Cosa ne pensa la Chiesa del "matrimonio riparatore"?

Qualche sacerdote cattolico ha mai officiato questo insulso rituale-farsa in cui il violentatore sposava la ragazza violentata in modo da salvarne l'onore?

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    Il matrimonio riparatore è uno dei tanti esempi del maschilismo e del falso moralismo che impregna la comunità cattolica. Sappi che la chiesa non lo condanna affatto, anzi lo approva e in passato non c' era altra possibilità per una donna stuprata, se non avesse accettato di sposarsi con il violentatore sarebbe stata bollata a vita come prostituta...rifiutata dalla famiglia, dagli amici e soprattutto dalla Chiesa.

  • 9 anni fa

    Uno squallore. Spero oggi non ci sia più gente costretta a ricorrere al matrimonio riparatore. Colpa della chiesa che considera il sesso un peccato. Sarà l'invidia perchè a loro non è concesso.

  • 9 anni fa

    Nessuno può sposarsi se non è libero di sposarsi...

    E ' un matrimonio che si può dichiarare nullo in partenza...

    In generale, prima si ricorreva a questi matrimoni quando c'era qualche magagna tra le famiglie...

    Basta vedere "Sedotta e abbandonata", spassosissimo film di Pietro Germi...

    Il matrimonio, se era una farsa cristianamente, era valido per la legge civile e impediva alla moglie di denunciare o testimoniare contro il marito....

    Cmq può essere capitato che qualche prete si sia fatto ingannare dai contraenti e le loro famiglie e abbia celebrato un matrimonio riparatore....Ma fatti eclatanti non ne ricordo...

    Certo che se contratto in municipio, è legale, salvo poi divorziare...

  • Anonimo
    9 anni fa

    ti hanno sparato qua in diretta dal medioevo?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    La chiesa, pur di far proselitismo, ti fa anche queste cose: addirittura arriva a dare sepoltura ai mafiosi nelle chiese dove ci sono le tombe dei papi!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.