Sindrome di Asperger?

Qualcuno gentilmente mi sa dare informazioni circa questa sindrome? Avrei bisogno di sapere quali sono i comportamenti che la caratterizzano per quanto riguarda le relazioni con gli altri, degli esempi sarebbero molto utili. Non postatemi argomenti presi da wikipedia o altri siti, lì ho già letto, mi servono esperienze dirette di chi conosce qualcuno con questa sindrome. Grazie, ciao

Aggiornamento:

grazie per le stelline

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    domanda pesante, ma ti voglio rispondere. Mio padre probabilmente ne soffre.

    Ti prendo punto per punto qualche esempio di vita quotidiana, poi mi dirai te.

    Non ha mai avuto amici, ora passa tutto il tempo chiuso in camera ( è pensionato) dove si concentra occupando la mente soltanto su una sola cosa: film; tutto il resto non gli interessa.

    Prima invece parlava solo della bibbia e si era fatto amici con cui parlava solo di quell'argomento.

    si fissa sugli oggetti, ad esempio orologi da polso. Li guarda, li ammira, li riammira, li nasconde perchè altri non li trovino.

    Non ha dialogo in famiglia se non quando deve convincerci sulla qualità di un film. Quando viene qualche parente in visita si mostra goffo nei movimenti, quasi ridicolo per come cammina senza coordinazione. Inoltre non sa tenere bene la forchetta in mano e spesso, quando parla non è interessato al punto di vista degli altri, ma ha bene in mente un solo pensiero fisso e non spazia negli argomenti. A volte sfrega compulsivamente il dito indice e medio della mano destra mentre parla (Movimenti corporei stereotipati e ripetitivi) e ammetto che è abbastanza inquietante.

    E' inflessibile quando si tratta di tenere serrate le finestre ( è convinto che l'aria fresca sia dannosa alla salute) e va in giro con dei tappi nelle orecchie perchè "il rumore gli entra nel cervello"

    Non condivide niente con nessuno, vale a dire interessi. Ci sono cose che non ha mai fatto, come ridere in famiglia o leggere un libro. Non ha mai chiesto l'opinione di nessuno, non si cura dell'emotività degli altri e non arriva a capirla. Sembra sempre teso, depresso, buio.

    Quando parla lo fa usando solo l'imperativo, questo elude ogni possibilità di dialogo, per esempio usando sempre gli stessi verbi, soprattutto con mia madre:

    fa' il caffè!

    leggi qua!

    abbassa la tv!

    spengi le luci!

    va' ad aprire!

    queste sono le frasi più comuni che dice, non aggiunge altro.

    non è mai venuto da me per parlare di come è andata una giornata, per assicurarsi che tutto andasse bene, non è mai stato premuroso, soltanto imperativo, un po' come se avesse a che fare con dei robot, non con dei figli. E' sempre stato incapace di dare consigli utili e pratici sulla vita sociale e quotidiana. E' come un alieno sbarcato su un pianeta che non conosce ed è come se guardando gli altri percepisse solo quello che vede, non i sentimenti che ognuno di noi può provare.

    Non ha mai mostrato interesse verso noi figli, per esempio non ci ha mai scattato una foto quando eravamo piccoli io e mio fratello, e non ho foto che mi ritraggano insieme a lui, semplicemente non gli interessa. Non ci ha mai portato al cinema, non ricordo un abbraccio, una carezza, una parola buona.. non ha mai fatto le cose che fanno le persone normali per far felici gli altri perchè è malato. Non si è fatto curare, evita i dottori. So di un ricovero coatto quando ero appena nato ma nessuno ne parla.ci sono voluti anni perchè capissi informandomi che non era una persona normale, quando cresci in una famiglia dove alcune cose sono scontate, la quotidianità anche se sbagliata ti sembra normale.

    Non mostra emozioni in volto, ha sempre la stessa faccia ed evita di guardare negli occhi. Se a tavola incrociavo lo sguardo, si preoccupava.. mi chiedeva: perchè guardi!? sulla difensiva. Ho smesso di guardarlo. Se un figlio non può manco guardare il padre... vabbè.

    La voce è bassa, sempre lo stesso tono, ha solo un'ottava, risulta noioso quando dice sempre le stesse cose a cui non c'è possibilità di ribattere, nè condividendo nè ribattendo il contrario di quello che dice, parla da solo, in pratica, ma vuole un uditorio.

    per tornare all'ultima follia dei film, non sono sicuro che afferri il significato di quello che vede oltre quello che viene detto. Quando parla di un film si attiene alla semplice trama, un po' figure e parole, e nient'altro.

    L'isolamento, saranno 15 anni che sta chiuso in camera, prima lavorava e poi si chiudeva in camera, ora solo camera. Credo che superficialmente forse le persone non si accorgano di queste cose se ci parlano per solo 20 minuti ogni tanto.

    Un'altra cosa è l'imitazione verso interessi altrui per farli propri. Non per condividerli, ma per isolarli con sè stesso. Ci sarebbero tante altre cose che potrei dirti come esempio, come i compleanni non festeggiati, le feste senza regali, l'umiliazione di avere un padre menefreghista in mezzo a genitori amorevoli.. ma fanno un po' male meglio evitare anche se sono ormai passati tanti anni. Spero di esserti stato d'aiuto.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    stellino qualcuno dei miei vecchissimi contatti lo sa

  • 5 anni fa

    Secondo me l'aveva la bonanima d mio padre, anke se lui qnd ero bambina d foto me ne faceva tante.

  • Bibi .
    Lv 5
    1 decennio fa

    Fa parte dei DSM IV TR e fa parte dei disturbi pervasivi dello sviluppo in cui vengono compromesse poiù aree dello sviluppo, ad es: la comunicazione verbale e non verbale, il comportamento che spesso è ripetitivo e inadeguato ecc.

    E' molto simile all'autismo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.