Abbiamo scoperto che nostro figlio è gay e non abbiamo idea di che cosa fare?

Ho già messo questa domande nella categoria psicologia ma poi cercando dentro yahoo answer se c'erano domande simili ho scoperto che esiste questa categoria che è molto più giusta perchè magari qui ci sono persone che questi problemi gli hanno vissuti. Questa è la prima volta che scrivo qui e non so se è il posto giusto ma questo sito mi ha aiutato tante volte a risolvere dei piccoli problemucci e ho pensato che potevo provarci. Quello che mi serve è più che altro sentire il parere di molte persone non tanto avere una risposta ad una domanda precisa. Allora vi spiego, il problema è con mio figlio. Lui ha 16 anni ed è un bravissimo ragazzo che ci ha dato tante soddisfazioni perchè a differenza di come abbiamo fatto noi studia e si impegna, poi si comporta sempre bene, è molto maturo. Negli ultimi mesi però lo vediamo un po strano. Oggi pomeriggio mentre lui era fuori sono entrato in camera sua e visto che era tutto in disordine ho deciso di mettere a posto qualcosa e mentre lo facevo in un cassetto ho trovato delle cose che mi hanno lasciato senza fiato. Ho trovato messo dentro a un quaderno una foto fatta da mio figlio mentre bacia un altro ragazzo con tutte frasi dolci e cuori. Il quaderno era come un diario e visto che ovviamente ci ha nascosto qualcosa ho deciso di leggere qualcosa. Praticamente ho scoperto che mio figlio è gay. Ha avuto già due fidanzati e ho letto che ha fatto sesso, rapporti orali e penetrazione e tutto. Dice di essere innamorato di questo secondo ragazzo, che si sente triste perchè i suoi compagni hanno capito che è gay e lo insultano e perchè non riesce a confessarsi con noi.

Aiutatemi vi prego, datemi qualche consiglio su come devo fare. Io e mia moglie non sappiamo come affrontare la cosa. Il fatto che sia gay non è assolutamente un problema per noi perchè crediamo che ognuno è libero di amare chi gli pare e dunque gli faremo capire che fa bene ad essere se stesso, però siamo preoccupati per il resto. Sappiamo che ci sono dei rischi particolari nei rapporti omosessuali e non abbiamo idea se lui usa o meno le precauzioni perchè noi non gliene abbiamo ancora parlato perchè pensavamo che non pensasse ancora a queste cose. Poi vogliamo essere noi a fare il primo passo tentando di fargli intendere che qualcosa abbiamo capito ma soprattutto vogliamo aiutarlo ad affrontare chi lo prende in giro che è la cosa che ci fa più male. Però non sappiamo come fare. Potreste darci qualche consiglio? Grazie a tutti quelli che risponderanno.

17 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    Premesso che si spera che la storia sia vera,in quanto su answers se ne sentono di tutte,tuo figlio è fortunato ad avervi come genitori.

    A lui non farà piacere sapere che avete curiosato nel suo mondo,tra le sue cose,sai che a quell'età ha bisogno dei suoi spazi,se scopre che avete violato i suoi spazi al posto di aprirsi con voi si chiuderà ulteriormente,per cui cercate il modo di passare una serata in casa soli con lui,specialmente tu che sei il padre,e comincia a parlare dei contracettivi,del fatto che oramai ha l'età per capire,e sii sorridente,e mentre parli di queste cose spiegagli che serve prevenzione sia nel rapporto etero che omosessuale,dimostrati aperto nel dialogare di omosessualità,poi vedi lui come reagisce e gli dici che lo hai intuito,non dirgli che lo sai perchè hai curiosato,ma lo hai intuito perchè un padre e una madre queste cose le capiscono,magari lui non ne vorrà parlare,anzi sono sicuro che non vorrà parlarne,ma digli che voi come genitori capite,non creare mai silenzio tra voi,non lasciare che si rompa il rapporto genitore figlio,ci vuole molto dialogo.

    I figli si è convinti di conoscerli,ma ti ritrovi un giorno che non sai più chi siano,ma in realtà sono sempre gli stessi,è che si fanno uomini,e un genitore fatica a pensare un figlio gia grande,la paura di perderne il controllo,paura delle frequentazioni,brutte compagnie etc,ma ora non è il piccolo,sta diventando adulto.

    Un ragazzo omosessuale ha bisogno della famiglia perchè questa è il rifugio più sicuro,il mondo fuori ha insidie,omofobia,discriminazioni,e in casa invece ci deve essere sicurezza e amore,se lui sente che con voi può essere sicuro e non essere giudicato,anche quando subirà discriminazioni cercherà voi,e il suo carattere ne uscirà rafforzato.

    Quando i miei hanno curiosato nella mia stanza per avere conferme della mia omosessualità,la cosa a me non fece piacere,me ne vergognai del fatto che avessere scoperto cose mie intime,dopo un primo momento d'imbarazzo che durò un bel pò di tempo,di settimane nelle quali io pensavo di lasciare casa,mio padre cercò il dialogo,mi disse che io ero importante per lui e che non l'avevo deluso,andava fiero di me,anche se io sapevo che infondo era dispiaciuto,ma col tempo lui non ha più visto la mia omosessualità ma vede solo un figlio,e grazie al dialogo e all'amicizia che si è creata tra noi,oggi ho un fidanzato che porto tranquillamente in casa,quello che ai miei genitori dava fastidio era l'idea che io facessi sesso non sicuro e con chiunque,il che non era vero ma un genitore è questo che pensa.

    Non ci sono soluzioni o consigli,ma dialogate,siate comprensibili e fategli sentire che voi come famiglia siete il suo rifugio,non chiedetegli subito se ha fatto sesso,è una cosa troppo personale di cui sicuramente si vergognerà a parlarne con voi,ma affrontate con amore l'argomento omosessualità e prevenzione,poi sarà lui quando avrà fiducia a raccontarvi un pò per volta le sue relazioni,ma sta sicuro che non ti racconterà tutto,non lo fanno nemmeno i figli etero,mio fratello diceva che usciva con una tipa,e chi sapeva chi era sta tipa?

    In questa sezione c'è un padre di un ragazzo omosessuale che ha l'età del tuo,speriamo risponda.

    Non proprio in questa sezione,ma in R&S,gli faccio presente la tua domanda.

  • alexb
    Lv 6
    9 anni fa

    Che consiglio potrei darti se non quello di amarlo? L'appoggio dei genitori è determinante. E' tuo figlio, quello che conta è la sua felicità. Amalo e proteggilo. Parlagliene con tutta la tranquillità del mondo, con il dovuto tatto e quando lo riterrai opportuno. Ne sarà estremamente felice e sollevato.

  • 9 anni fa

    dal momento che avete gia' detto che per voi non e' minimamente un problema e che supporterete vostro figlio sempre e cmq. gia' vi trovate a meta' dell'opera e l'unica cosa che avete da fare e' parlare di voi tre e di come rapportarsi all'omofobia imperante soprattutto dietro ai banchi di scuola!!

    discutete ma con serenita' altrimenti e' ovvio che lui non vi dira' nulla e poi non facciamo il solito luogo comune che i rapporti a riskio sono soltanto quelli omosessuali vi rikordo che l'incidenza di riskio e' quasi maggiore nelle coppie etero!!!

    avete la grande fortuna di avere una situazione familiare non omofoba ed allora vi risparmierete stillicidi di liti,urla ed imprecazioni!!!!

  • 9 anni fa

    Per prima cosa , cercate un momento tutto vostro , per poter così parlargli , state calmi e tranqulli , fategli capire quindi che per voi non cambia nulla , dimostrategli che su voi può contare , non sapete quanto lui possa sentirsi al sicuro se sa che la sua famiglia sta dalla sua parte

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Che dire, tenetelo amorevolmente d'occhio per cogliere il suo disagio e rendetevi disponibili al dialogo e non forzatelo. Forse ci vorrà un po', ma così avrete il tempo di decidere come affrontare il discorso, tanto, prima o poi succederà.

    Se comunque siete saggi come sembra, non avrete bisogno di "istruzioni" particolari.

    In ogni caso, non drammatizzate la cosa. Naturalizzatela.

  • Anonimo
    9 anni fa

    ..Che fortuna avere dei genitori come voi per vostro figlio..che dire parlategli e ditegli la verità non c è niente di più sbagliato che iniziare un discorso di questo tipo, mentendo dall inizio, ditegli invece che vete trovato il suo diario e tutto cio che parte dal cuore e che non siete suoi nemici, Dio solo sa il bisogno di amici veri che necessita adesso e voi sarete i primi perchè sapete tutto di lui.

    Per cio che riguarda i rischi, ho visto la risposta di Anthony ed ha ragione lui, quindi..

    A voi la prima mossa..Non fate l errore dei miei genitori..non giudicatelo amatelo.

    Baci

    Nep

  • .
    Lv 6
    9 anni fa

    Credo che se le vostre preoccupazioni riguardano il lato sessuale, dovreste iniziare a parlare con lui di sesso e di precauzioni. Insomma, un genitore dovrebbe fare sempre un discorso con i figli riguardo il sesso e riguardo il proteggersi dalle varie malattie sessualmente trasmissibili.

    Per il resto, potreste affrontare apertamente il discorso, chiedendogli se è gay, oppure semplicemente aspettare che si apra, magari mostrandogli la vostra apertura in merito.

    Io però mi preoccuperei anche della situazione scolastica. Se riceve scherno e derisione, voi dovreste sostenerlo e appoggiarlo. Per cui, credo che dal coming out lui possa trarne tutto il beneficio possibile.

  • sLiMe
    Lv 4
    9 anni fa

    Io rispondo "da figlio" ho 17 anni e vivo più o meno la stessa situazione....

    se i miei genitori lo capissero da una parte ne sarei sollevato perché non avrei l' orrendo peso di dirlo però dall'altra mi sentirei anche spaventato perché messo alle strette dal fatto che i miei lo sanno.

    boh... prova a fare il solito discorso generale sul sesso, sui metodi di precauzione (anche se penso sia ampiamente informato su tutto) e vedi come reagisce....

    l'importante è che gli fate capire che voi ci siete, che lo capite e che lo sostenete... sembra una cosa ovvia ma ti assicuro che la paura di incomprensione ecc c'è....

  • Anonimo
    9 anni fa

    anche secondo me è importante non dire che sei entrato in camera sua e che hai letto il diario. rischi di farlo allontanare, arrabbiare e in questi momenti non deve sentirsi solo.

    il mio piccolo consiglio è che sia lui a parlarne, magari aiutato da voi. A cena o quando siete tranquilli potete tirare fuori un discorso sull'omosessualità o sui gay e far vedere che per voi non è un problema. Se lui si sentirà al sicuro uscirà allo scoperto.

    Profilattici

    Bè...da ragazzo di 24 vedo che lo usano ben poche persone sia gay che etero. Li sta nella tua e nella sua intelligena capire, e far capire, l'utilità del profilattico.Non è facile, lo so.... ad esempio la mia psicoterapeuta a volte li comprava a suo figlio di 17 anni e lui era più che felice.Sia perche risparmiava soldi, dato il loro costo, sia perchè venivano trattati come una cosa normalissima. Forse è proprio questo il segreto: farli passare per una cosa semplice, utile e normale, semplici da prendere e da usare.

    gli insulti

    anch'io ho ricevuto molti insulti, scherzi e sono stato anche escluso dai ragazzi della mia classe e a dir la verità mi pesava molto. Qui però parliamo di intelligenza altrui, nn vostra. E' difficile parlare con certe persone e farle ragionare. Hanno in testa i soliti stereotipi e le solite paure. un misto di ignoranza e stupidità. Molto dipende da dove vivete: i paesi piccoli non aiutano. L'ideale sarebbe che non lo dicesse troppo in giro dati i primi, loro, comportamenti. Magari cambiare scuola...io farei così se potessi tornare indietro.

    Comunque siete davvero dei genitori speciali. E' davvero fortunato ad avervi. Anch'io ne vorrei aver avuto 2 così. Continuate così, già così state facendo molto.

    alberto

  • Anonimo
    9 anni fa

    sinceramente, se qualcuno frugasse nella mia roba, mi arrabbierei, ma non è questo il problema.

    è già molto che voi accettiate vostro figlio per quello che è: ci sono tanti genitori che rovinano i rapporti con i figli per questo motivo. se fossi vostro figlio vi ringrazierei, è un problema in meno da affrontare. di situazioni difficili ce ne saranno tante, quasi tutte timbrate OMOFOBIA. sono cose che si devono superare, lasciar correre perchè di gente ignorante ce n'è tanta. intanto penso che il meglio per voi sia discuterne insieme e lasciare vostro figlio libero di confidarsi con voi, senza che si senta a disagio essendo gay. fatelo sentire al sicuro, penso che serva a questo la famiglia. purtroppo non in tutte succede, specialmente in quelle in cui i genitori non accettano i figli omosessuali. buona fortuna :)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.