ciao a tutti... vorrei sapere la differenza?

tra gnomo e nano e tra hobbit e folletto... mi sembrano uguali... grazie a tutti...

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    ecco quello che ho trovato

    Gnomo

    Il termine gnomo venne introdotto nella Magia Rinascimentale e nell'alchimia per indicare uno spirito ctonio, mentre in seguito il termine è stato adottato nel folklore europeo ed utilizzato nella letteratura fantasy per designare spiritelli legati alla terra.

    Paracelso fu fra i primi a menzionare gli gnomi, facendone derivare il nome dalla radice greca gnosis ("conoscenza"). Paracelso considerava gli gnomi spiriti della terra e del sottosuolo, e sosteneva che potessero spostarsi all'interno del terreno con la stessa facilità con cui gli uomini camminano sopra di esso. Inoltre, sempre secondo Paracelso, i raggi del Sole hanno il potere di trasformare gli gnomi in pietra. Tutti questi elementi sono anche tipici dei nani della mitologia nordica; queste due figure sono in effetti spesso sovrapposte e difficilmente distinguibili anche nel folklore e nella letteratura fantasy. Talune fonti confondono anche gli gnomi con altre creature fantastiche (soprattutto dei boschi), per esempio elfi e goblin.

    Nel folklore europeo, gli gnomi (detti anche folletti o piccolo popolo) sono creature fatate simili a uomini minuscoli. Sono tradizionalmente rappresentati come baffuti e barbuti, e a volte dotati di caratteristici cappelli a cono, spesso di colore rosso. Abitano nei boschi, e sono (come fate, nani ed elfi) strettamente legati alla natura in cui abitano.

    Gli gnomi appaiono frequentemente nelle fiabe della tradizione folcloristica germanica (e, per esempio, nei racconti dei fratelli Grimm); sono generalmente rappresentati come vecchietti minuscoli e burberi, che vivono sottoterra e custodiscono tesori.

    Uno dei testi moderni più celebri sugli gnomi è il libro Gnomi (Leven en werken van de Kabouter) dell'illustratore naturalistico olandese Rien Poortvliet e di WIl Huygen, che ne descrisse minuziosamente ("scientificamente") usi e costumi, corredando la sua opera di splendide illustrazioni che sono entrate nell'immaginario collettivo come rappresentazioni tipiche del "piccolo popolo". Secondo Poortvliet, gli gnomi costruiscono case sotto le radici degli alberi, si dedicano a curare gli animali della foresta, conoscono gli usi medicinali delle erbe. Da Gnomi e dai successivi libri di Poortvliet fu tratto il cartone animato David Gnomo, amico mio.

    Nano

    nani in alcune mitologie sono esseri simili all'uomo ma di piccola taglia. Secondo alcune tradizioni hanno poteri magici, secondo altre no. Sono generalmente caratterizzati dalla predilezione per i luoghi sotterranei e per l'oro. I nani sono grandi minatori, si dice che la loro birra sia la più buona del mondo, un nano ubriaco infatti diventa molto pericoloso per chi gli sta vicino (soprattutto se sta combattendo in una guerra).

    Nell'antico Egitto era venerato Bes, spirito protettore contro ogni male rappresentato come un paffuto nano deforme che fa smorfie e mostra la lingua. Bes non apparteneva ad una precisa razza come i nani delle mitologie nordiche, spesso paragonabili a elfi o folletti, ma come tutte le divinità egizie era un essere unico nel suo genere.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Nano_(mitologia)

    folletto

    Il termine folletto, così come l'espressione piccolo popolo o spiritello (per esempio spiritello dei boschi), si riferisce a minuscole creature magiche del folklore, mediterraneo, europeo e nordico. Il termine deriva per sincretismo linguistico tra i volgari folle, e forse folata, e l'arabo farfar. Il folletto è un personaggio fantastico della tradizione popolare che vive nelle fiabe e nelle leggende, identificato originariamente con un essere buffo e grottesco, veloce e sfuggente, piccolo e agile, ma anche con una creatura invisibile, un turbine di vento, un misterioso burlone che intreccia le criniere e i capelli. Abita in tane nei boschi di conifere o presso le case degli uomini, nei cortili e nei granai, esce quasi sempre solo di notte per divertirsi a fare dispetti alle bestie delle stalle e a scompigliare i capelli delle belle donne, a disordinare gli utensili agricoli e gli oggetti delle case e a molestare le persone povere di spirito.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Folletto

    hobbit

    Gli Hobbit sono una delle razze che popolano l'universo immaginario di Arda, ideato dallo scrittore fantasy J.R.R. Tolkien

    http://it.wikipedia.org/wiki/Hobbit_(disambigua)

  • 1 decennio fa

    tra gnomo e nano c'è una sfumatura linguistica, infatti dipende dal valore che assume all'interno della frase, con la parola nano ci riferiamo principalmente a una persona, invece la parola gnomo definisci la creatura mitica, per di più il termine gnomo può essere utilizzato come un'esagerazione e una presa in giro, invece tra hobbit e folletto c'è una madornale differenza, per folletto intendiamo una creatura folkloristica del maditerraneo, e dell'europa del nord... a te il link per la spiegazione di folletto ---> http://lagrandedea.forumfree.it/?t=41197651 e un'altro che ti spiega la nascita e l'utilizzo della parola hobbit ---> http://www.fabbricantidiuniversi.it/tolkien/hobbit... spero di esserti stato di aiuto, ciao ciao ^^

  • 1 decennio fa

    Uno gnomo è alto in media 15 cm, mentre un nano ha l'altezza di un bambino. Hanno entrambi una lunga barba che cresce nei primi anni di vita. Lo gnomo lo riconosci facilmente perché indossa un cappello a cono. Più importante: gli gnomi sono creature dei boschi, mentre i nani abitano le viscere delle montagne, dove estraggono metalli preziosi.

    Gli hobbit, a quanto ne so, li ha inventati Tolkien. Si distinguono facilmente perché sono sempre scalzi e i loro piedi sono ricoperti di peli. I folletti sono di varie specie, anche molto diverse tra loro, più o meno maligni, in genere dispettosi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.