Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeBotanica · 10 anni fa

spiegatemi per favore la strutture dell' ovulo (megasporangio )?

sto studiando la riproduzione delle piante e si parla spesso di nucella, tegumentom polo micropilare...e siccome non ci sto capendo una stramazza, vorrei avere una descrizione dell'ovulo ....

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    l'ovulo sarebbe il macrosporangio al cui interno tramite meiosi si formano le macrospore.

    l'ovulo è costituito dalla nocella, che sarebbe l'insieme delle cellule madri delle spore e delle cellule del tappeto. la nocella è rivestita da uno e più raramente da due tegumenti(tessuti di protezione).

    i tegumenti però non racchiudono completamente la nocella, ma lasciano una piccola apertura detta micropilo attraverso cui penetra il granulo pollinico.

    l'ovulo è costituito da un polo micropilare, in corrispondenza del micropilo, e da un polo calazale in corrispondenza della calaza. la calaza permette all'ovulo di ancorarsi al macrosporofillo

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 4 anni fa

    L ovulo è abbastanza semplice. È composto da una nocella (che è il magasporangio) sostenuta da un pedicello, detto funicolo, e protetta da due tegumenti (detti primina e secondina). I tegumenti non coprono interamente la nocella, rimane un apertura: il micropilo. Molto presto nella nocella si sviluppa il megasporocito che per meiosi genera 4 megaspore aploidi. Delle 4 megaspore solo una rimane vitale, le altre 3 degenerano (non sempre in tutte le spermatofite). La megaspora si ingrandisce a spese della nocella e si divide mitoticamente:dopo 3 divisioni abbiamo 8 nuclei. Gli 8 nuclei sono divisi in 2 gruppi. Un gruppo migra verso l estremità micropilare e l altro verso quella opposta, chiamata calazale. Un nucleo da ciascuno dei due gruppi va verso il centro: sono i nuclei polari. I 3 nuclei micropilari diventano la cellula uovo e le due sinergidi; i 3 nuclei calazali diventano cellule antipodiali. I due nuclei polari formano una sola cellula. In definitiva nel magagametifito abbiamo 8 nuclei e 7 cellule. Un po lunghetto ma mi sembrava giusto passare dall ovulo alla megaspora e infine al megagametofito maturo. XD

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Lo sporangio è la struttura cava unicellulare o pluricellulare, nella quale si formano le spore. Taluni autori considerano come vero sporangio quello formato da più cellule, mentre riservano a quello unicellulare il nome di sporocisti. Nel corso dell'evoluzione, si assiste di preferenza alla formazione di sporangi. Di seguito si considererà il concetto di "sporangio" nel senso più ampio.

    La formazioni di sporangi è tipica del mondo vegetale nel senso più ampio. Il termine stesso non è indicativo del tipo di spore contenute all'interno di essi, se mitospore (prodotte per sporulazione, cioè divisioni mitotiche che portano a spore con corredo cromosomico pari a quello dell'organismo che le ha generate) o meiospore (prodotte per sporogonia, cioè in seguito a meiosi con dimezzamento del corredo cromosomico originario). In ogni caso, si tratta formalmente di endospore, perché contenute all'interno dello sporangio. Le esospore sono invece esposte all'esterno. Nei funghi ascomiceti, l'asco è lo sporangio che contiene le ascospore (che rientrano nella tipologia delle meiospore). Nelle piante superiori, si possono individuare le strutture omologhe agli sporangi (e che potrebbero a buon diritto essere così denominate). Nell'antera, le cellule madri delle microspore originano per meiosi quattro microspore ciascuna, da cui si formano i granuli pollinici. Contenendo delle spore, le antere, o più precisamente le sacche polliniche che le formano, sono sporangi (microsporangi, perché contengono le microspore).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.