisi di ansia... avevo il cuore a mille... ma non ho voluto svegliare nessuno... e quindi mi sono praticato da solo la manovra di vansalva per farla smettere... forse è vero che sono un malato di mente... perché queste cose alle persone normali non capitano... però a questo punto della mia vita io cosa dovrei fare? ormai, il mio essere una persona molto sensibile e profonda mi ha portato a riflettere su cose bruttissime... come il fatto che l'affetto di mio padre è direttamente proporzionale alle ore che studio...e a nient'altro... perché quando non studio mi dice delle cose gravissime... mi da del figlio di p....... mentre l'unico modo per ''sedarlo'' è fargli vedere che studio e che sono convinto a diventare medico... sono dipendente da lui insomma... ma non so più cosa fare... a questo punto inizio a vedere il suicidio come unico modo per farla finita... non sto dicendo: ''ehi ragazzi mi suicido! ditemi di no e non lo faccio...'' nono... il mio è solo un pensiero... non sto dicendo che lo farò... tornando al discorso precedente... mio padre dice sempre che vorrebbe che fossi un ragazzo normale come gli altri... che studia, si diverte, ha la ragazza, tanti amici ecc... ma come faccio ad'essere una persona normale con tutte queste sfighe? lui se mi lamento dice... non lamentarti che hai tutto: una casa, da mangiare, i soldi ecc... non ti manca nulla... e a me viene da pensare: è davvero questo che conta nella vita? una casa e i soldi? se hai questo non ti manca niente davvero? a me mancano un sacco di cose: una ragazza che mi ami... quella non l'avrò mai... degli amici che tengono a me per quello che sono e non perché gli do il passaggio in macchina o perché gli offro il sabato sera e se sto male spariscono per mesi e mesi... mi manca un padre che non tiene a me solo per quanto studio ma per quello che sono e potrei essere... mi manca piangere... non riesco più a piangere da un anno a questa parte... nonostante tutta la tristezza che provo... e l'unico modo con cui il mio malessere esce fuori sono le crisi di ansia... mi manca una vera vita e sono consapevole che ormai non ci sarà più nulla da fare... mi manca svegliarmi la mattina e vedere il cellulare con almeno un messaggio e non con i messaggi della vodafone... penso che se mai dovessi uscire da questa situazione... non sarei una persona più forte e sicuro di se... no... sarei praticamente immortale... dopo tutta la sofferenza che ho provato e sto provando... ma non sono abbastanza forte per uscire da questa situazione... dato che in genere tendo ad arrendermi.

Aggiornamento:

p.s. mio padre e mia madre, inoltre, non credono al fatto che soffro... e dicono che è solamente una scusa banale per non studiare più e non fare nulla...

Aggiornamento 2:

mi piacerebbe avere delle risposte serie e non le solite dolci da bacio perugina o della nike... quelle concretamente non aiutano a risolvere il mio problema

12 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Migliore risposta

    Wow e consentimi il "wow" era un modo per dire che ho letto tutto di fila e quindi era lunghetta hihihih.

    Allora andiamo per ordine altrimenti rischio di fare confusione.

    Non credo di aver letto il tuo nome ma ricordo che hai scritto che hai 20 anni e quindi:

    TUO PADRE

    Bene siamo all' epilogo, tutti i papà vorrebbero la cosa migliore per i propri pargoli ma queste cose si son dette e rupetute fino al vomito per cui diamole per scontate. Capirei l' apprensione che ha il tuo papà per quanto riguarda la tua forma professionale ma credimi se ti dico che devi insistere per fargli capire che loro due devono aiutarti in modo concreto, standoti dietro più che aanuire da scocciati nel sentire che non stai bene, mi ha commosso il tuo scritto e di tanto in tanto, mentre ti leggevo sentivo la distanza che a tratti i tuoi pongono nei tuoi riguardi.

    Devi secondo me impegnarti a capire che tipo di strada puoi percorrere per "uscire dal guscio", il grande errore che si commette in certe situazioni è la tendenza a voler vedere i risultati buoni e subito, invece no, devi dare un pò di tempo a te, ai tuoi e a tutto.

    Non mollare ragazzo, non rassegnarti mai perchè se lo fai dovrai dire si come un ciuco, i tuoi ti vogliono bene e sapranno capirti, tu però cerca di essere sempre chiaro e non dire va tutto ok se non lo va.

    I TUOI AMICI

    Chi ti usa non è un tuo superiore, chi ti sfrutta non ti è amico ma tu sii te stesso, sei sempre un metro sulle loro teste, ti danno del pazzo perchè non pecchi di ovvia stupidaggine come loro?

    Io solo a oleggere le poche cose scritte in fatto di chimica ero a bocca aperta, studia , studia, un giorno tu potrai dire la tua in questa feccia di società e loro faranno beee beee beee ecco come termina la cosa.

    TU

    Credi in te stesso, credi in te in quanto ragazzo che reagisce e che continua per la sua strada, c'è solo da ammirarti e se tu fossi pazzo beh, io allora vorrei essere 90 volte più pazzo di te, lascia perdere le cazzate, lascia al proprio porcile colui il quale ride (di cosa poi) si hai ragione la solitudine ci fa stare male, ci fa sentire vuoti, tristi ma sono PIENAMENTE CONVINTO che devi amare te stesso, datti una mano ragazzo e senti a me, domani magari ricorderai queste parole.

    Forza e onore.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Jesus
    Lv 4
    3 anni fa

    Controllare il panico è possibile, dai un occhiata qui http://SconfiggiAnsia.givitry.info/?Zj6I bisogna allenarsi e possedere alcune tecniche che ti possono aiutare ad avere controllo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    la vita è una m.erda per tutti, bisogna solo trovare dei compromessi per renderla il più sopportabile possibile. qualcuno ci riesce.

    da come parli sembra che la causa di tutti i tuoi mali sia tuo padre. la soluzione non è il suicidio ma forse chiudere tutti i rapporti con il tuo vecchio e iniziare così una nuova vita facendo quello che vuoi TU, non quello che vuole tuo padre.

    comincia a pensare a tutte le cause della tua sofferenza e piano piano cerca una soluzione per ognuna.

    in queste situazioni nessuno può aiutarti (guarda come è andata con lo psicoanalista...figurati qua su answers), quindi cerca di fare qualcosa per la tua autostima ("io una ragazza che mi ami non ce l'avrò mai" "tendo ad arrendermi"), perchè sicuramente un po' nascosta dentro di te ne hai visto che in quello che ti piace riesci (vedi la chimica).

    inoltre quello per cui gli altri ti ritengono pazzo per me è una dote: capacità di astrarre, maggiore sensibilità e il non omologarsi con la massa. la causa della mancanza di amici non è colpa tua, ma della quantità di persone di m.erda da cui sei circondato.

    spero che riuscirai a non affogare nella tua depressione. buona vita.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Ehi quanta tristezza :)

    Allora innanzitutto l'unica vera persona che ha bisogno di andare da uno psichiatra (direi anche uno molto bravo) è tuo padre, povero fallito che si sfoga su di te, dato che per trattarti così male bisogna essere davvero frustrati. La mia teoria è confermata dal fatto che ti vuole far diventare medico... ma insomma quando lo manderai a fancu*o? Tu devi fare quello che vuoi veramente fare... hai detto che ti piace la chimica? Studia ciò che desideri ardentemente capire, affinché tu ti senta soddisfatto ed appagato. Inoltre hai anche venti anni... non hai la patente? Devi farti forza e realizzare i tuoi veri sogni, non quelli di tuo padre.

    Riguardo alla cosa del pazzo.. non credo tu lo sia, ma ti stai facendo venire le malattie perché ti fanno credere di essere pazzo... il famigerato effetto Pigmalione (o effetto Rosenthal). Quindi convinciti che le persone che ti hanno detto una cosa del genere sono dei coglio*i.. forse ti insultano perché ciò che vuoi dire lo dici con difficoltà o con inceppamenti.. ma tu stai tranquillo, e fregatene di tutto e di tutti (ribadisco il concetto di prima: scappa da quel fanatico di tuo padre.. trovati un appartamento.. vedrai che se sei sicuro di té stesso le cose che vuoi si realizzano).

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Qualcuno disse “il pazzo è colui il quale ha perduto tutto all’infuori della ragione”.

    Effettivamente è una situazione critica ma da ogni situazione, anche la più terribile se si vuole si può uscire.

    Per quanto riguarda la tua terapia puoi essere stato poco fortunato e incappare in un terapeuta non all’altezza della situazione, parti dal presupposto però, che non c’è terapeuta al mondo in grado di aiutare una persona se non è intenzionata a stare meglio.

    Non capisco perché ti ritrovi a studiare di notte.. forse dovresti chiederti il perché, come non capisco il motivo per il quale non dici chiaramente a tuo padre che non vuoi fare il medico. Di certo non ne sarebbe felice, ma alla fine dovrebbe per forza di cose rassegnarsi.

    Dietro a ogni decisione c’è una rinuncia. Forse in questo momento devi cercare di capire se è meglio rinunciare almeno momentaneamente, a una parvenza di pace famigliare e parlare chiaramente a tuo padre, o rinunciare a scegliere autonomamente la tua strada costi quel che costi.

    In bocca al lupo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    ciao..Studio psicologia da 4 anni.. e posso suggerirti di andare da uno psicologo.. non perchè sei pazzo.. nn devi credere alla gente ma a te stesso.. la gente mente, sparla, fa cose cattive ec.. e tu preferiresti credere a della gente ke fa ttt qsto nella sua vita privata o a te.. ke per non dr dei dispiaceri a casa preferisci studiare medicina.. magari una cosa che neanke ti attira?!

    Vai da uno psicologo.. xkè il fatto che tu dica ho crisi d'ansia o depressione è un fatto che molte volte si crea nella testa delle xsone dato il forte stress.. non leggere cose su wikipedia.. tipo cos'è la depressione o come si guarisce xkè è una cosa ke si deve testare da vicino non tramite letture..

    Nella vita inoltre serve tutto e allo stesso tempo non serve nulla.. una volta mi hanno dtt ke noi viviamo la vita con lo stomaco ossia l'istinto.. e non cn il cuore.. dovresti kiederti cosa vuoi davvero.. cosa ti serve x stare bene.. x essere felice.. NOI VIVIAMO PER SCOPRIRE COS'è LA FELICITà.. e se la gente ti da del pazzo tu sorridi.. la vita senza pazzia ke vita sarebbe?

    Forse loro sbagliano il ternmine pazzia ma sicuramente la metà di loro non vuole dire ke veramente lo sei , ma sbagliano ad esprimersi , forse vogliono farti kapire ke pensi troppo e allo stesso tempo pensi troppo poco.. concediti una pausa.. se puoi fai un viaggio.. stacca la spina per un pò, se hai amicizie non perderle ma coltivale , un giorno avrai bisogno di qlle xsone e loro di te anche di qlle che non ti saresti mai aspettato qndi sorridi, esci , fai shopping, prendi la makkina e vai al mare anche se da solo , falle le cose!

    Mi raccomando pensa a ciò ke vuoi veramente. tratta bene te stesso nella vita avrai solo te!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Ciao, io non so se posso aiutarti... ho 17 anni però io ci provo comunque avendo avuto un'infanzia piuttosto complessa e quindi tramite il mio passato cerco di darti una mano!

    Allora... prima cosa: NON SEI PAZZO!! Non è detto che se non parli di discoteche, di auto,di sentimenti... uno allora non è una persona normale! Anzi, sei una persona particolare che affronta tematiche ben più complesse, che adora confrontarsi su argomenti a livello intellettivo superiore... che discorsi si possono fare sulle auto?? sulle discoteche?? Al massimo: no guarda è più bella l'Audi della Bmw... questa ha 120 cavalli, mentre l'altra ne ha 115 di cavalli... ma non mi sembrano discorsi altamente intellettivi (certo se poi entri nei particolari, magari hai una passione per le macchine o lavori in un'officina quello si, per carità... comunque le discoteche no!!)

    Tu hai paura di deludere tuo padre: ti senti in colpa se un giorno non diventi un medico come lui ti ha imposto ed hai paura di come possa reagire!! Ma almeno a te piace fare il medico? Scusami, ma tuo padre non è una persona umana, spaccarti la faccia?? Ma stiamo scherzando?? Usa le mani con te, solo perchè non segui i suoi voleri, è come se lui ti ordina cosa fare, è come se lui vive al posto tuo!! Io primo portavo lui da uno psicologo... i problemi dei figli vengono prima di ogni qualsiasi altra cosa... tu stai soffrendo e non riesci ad uscire da questa situazione perchè non hai appoggi, punti fermi su cui contare... la famiglia dovrebbe essere la prima a sostenere un figlio!! Mi sorprendo anche di tua madre, spesso le più comprensive e protettive con i figli... Gli amici?? E' difficile avere amici sai?? Quando arriva il momento in cui hai bisogno di loro, tutti che spariscono, che non si fanno più sentire... stanno con te solo quando gli serve un posto in macchina (lo noto con mio fratello questa cosa, molti suoi amici fanno in questo modo)!! Tu a questo punto ti butti sullo studio e ti deprimi ancora di più... uno ha bisogno anche di svagarsi un po la sera... non dico tutti i giorni ma il venerdi o il sabato!! Devi far vedere a tuo padre che il giorno studi tanto, in modo che la sera esci, stai in compagnia, e fai qualcosa di diverso... anche tu comportati come loro, nel senso per te devono essere amici di convenienza, con cui uscire, ti diverti e tutto ma poi finisce li!! Vedrai che ti sentirai meglio... il vero amico/a arriverà pian piano, intanto cerca di entrare in una comitiva e di svagarti il più possibile!! Io sono stato un anno a casa, chiuso in camera, davanti al computer, non avevo amici, niente... vedevo mio fratello divertirsi, io piangere sotto il cuscino la notte!! Poi ne sono uscito... ho fatto come ho scritto sopra, un po di buona volontà e così via!! Non ne potevo più... non mi riconoscevo!! Anch'io prima ero una persona aperta, scherzosa... invece adesso sono ansioso, più chiuso, prima che mi apro con una persona mi ci vuole un po di tempo... ma piano piano sto cercando di rimettere le cose al loro posto!!

    Per gli attacchi di ansia non so come aiutarti, li devi trovare un metodo mi dispiace!! Ciao spero di averti aiutato e tirato un po su il morale!! Ciao =)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • saga22
    Lv 6
    10 anni fa

    la tua situazione la conosco bene e siamo in piu di quello che pensi.d'altronde ciò che é normale in questo paese é molto discutibile.fatti un piano di evasione,seguilo e fatti una vita dignitosa,scrivi bene,concetti ben messi e con proprietà di linguaggio,perché dovresti essere pazzo?

    le cose sono queste:o vai avanti cosi come una nave nella tempesta,oppure ti fai un piano di evasione,oppure te ne vai subito di casa,ti trovi un lavoro e almeno ci provi,tanto se ti viene in mente di suicidarti vuol dire che ti senti di non avere piu niente da perdere.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    hey, ma hai 20 anni non devi pensare che è tutto finito... avrai tante cose da vivere ancora!!!

    non credo proprio che tu sia pazzo! stai passando un periodo pesante perchè ti senti pressato su cose che non sono tue (è tuo padre che ti vuole medico, non tu) e le cose che vorresti vivere non sono ancora arrivate (magari una ragazza, come dici tu) ma non devi dire che non arriverà mai...

    anche io faccio i "voli pindarici" quando parlo :D

    e sto passando a mia volta un periodo stranissimo ( http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ak... )

    come me hai bisogno di qualcosa che ti faccia staccare totalmente o quasi dalla quotidianetà che stai vivendo... lo so che non è facile e magari non hai nemmeno un carattere forte o testardo, ma secondo me è l'unica soluzione. devi cambiare la tua vita in modo radicale, cambiare aria, conoscere gente nuova, cambiare indirizzo di studi se quello che stai facendo non è quello che ami davvero o addirittura lasciare l'università e andare via da dove vivi e cercarti un lavoro

    ripeto, non è facile, ma i miracoli non esistono..solo tu con un grande sforzo potrai aiutarti e vedrai che sul tuo cammino troverai le persone giuste e LA persona giusta per te... ci sono tante persone che non conosci ancora. sii fiducioso! :)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Non sei pazzo sei...forse è il periodo..infine =Non arrenderti mai, xkè quando pensi ke sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio...

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.