Se il sesso DEVE essere finalizzato ESCLUSIVAMENTE alla procreazione e se è vero che le parole hanno un senso?

Mi spiega qualcuno gentilmente perchè la Chiesa Cattolica per COERENZA non condanna anche i rapporti sessuali tra sterili, o agli anziani in andro/menopausa?

O perchè non condanna anche coloro che fanno sesso nei giorni non-fertili, evitando accuratamente di avere la probabilità di avere figli dal rapporto coniugale?

Ah, ma finchè sono regolarmente sposati in Chiesa cattolica, non importa cosa, tutto fa brodo non è vero?

la somma ipocrisia catto-cristiana si racchiude in questa domanda

Allora, se le coppie sterili e quelle anziane o quelle che consumano il rapporto sessuale nei gironi non-fertili possono fare sesso senza fare figli e purnonostante questo non cadere in peccato, NON E' VERO che il sesso DEVE essere finalizzato alla PROCREAZIONE.

Non è consegue che allora la condanna che "i gay non possono fare sesso perchè non fanno figli", non è altro che una patetica scusa per giustificare la propria omofobia e discriminazione religiosa verso l'omosessualità, e che il vero nocciolo del problema è che è semplicemente il sesso "non-etero" ad essere sbagliato a prescindere da ogni motivazione razionale?

Aggiornamento:

l'amico delle rose : la mia domanda non è affatto assurda come forse credi. Guarda che una coppia che fa sesso nei giorni non fertili, o che è sterile, o che è in andro o menopausa NON PUO' per definizione di cose essere "aperta alla vita", quindi tutti i tuoi appigli per giustificare questi rapporti in nome di un'apertura alla vita, non hanno semplicemente senso perchè non sussistono a prescindere. E la Chiesa dimostra il massimo dell'ipocrisia a non condannare questi rapporti, i quali, nella medesima condizione dei rapporti omosessuali, NON POSSONO dare FIGLI.

Compris?

Aggiornamento 2:

Babidi : forse ti sfugge che nella domanda mi stavo appunto riferendo ai rapporti STERILI ALL'INTERNO DEL MATRIMONIO, quindi la fornicazione non c'entra un'emerita cippa

Aggiornamento 3:

Erchemperto: La Chiesa ha cambiato idea su parecchie questioni. Ha cambiato idea sugli ebrei (non più rei di "Dèicidio), ha cambiato idea sull'atteggiamento da avere nei confronti delle altre religioni (vedasi ecumenismo), ha cambiato idea sulla pena di morte (ufficialmente abolita nel 2001), ha cambiato idea come puoi ben vedere su un mucchio di cose....quindi come vedi non c'è niente di sterile eccetto le coppie sopracitate in questa domanda. Nella Chiesa esiste qualcosa chiamato "dialogo intraecclesiale" dove teologi di eterogenei pensieri discutono su come far evolvere e maturare il pensiero della Chiesa in accordo alle scoperte scientifiche, culturali, biologiche.

E come secondo te è mancanza di carità cristiana impedire il matrimonio a coppie disabili (appunto perchè incapaci di procreare), ritengo che sia una grossa, grossissima mancanza di carità cristiana quella di autoimporre la castità e condannare ingiustamente un rapporto d'amore solo perchè non eterosessuale....

24 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    Il Papa e la Chiesa non sono diffidenti verso il sesso, ma piuttosto difendono una visione della sessualità vissuta in modo veramente umano e sostengono che la sessualità deve essere vissuta in un ambito di donazione e comunicazione sincera dell'uomo e della donna ed in cui la vita sia considerata buona, sia considerata un bene e ci sia apertura ad essa. Invece chi utilizza il preservativo o la pillola o altri strumenti contraccettivi tratta la propria fertilità come una MALATTIA, poichè l'ovulazione della donna viene soppressa come una qualsiasi altra patologia attraverso i farmaci, come anche il seme dell'uomo viene considerato come una sostanza PERICOLOSA ED INFETTA, tanto da non poterci assolutamente entrare in contatto... Mentre invece sono caratteristiche SANE del nostro organismo.

    La mentalità contraccettiva induce le persone a RINUNCIARE ALLA PPROPRIA INTEGRITà FISICA, ed inganna facendo credere che la donna è sempre fertile durante il ciclo. Attraverso i metodi naturali di terza generazione, ben studiati ed appresi, metodo Billings e metodi sintotermici, che si basano sullo studio e l'osservazione di parametri biologici, (e non l'ogino knauss vecchio ed inefficace metodo statistico che non usa più nessuno!) è possibile notare che INVECE la donna NON è sempre feconda durante il ciclo, ed anche individuare efficacemente i giorni del ciclo in cui la donna è infertile di per sè!... Non è vero che la donna è sempre feconda, idea, questa, imposta dallla mentalità contraccettiva...

    Lo scopo della sessualità è l'unione, la condivisione di sè con l'altro, E NON SOLO LA LA PROCREAZIONE!! Ma con la contraccezione si inganna sè stessi, ci si illude di potersi unire con l'altro quando invece non ci si può UNIRE se c'è una barriera fisica tra i due o se comunque si vuole SEPARARE qualcosa di sè (il seme maschile o femminile) dall'atto sessuale.

    E' innegabile il fatto che con un rapporto sessuale si cerchi la condivisione e l'unione fisica con il partner. Proprio a livello psicologico è diverso un rapporto senza "protezioni".. Senza il profilattico e senza prendere la pillola si può donare il proprio corpo così com'è, usando il profilattico o prendendo la pillola si SOPPRIME UNA PARTE DI Sè STESSI che (oltre a negarla a sè stessi come se fosse una malattia) si nega anche al proprio partner. Quindi il rapporto sessuale si trasforma in un GESTO CONTRADDITTORIO.

    Si vuole stare insieme all'altro, però in realtà non lo si vuole, si vuole condividere e comunicare con l'altro, ma si vuole anche sottrarre qualcosa e tenerlo nascosto... Non è un atto sincero, ma FITTIZIO. Quindi l'uomo e la donna alla fine si usano solo come strumenti di piacere.

    Inoltre, poichè nella mentalità contraccettiva la FERTILITà è UNA MALATTIA, essa induce e favorisce una visione negativa e cattiva nei confronti dei figli, in quanto la gravidanza diventa la conseguenza deplorevole della fertilità che non è stata trattata adeguatamente con le tecniche contraccettive... Tanto è vero che si parla sempre di RISCHIO di avere un figlio, come se si trattasse di una disgrazia!....

    Proprio per questo motivo anche la diffusione della contraccezione e dell'aborto hanno una radice comune, che è la stessa mentalità contro la vita, che la relativizza...

    Con la contraccezione si svilisce non solo l'unione della coppia ma anche il valore stesso che si dà alla vita umana. Nella visione contraccettiva la vita umana diventa relativa al piacere, il piacere è più importante della vita umana stessa. Altrimenti non si sopprimerebbe la fertilità. In questo il profondo disvalore di tale cultura malata. La contraccezione provoca una perdita di amore nei confronti dei figli e quindi della vita in generale.

    Con la contraccezione il piacere sessuale si trasforma non solo in uno SCOPO dell'eccitazione sessuale, ma anche nel PRINCIPALE scopo dell'ECCITAZIONE SESSUALE, visto che con essa è PRECLUSA L'UNIONE FISICA con l'altra persona e quindi anche LA VITA che si potrebbe generare. IL GODIMENTO DELL'ATTIVITà SESSUALE DIVENTA PIù IMPORTANTE DELL'UNIONE CON L'ALTRO, CIOè DELLA DONAZIONE DI Sè ALL'ALTRO, ED ANCHE DELLA VITA STESSA. Quindi proprio il principio su cui si basa la contraccezione E' LO STESSO DI QUELLO CON CUI SI GIUSTIFICANO STUPRI, PEDOFILIA, masturbazione, OMOSESSUAITà, ABORTO, ecc... ecc.....

    Se si accetta in generale la contraccezione come buona e giusta significa che comunque l'unione di coppia e la vita umana sono relativi al proprio godimento fisico. In questa visione delle cose, anche quando la coppia decide di interrompere la terapia medica contro la fertilità PER PROCREARE, risulta che la vita che si va a cercare la si desideri logicamente come un piacere personale e non perchè questa rappresenti una persona, non la si cerca per un puro amore disinteressato, ma come un oggetto da possedere. Anche questo fatto avrà delle profonde ripercussioni sui propri figli, sulla loro educazione e sulla vita. E non è un caso che da quando si è diffusa la cultura della contraccezione e del libertinaggio sessuale dagli anni 60, abbiamo una gioventù sbandata, senza valori e con tanti problemi psicologici, di relazione e di depressione.

    Invece nella visione dei metodi naturali, approvati dalla Chiesa per evitare gravidanze quando le condizioni esterne non lo rendono opportuno, la fertilità, cioè la potenzialità procreativa, è sana e buona, la si accetta così com'è, infatti non la si sopprime fisicamente con delle tecniche, si mantiene intatta la dimensione unitiva e di condivisione del rapporto sessuale e quindi anche la visione sana e buona di eventuali figli e perciò della vita in generale. La vita che potrebbe nascere, e l'unione della coppia, NON vengono più relativizzate e messe in secondo piano rispetto al piacere, al godimento immediato.

    Aderendo alla mentalità contraccettiva, ci si pone dei grossi limiti e si compromette la comunicazione intima della coppia... proprio perchè si rifiuta e disprezza il dono della propria potenzialità procreativa... a favore di qualcos'altro e cioè della soddisfazione di una propria passione! chi usa metodi naturali non pone alcun limite alla sessualità ed al dono di sè stesso, ma anzi, acquisisce un potere di auto-dominio delle proprie passione e dei propri istinti verso l'altro, proprio perchè è capace di rimanere in astinenza quando sa di non poter offrire una vita decorosa ad un possibile figlio, e questo potere di dominio delle passioni lo rende autenticamente umano. La contraccezione limita la comunicazione fisica della coppia alterandone il significato, e riduce e degrada la sessualità alla soddisfazione di un istinto, che non si riesce a governare, inducendo ad un uso puramente strumentale del partner per la soddisfazione del godimento e del piacere personale.

    Ogni essere umano viene al mondo attraverso la potenza creativa di Dio. Il ciclo riproduttivo della donna riflette giorno per giorno l’intentocreativo di Dio in quel particolare momento. Durante i giorni di infertilità, durante e dopo la fase fertile, è Sua intenzione che il rapporto non porti al concepimento, ma durante i giorni fertili è Sua intenzione che il rapporto abbia come risultato il concepimento, in questo modo il marito e la moglie sono concreatori con Dio. Usando il metodo naturale gli sposi accettano il dominio di Dio nella creazione di una nuova vita umana e sono in pace con la loro coscienza. Con la contraccezione, invece, gli sposi rinnegano i piani ed i disegni che Dio ha fatto su di loro, trattano la loro fertilità e potenzilità procreativa come una malattia, un male, ed è per questo che sono in situazione di peccato.

  • 9 anni fa

    ma inaftti la chiesa non dice che il sesso deve essere finalizzato solo alla procrezione

    e non dice che gli "i gay non possono fare sesso perchè non fanno figli"

    ma perchè è un rapporto contrario "all'ordine delle cose" / contronatura / peccaminoso ecc

    altrimenti come dici tu sarebbe un contronsenso

    la chiesa infatti condanna anche il sesso al di fuori del matrimonio

    perchè? si possono fare figli anche al di fuori del matrimonio

    la motivazione non è questa ma "perchè al di fuori del matrimonio è peccato ecc ecc"

    quelli che dicono che la chiesa non accetta i rapporti omosessuali perchè non finalizzati alla procreazione forse non si sono informati bene

    gli sterili possono fare sesso (nel matrimonio) perchè possono aspettarsi un miracolo

    le persone anziani (qualora possano farlo) lo possono fare perchè il rapporto sessuale è anche finalizzato ad unire la coppia

  • IPO
    Lv 7
    9 anni fa

    Ribadisco una cosa che ripeto sempre:

    Impedire il matrimonio tra due persone che si amano solo perchè una delle due è portatrice di un handicap che la rende sterile, o incapace di fare sesso è un'azione ignobilmente crudele e sadica.

    Sarà anche canonicamente corretta e blablabla ma resta un'azione che denota una cattiveria e una malvagità disumana.

    Due ragazzi cattolici, hanno chiesto di sposarsi.

    Un vescovo reagisce e dice "No, non potete sposarvi, perchè tu non sei in condizione di trom.bart.i la moglie."

    E i ragazzi (crudeltà delle crudeltà) sono "invitati" a dire ai giornali che hanno accettato la decisione del vescovo e che non vogliono essere strumentalizzati.

    E quale sarebbe la motivazione di fondo?

    "Non potendo copulare il matrimonio potrebbe essere annulato domani, quindi è inutile sposarsi"

    Secondo la stessa logica:

    - Sposarsi civilmente è inutile, domani potreste divorziare;

    - Farsi la doccia la mattina è inutile, a sera sarai comunque sporco;

    - Comprare un'auto è inutile domani potrebbero rubartela;

    - Inutile andare a scuola, molte nozioni potresti dimenticarle;

    - Ecc..ecc...

  • 9 anni fa

    Per coerenza dovrebbero, ma i fedeli le si rivolterebbero contro e il clero rimarrebbe senza potere. Discriminare una minoraza invece per la chiesa è produttivo.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    ..ma soprattutto io mi chiedo: gente che veste in gonnella e che non può per dogma avere rapporti sessuali come si permette di impartire consigli, anzi ordini, a chi una vita sessuale ce l'ha e la vuole avere più sana possibile secondo la sua mentalità, orientamento sessuale e possibilità?

    Scrivi benissimo, vorrei avere la tua conoscenza e abilità linguistica..

  • 9 anni fa

    io me ne frego altamente..avee frequenti eiaculazione fa bene alla prostata ed aiuta a prevenirne i tumori... e a quel punto non conta se le suddette eiuaculazioni avvengono per lavoro di mano o per l'entrata del treno in galleria..io alla mia salute ci tengo!!U_U

  • Ma proibissero un po' quello che vogliono

  • Layla
    Lv 4
    9 anni fa

    Essendo atea sono assolutamente d'accordo con te. La stessa domanda l'ho fatta due anni fa al mio professore di religione che mi ha detto questo:

    gli esseri umani sono naturalmente predispoti ad avere figli fino ad un certo punto e naturalmente predisposti ad andare in menopausa e quant'altro. Il fatto che l'uomo abbia rapporti sessuali con una donna è una cosa naturale, "creata da Dio". Quindi i rapporti di cui parli sono "leciti" per così dire. Ora dato che le donne hanno dei periodi in cui non sono fertili devono usare quelli come metodo anticoncezionale perché ancora una volta è una cosa "naturale", "creata appositamente da Dio".

    I preservativi, le pillole e i gay invece non sono cose "naturali" e sono in contrasto con la teoria di Dio.

    Questa è la spiegazione che mi ha dato il prof.

    Poi ho chiesto "Ma se Dio ha creato Adamo ed Eva perché si amassero e procreassero perché allora i preti (nella sola religione cattolica) non devono assolutamente sposarsi (cosa assolutamente necessaria invece per gli aspiranti preti ortodossi)? Non è una contraddizione? Non è sbagliato privare quegli esseri umani di una cosa "naturale"?" E allora lui mi ha detto che loro non sono privi di alcun che perché loro "amano Dio" e come se amassero una donna. E se si dovessero sposare tradirebbero Dio. (per me questa è un'emerita stron*ata)

    Quello che penso io infine è questo:

    1. è sicuramente meglio usare preservativi e altro piuttosto che dar vita ad un essere umano non desiderato che finirà in un cassonetto.

    2. l'amore è una cosa che va oltre la procreazione. Dopotutto spesso capita di voler così bene ad un amico da sentire quasi una specie di "amore" nei suoi confronti. Non per questo vuol dire che siamo gay o lesbiche. Voglio dire l'amore è un sentimento che nasce dal fatto di conoscere una persona, capirla. Quindi il fatto che un uomo si innamori di un altro uomo per me non è un delitto, è una semplice reazione naturale. La procreazione è un'altra cosa. E quindi non vedo perché dovrebbero fare la guerra ai gay. Dopotutto stiamo parlando di un bellissimo sentimento che è l'amore no?

    Beh detto questo, buona serata e Ciao! ^^

  • 9 anni fa

    ma per me possono anche condannare tutto quello che gli pare, per fortuna ho un cervello per fregarmene.

    Vorrei tanto che però gli altri avessero altrettanto cervello per fregarsene delle mie abitudini sessuali.

  • Si, già rompono le palle per i rapporti extraconiugali, te gli vai a mettere in mente anche ste cose, allora te la cerchi proprio...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.