Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 10 anni fa

Un prete pedofilo si può perdonare, un prete gay no ...?

E' cristianamente giusto quanto affermato da Mons Babini ?

L'INTERVISTA INTEGRALE :

Chiesa nella bufera dopo la inchiesta di Panorama su presunte movide notturne di sacerdoti a Roma. Il Vicariato con una dura nota, ha preso le distanze e ha richiamato al dovere. Di questa sconcertante vicenda parliamo con Monsignor Giacomo Babini, Vescovo emerito di Grosseto: " indubbiamente sarebbe opportuno che i nomi di costoro vengano fuori, anche perché qualcuno potrebbe sempre spacciarsi per sacerdote. Per un dovere di chiarezza il settimanale, cosa che mai avverrà, potrebbe dare nomi e cognomi delle persone coinvolte". Poi precisa: " certo i giornali, pur di attaccare la chiesa, guazano nello sterco, ma oggi non me la sento di prendermela con il settimanale che in fondo ha svolto il suo lavoro, sia pur in modo molto discutibile e violando la privacy delle persone". Che considerazioni muove?: " dunque, ho già espresso in varie occasioni la mia netta contrarietà alla omosessualità che considero una ...

... vera perversione contro natura. Ora se queste cose vengono commesse in tal modo osceno e turpe da saceredoti, sarebbe il caso, come si faceva una volta, di mandarli in carcere e farceli rimanere a vita. Non sono degni di indossare la tonaca e la tolgano, la hanno infangata, come hanno colpito la Chiesa".

Davanti a certi fatti, un Vescovo serio e moralmente ineccepibile come Lei non é tentato da mandare tutti al diavolo: "la tentazione esiste, ma Cristo ai discepoli ha detto, volete andarvene anche Voi? E loro hanno risposto, Signore tu solo hai parole di vita eterna. Bene, solo Cristo e la Chiesa cattolica ci assicurano la salvezze e solo in essa sussiste, basta con le chiacchiere, una volta, quando vi era maggior fermezza etica, queste cose non avvenivano".

Il Vescovo rincara la dose: " questi ex preti che devono essere ridotti allo stato laicale e cacciati, meritano, salva la misericordia di Dio, di finire la loro vita all' Inferno che li aspetta. La omosessualità in un prete, se tradotta in pratica depravata, é addirittura più grave della pedofilia, si tratta di uomini viziosi e perversi, che si sono abbandonati a oscene pratiche contro natura".

Che cosa rischiano?: " certamente la riduzione allo stato laicale, una azione di giustizia da parte del promotore, ma vedrà che non saranno condannati. In altre epoche finirebbero in una gattabuia a meditare sulle loro perversioni".

Omosessualità e pedofilia: " scientificamente non vi é relazione tra le due cose. Ma io come Vescovo sarei maggiormente comprensivo con un prete pedofilo che si penta e soffre della sua condizione che di questi viziosi. Le dico di più, se mi fosse capitato un pedofilo non lo avrei denunciato, ma cercato di redimere. Un padre come é il Vescovo per un sacerdote, non denuncia i figli che sbagliano e si pentono. Ma con i viziosi bisogna essere intransigenti".

FONTE : Pontifex

"

Aggiornamento:

@ Paolo Roma - Si , sono d'accordo con te ma se avessi letto, avresti preso nota proprio del fatto che Mons. Babini afferma che lui non denuncerebbe un prete pedofilo.

Aggiornamento 2:

@ Ale - depravato sarai tu.

Aggiornamento 3:

@ Spia 75 & GnaoGatto - Non ho trascurato il pesniero da voi esposto, assolutamente. Ale non lo tengo nemmeno in considerazione, il perchè è ormai noto, basta spulciare nelle sue attività passate, se non vi va di farlo, cortesemente non venitemi a dire che ha detto qualcosa di sensato. Ciò che a voi sfugge nel contenuto della domanda è che qui non si tratta di indignazione personale o di presa di posizione pro-omosessuale. Qui si parla tra la differenza tra reato e orientamento sessuale: La pratica della pedofilia è reato. La pratica omosessuale non lo è. Mons Babini con le sue affermazioni si rende colpevola di favoreggiamento al reato della pratica di pedofilia e incita a commettere tale illecito facendolo pessare per an'azione cristianamente corretta.

Cogliete il senso dellla domanda adesso ?

Aggiornamento 4:

Il senso delle affermazioni di Mons. Babini è questo : "L'omosessualità è meritevole della galera, la pedofilia no!"

Qui non c'è Dio e non c'è Bibbia. Solo delirio personale.

Aggiornamento 5:

@GnaoGatto - la tua posizione di cattolica era già abbastanza chiara, lo avevo capito.

La cosa che più mi lascia perplesso è proprio la distanza tra il cattolicesimo e il senso della giustizia. E' enorme.

In un paese democratico dove la giustizia funziona davvero, Mons. Babini sarebbe in galera per quanto ha affermato, perchè è un reato. E non è una mia opinione.

Qui in Italia invece continua a svolgere il suo ruolo di demente nazista, sollevando al massimo qualche sterile polemica. O addirittura c'è chi lo elogia o chi, come te, prova a estrapolare un messaggio divino dalle orribile parole pronunciate da uno spregevole individui come lui è.

E' vero ognuno ha le sue idee e vanno rispettate. Ma il passato ci insegna che il passo verso i genocidi a volte è molto corto.

Spero che un giorno questo tipo di ragionamento tocchi personalmente le vostre persone e le vostre famiglie. Solo allora capirete.... forse.

28 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    E questo da dove è uscito?

    << Omosessualità e pedofilia: " scientificamente non vi é relazione tra le due cose. Ma io come Vescovo sarei maggiormente comprensivo con un prete pedofilo che si penta e soffre della sua condizione che di questi viziosi. Le dico di più, se mi fosse capitato un pedofilo non lo avrei denunciato, ma cercato di redimere. Un padre come é il Vescovo per un sacerdote, non denuncia i figli che sbagliano e si pentono. Ma con i viziosi bisogna essere intransigenti". >>

    l'unica cosa giusta che ha detto è che non vi è relazione tra pedofilia ed omosessualità.... e già è qualcosa, ma poi dire che non avrebbe denunciato un pedofilo e che non avrebbe pietà con un omosessuale poichè vizioso, lo fa cadere in un baratro di ignoranza infinita.

    La pedofilia è perverzione, l'omosessualità un orientamento, questo sfugge al Mons Babini.

    Ma fanno degli studi al contrario quando sono in seminario ?

    perchè è assurdo nel 2010 dire una cosa del genere.

    Ripensandoci; solo il fatto che lui affermi che non avrebbe denunciato un pedofilo senza alcun problema, mi fa pensare alla possibilità che lui stesso ne abbia "protetto" qualcuno, ma non è un'affermazione grave visto che la pedofilia è reato ? immagino che oltre alla polemica non vi saranno conseguenze per questo signore.

    Quando leggo queste cose mi chiedo come faccia molta gente a seguire queste persone...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Ascolta... io non ho nemmeno voluto leggere tutto... ti dico solo una cosa.. un uomo che commette un reato, un crimine, una violenza deve pagare... PRETE O LAICO CHE SIA... con questo non dobbiamo pensare che tutti gli uomini siano criminali o che tutti i preti siano pedofili ... SIAMO UOMINI e in quanto uomini sbagliamo... punto.

    Per quanto riguarda i gay.. non c'è da perdonare nulla.. se lo sono non fanno male a nessuno..

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Non hai scoperto l' acqua calda.....

    le vecchie gerarchie ecclesiastiche hanno sempre ragionato in tal modo, giungendo a "invertire" le situazioni, per cui un sacerdote pedofilo può essere perdonato se si pente mentre un sacerdote gay è esclusivamente un vizioso......ecco l' assurdo, un sacerdote gay, pur ammettendo che non renda onore alla tonaca e alle promesse fatte, non "disturba" in modo odioso dei bimbi ma sfoga la sua sessualità con adulti consenzienti, mentre il pedofilo è veramente un vizioso, che poi lo si debba curare sono pure d' accordo, ma in quanto a pericolosità e disprezzo dell' abito talare è ben più colpevole di un sacerdote gay e, di certo, oltre ad essere curato, deve essere messo in condizioni di non nuocere....

    ma scherziamo ? , un rapporto tra due adulti consenzienti non può essere paragonato allo stupro di un bambino indifeso....!

    _______________

    GNAO GATTO

    concordo con ciò che scrivi ma, un vescovo avrebbe fatto meglio a dire che OGNI peccatore che si penta abbia diritto al perdono di Dio, non deve fare una netta distinzione tra pedofilia ed omosessualità, e nemmeno affermare che lui un pedofilo lo avrebbe coperto, giusto il pentimento ma necessaria anche l' espiazione civile....

    _____________

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Niente di nuovo sotto il sole, ricordiamo anche che siamo noi che anche se non direttamente paghiamo lo stipendio di quella persona.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    hanno proprio il cervello al contrario questi prelati: Cioè, se uno compie violenza e reato su un bambino innocente e naturalmente non conseziente è passibile di perdono, se uno non compie violenza su nessuno, non commette nessun reato e da solo seguito alla sua natura sessuale, nei modi che ritiene più opportuni,ma senza danneggiare terze persone gli si augura l'inferno eterno. ma questi da dove vengono, sono alieni o cosa?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Non hanno il senso della vergogna, la Chiesa sta facendo dei discorsi che ricordano quelli del peggior nazismo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Ma io penso che questo non ci sta con il cervello.

    Esprimere un commento a queste parole è inutile. Si commenta da solo.

    A parte tutte le cavolate che ha detto nei riguardi dell'omosesssualità che neanche mi va di discutere, anche perchè entra in gioco la religione cristiana che non la tollera e cmq ognuno può pensarla come vuole. Ma la cosa grave è difinire l'omossessualità un reato peggiore delle pedofilia.

    Ma questo proprio vive in un mondo tutto suo.

    La pedofilia non è nemmeno paragonabile a niente.

    La pedofilia è un atto di violenza nei confronti di vite innocenti che non hanno la possibilitù di sceglere e difendersi e che probabilmente subiranno un radicale trauma per il resto della propria esistenza. La pedofilia è poi un reato punibile dalla legge umana, dalla legge divina ed anche dal comune senso civile e umano.

    L'omosessualità è invece un atto d'amore tra due persone consensienti e di per se non è un "reato". Poi poichè i preti cattolici dovrebbero praticare l'astinenza, rende l'omosessualità un reato "divino" a prescindere, non solo perchè la religione cristiana non tollera l'omosessualità.

    Quindi l'ultima parte dell'intervista secondo il mio parere non ha proprio nessun senso logico e non vedo perchè si debba essere più comprensivi rispetto a un prete pedofilo anzichè gay.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Ma ci provano gusto a tirarsi la zappa sui piedi?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Queste affermazioni mi hanno proprio allibita! ...ormai pensavo che i preti potessero fare di tutto senza essere denunciati! che delusione sapere che ci sono preferenze pure tra i preti...

    comunque seriamente...non commento neanche le c@zzate che ha detto questo. Non si rendono conto neanche di quello che dicono ormai!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Occazzo ho proposto la stessa domanda... che ******** che sono....

    Non scrivo quello che penso altrimenti la Digos mi sbatte in carcere...

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.