avete paura di abbandonare tutto?

Rinunciare a tutto non è facile, richiede FORZA DI VOLONTA' voi c'è l'avreste?

abbandonare tutto per sacrificare la propria vita a... la VERITÀ', la realtà delle cose che ci sono nascoste...

siete disposti?

perché se così non fosse, SIAMO QUI A PARLARE PER NIENTE!

abbandonare FAMIGLIA, LAVORO, CARRIERA, CASA, MACCHINA, DIGNITÀ', ORGOGLIO...

c'è gente che dopo mille difficoltà c'è riuscita e che ora è operatore di Dio, non credete siano centinaia di spanne sopra noi comuni mortali? non dovremmo neanche parlarne, dovremmo inchinarci davanti a loro...

siamo qui a chiacchierare come vecchiette al parco su chi ha ragione o no, e intanto sprechiamo la vita dietro cose materiali, e dietro un pc...

ABBIAMO SOLO UNA VITA PER SCOPRIRE LA VERITÀ' giochiamocela tutta, prima che sia troppo tardi...

se vi interessa tanto la ragione cercatela fino in fondo RISCHIANDO LA VITA, E TUTTO QUELLO CHE AVETE, PERCHÉ' NON AVETE NULLA DA PERDERE, CHE VE NE FREGA? PRIMA O POI SARETE POLVERE...

Se avete paura di sacrificarvi per scoprire il vero e vi dedicate solo alla carriera , alla famiglia e al lavoro, COSA PENSATE DI SCOPRIRE? al massimo migliorate le tecniche da lecca-fondelli...

PASSERETE TUTTA LA VITA A LAMENTARVI DI QUESTO E QUELLO

se la sete di verità è veramente grande, rinunciate a tutto, vi è stato detto che c'è la possibilità di scoprire la realtà, perché non farlo? lo vogliamo trovare un senso a questa esistenza?

TROPPA PAURA DELL'IGNOTO PER TUFFARCISI DENTRO?

è questo che ci lega all'insofferenza, la paura di arrischiare tutto quello che abbiamo materialmente, e che possiamo dire con certezza di possedere, non riuscire a guardare alla vera e unica ricchezza che è la nostra anima,

voi atei parlate, parlate e parlate, ma a mio parere siete solo persone superficiali, attaccate alla materia come un poppante alla tetta della mamma, vi manca il coraggio di provare, non siamo eterni, potreste morire anche domani, se vi importasse veramente del vostro destino giochereste fino all'ultima fiches, il punto è che vedute troppo ristrette per poter realmente capire, dovreste migliorare la considerazione che avete della vostra anima...

a credere c'è possibilità di trovare la realtà

a non credere non esiste altra possibilità se non quella di vivere da animale

Aggiornamento:

@Daniela, solitamente non sono inacidito, ma stasera ho la testa che va a mille, non riesco più a convivere col menefreghismo dilagante dei miei fratelli, posso sembrare troppo duro in questa domanda, ma non riesco a sopportare che loro non riescano a sentire il signore dentro il cuore, mi piacerebbe poter parlare tranquillamente di pace e amore in un mondo migliore, senza che ci sia sempre qualcuno a puntualizzare che secondo lui è solo utopia...

la nostra vita è solo spirito, nient'altro, che senso può avere una vita senza Dio? non riesco neanche a concepirlo...

Aggiornamento 2:

@ NON SAI QUANTO FASTIDIO DOVERTI DIRE CHE HAI RAGIONE...agli occhi di tutti questa è la situazione, se solo tutti fossero come S.Francesco... almeno ci sarebbero esempi concreti da seguire, e non solo quelli astratti...

Aggiornamento 3:

la risposta sopra e @ MARIO

Aggiornamento 4:

@ Folle dello Zen, il mondo si fermerebbe perchè il carburante è il desiderio, il mondo potrebbe anche fermarsi ma almeno non ci sarebbero più ombre a passeggio,

tutto sarebbe sotto una luce diversa...

Ognuno ha la sua via, ma si da al caso che qualcuno ha assunto dei giardinieri per piantare rovi su certi sentieri e così è davvero complicato seguirli, se fossimo in tanti a calpestare quel terreno, sarebbe più facile percorrerli...

ma è solo un pensiero personale

Aggiornamento 5:

@Iside, io non lascio tutto, lascio il nulla, il superfluo, le distrazioni, gli ostacoli, tutto quello il cui fine è il nulla totale.

L'unica cosa che posseggo è la mia anima,

si può capire solo elevandola a ben altra essenza, sintonizzare la radio sulla stessa frequenza della parola di Dio.

Non parlo di conoscienza, parlo di coscienza, non la trovo per terra, non è sotto un masso, non la trovo guidando un auto nuova, e neanche cambiando le tendine alla finestra della cucina...

sono solo distrazioni, è come un ricco antipasto, una volta che hai finito non hai più fame per mangiare il primo...

Aggiornamento 6:

@Conoscere non rende felici, non è un caso se ti ho aggiunto tra i miei contatti

Aggiornamento 7:

@Giordano Bruno, non è paura della morte ne tanto meno di abbandonare tutto, è trovare un senso al domani, la religione serve proprio a questo, come posso aver paura dell'inevitabile? lo accetto e mi ci inchino pure, sbaglio a rendermi conto della mia essenza finita? non credere in nulla a cosa serve? a riempirti la pancia per arrivare al giorno dopo? non credi che siamo qualche livello sopra gli animali?...

Aggiornamento 8:

@Giuliettamaino, non ti ho raccontato di aver abbandonato tutto, perchè per mia disgrazia non è così, ma ritengo che sia la via giusta da seguire, perchè ogni uomo illuminato di questa terra ha vissuto seguendo queste dottrine, e non scarto l'ipotesi che un giorno troverò la forza per seguirla a mia volta, magari guardando gli occhi di un bambino che muore di fame, io sono attaccato alle mie idee come te alle tue, il pensiero dell'ateo mi infastidisce perchè non riesco a capirlo, non ha un senso, se guardassi solo a questa realtà sarei ateo pure io, ma si da al caso che esistano cose che vanno al di là della logica, ed è quella la direzione da seguire, perchè la morte è ignoto, se uno non prova come fa a capire? l'ateo è una persona che vede solo la punta dell'iceberg, non ho altre spiegazioni, non era mia intenzione offendere nessuno con questa domanda, in ogni caso le idee che ho oggi le ho maturate attraverlo la mia esperienza, ho avuto modo di sentire Dio nel cuore

Aggiornamento 9:

prima mi definivo agnostico, ma una volta percepita la sua essenza non posso più dire di non sapergli dare una forma, forse un giorno anche voi lo troverete, vi do solo un consiglio, fatene ciò che volete, seguite sempre la vostra coscienza, non lasciate che il desiderio la scavalchi, MAI.

Aggiornamento 10:

@DrEvil, secondo me questa vita ha valore solo se vissuta con amore, in piena felicità, la felicità non è inseguire la materia, perchè ha una durata, una volta che non possediamo più un bene siamo infelici, questa è l'infelicità: una felicità che va svanendo.

Noi viviamo in funzione della felicità, ogni azione personale che facciamo è dettata da una nostra felicità, il punto è che c'è chi vede la felicità nella materia e chi nello spirito, una è giusta l'altra no.

Una è eterna, l'altra no... il punto stesso in cui riusciamo ad essere felici significa che stiamo percorrendo la giusta strada.

Essere felici per un aumento, per una macchina, per un televisore al plasma ecc... non è vera felicità, è un lupo travestito da pecora.

e' come un uomo assetato che vede un oasi nel deserto, corre là per dissetarsi, fa per immergere la testa in acqua, e scopre che è solo calda sabbia... un miraggio...

Aggiornamento 11:

l'ateo vuole a tutti costi una prova tangibile, il punto è che non esiste in materia, deve guardare al di là della realtà apparente, l'infinito, l'immenso, l'eterno... come fai a spiegarli a parole?

Dio, Allah, il Big Bang, o come si vuol chiamare, non è che il principio di tutto...

non esistono parole, qua entra in gioco la nostra anima, è per questo che mi sento di dire agli atei che devono riscoprire se stessi.

Hai proprio ragione a dirmi che sono incoerente ed ipocrita, io so che è la via giusta, ma prova ad immaginare come sarebbe più facile da percorrere con altri fratelli, il gruppo fa la forza, mi sento solo contro la gran maggioranza della popolazione, è inevitabile che mi ponga dei dubbi su ciò che voglio intraprendere, perchè tutti mi dicono che non va fatto.

Forse un giorno troverò la forza neccessaria, ma ad oggi sto andando a rallentatore, anche se credo che distaccarmi all'improvviso da questa realtà senza appoggi o guide, sarebbe controproducente.

Aggiornamento 12:

E' un procedimento da seguire pian piano, sono un canarino in gabbia, abituato a mangiare dalla ciotolina, se domani mi aprissero la gabbia e volassi via, morirei di fame perchè non saprei come sopravvivere.

Aggiornamento 13:

@resevil, mollo tutto e vado? è difficile concentrarsi a remare quando la gente affoga intorno a te, chiunque si fermerebbe ad aiutarli non credi?

Non dico di avere la ragione, ma so che seguendo la via che dico si trova il frutto della felicità, è sbagliato dirlo anche agli altri affinchè possano essere felici a loro volta?

io voglio aiutare, se credete che stia minando i vostri percorsi, non ascoltatemi.

Aggiornamento 14:

@NOA', io scuso te e tu scusa me, pensa di me ciò che vuoi, ma leggi le parole, non guardare la mano di chi scrive. PREGIUDIZIO.

Non percepisco nessun pericolo, se non quello dell'ignoranza dilagante delle file alleate.

La realtà che percepisco io è quella che vivo io.

La realtà che percepisci tu è quella che vivi tu.

Non c'è una realtà, esiste un insieme, contenuto nell'ignoto.

Mollando tutto vivi in miseria, in malattia, tra l'indifferenza della gente che in questa società è considerata "per bene".

Se vivi per strada, contento di ciò che non possiedi, nella convinzione che l'unica ricchezza che possiedi è la tua anima, vivendo di amore e fraternità con la gente che hai intorno, arrivi a Dio, arrivi ad essere felice, arrivi a non avere più paura della tua essenza finità, arrivi a non provare più invidia per Berlusconi, arrivi anzi a provarne compassione.

Per quanto usi la testa per vivere con umanità, non avrai molto modo di usarle

Aggiornamento 15:

perchè sarai troppo occupato a fare le pulizie di casa, o in coda in qualche ufficio postale.

Il pc è un mezzo di comunicazione, non so deve vivi, non posso venire a suonarti a casa, non voglio fare l'eremità, non si può vivere nel modo che credo in lotta contro l'umanità, se ho il dono della parola è mio dovere dare un suono ai miei pensieri, se non vi piace cambiate canzone.

Aggiornamento 16:

@ Mario Rossi, preghiamo per i nostri religiosi...

comunque c'è qualcosa di male nel realizzare in concreto le astratte parole che senti in chiesa?

abbondonare tutti gli averi per seguirlo?

tu dici che basta volerci bene, c'è chi dice che basta andare in chiesa la domenica e c'è chi dice che Dio non esiste...

bha, a ognuno la sua interpretazione.

Prego affinchè i nostri religiosi siano un esempio da seguire e non solo motivo di critiche da parte dei non religiosi.

Aggiornamento 17:

@ Antonio, bene, pensa per un attimo che Gesù ha detto di amare tutti, anche i nostri nemici...

se arrivassimo ad abbandonare tutto anche per loro pensa che prova d'amore che sarebbe.

La verità bisogna cominciare a cercarla qui però non credi?

Aggiornamento 18:

@ Nerissa, tu non hai chiesto di nascere e non chiederai di morire...

qualcuno muove le redini per te, hai solo una vita di libero arbitrio per poter seguire la buona coscienza senza scavalcarla con esigenze materiali, solo una vita per dimostrare l'essenza della tua anima...

ti sei guadagnata... cosa? i soldi per riempire la pancia? per godere? di cosa? quanto tempo può durare?

di operatori di Dio ne esistono tanti tipi, io parlo degli operatori di Dio, non di chi si professa come tale.

Dici che dobbiamo aver rispetto del nostro corpo... fra qualche tempo sarai vecchia e piena di rughe, e poi cenere, non siamo eterni, la bellezza sta dentro.

acoltati la canzone vanità di vanità di branduardi, senti che bella che è: http://www.youtube.com/watch?v=VUxxwhfNjzE

Youtube thumbnail

parli in un modo che mi fa rabbrividire:

Aggiornamento 19:

"Chi non desidera farlo,si accomodi e magari nelle gelide notti d'inverno sotto ad un ponte, in mezzo ai topi e alle immondizie...troverà dio che lo renderà suo "operatore" mentre noialtri saremo nelle nostre calde case avvolti in calde coperte...haimè,miseri noi!"

decisamente

16 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 5
    9 anni fa
    Migliore risposta

    io sto per lasciare tutto .

    per la mia famiglia.

    ma cos' era questo tutto per me '?

    l' egoismo di non vivere nella mia realtà, ma pretendere di inventarne un' altra ..

    potevo stare senza mangiare, la gente mi fermava per strada perché percepiva la luce della mia libertà.. eppure tutta questa solitudine non era reale.. mi isolavo sempre di più.. e sentivo che questo accresceva la mia asprezza nei confronti del mondo e dei miei simili.

    ho avuto paura una notte, per la mia incolumità e son tornata a casa.. mia madre senza di me non stava bene ed ho capito che questo, sulla lunga distanza si ripercuoteva anche su di me... mio fratello non mi telefonava più, e non sapeva di cosa parlare con me .. 7 anni , parlo di 7 lunghi anni di distanza dai miei , ad elemosinare lavori per la sopravvivenza che mi facevano solo schifo perché comunque alimentavano il gioco sistema, e psicosomaticamente ero quasi impedita nel farli;

    non posso pretendere di essere servita e riverita economicamente dal sacrificio di mia madre non trovi ?

    e non posso permettere neanche di dare la mia per il sistema.

    ma i soldi.. in sintesi voglio dirti questo: i soldi sono il limite per le nostre libertà.

    puoi liberarti di tutto e di tutti ma non del denaro, a meno che tu non viva in una casa di proprietà e ti coltivi un piccolo orto nutrendoti di quello...

    nel mio paese di origine ho molte meno possibilità strumentali per fare ricerca.. qui.. le librerie chiudono , e non si trovano di certo gli ultimissimi libri di cui avrei bisogno per studiare .. ma questa libertà ha un prezzo , e, se e quando tu perdi l' affetto dei tuoi familiari, voglio vedere se trovi affetto spontaneo dal mondo che ti circonda , o questo non si muove solo per il denaro e l' interesse, mentre i tuoi ti accettano incondizionatamente, gli altri ti ripudiano incondizionatamente, a meno che non gli dai il bocconcino per fargli star buoni ed io non l' ho mai fatto di certo, sono troppo VERA .

    io non so, cosa faranno i giovani di oggi in futuro , senza uno straccio di lavoro, senza una pensione assicurata.. a mio avviso è il sistema che non funziona più, siamo agli sgoccioli.

    l' unica mia speranza è che questa sia realmente una fase di passaggio , per una nuova era, ma come crederci davvero ?

    l' amore , la comprensione , sono le uniche cose realmente rivoluzionarie che possiamo fare per questi tempi a partire dalla nostra famiglia, che geneticamente ci appartiene.

    Fonte/i: ovviamente ammetto che bisogna sempre avere a che fare con l' egoismo degli altri per sentirsi in difficoltà.. se i miei non considerebbero una stupidata il mio percorso di ricerca, non farebbero in modo che io mi senta in colpa per questo . *giordano bruno, di certo ha viaggiato da una parte all' altra dell' europa, per tenere coerenza alla propria dottrina, ma non dimentichiamoci che è stato messo al rogo dalla chiesa. ipazia, grande matematica, scienziata e filosofa, è stata lapidata e le hanno cavato gli occhi, per non aver accettato il credo dettato dalla chiesa. guarda anche il film "agorà", gratis su megavideo on line, per rendertene conto. capisci che se ti addentri realmente nella cosa, le contraddizioni son tante, la facciata non basta. nessuno vuole che tu scopra la tua verità, nè il sistema nè la chiesa. devi solo essere uguale agli altri per essere lasciato in pace e possibilmente pensare il meno possibile. questa è la realtà del lavoro, della casa e della chiesa. ma chi va contro questo si ritrova nella strada in balia di chi è materialmente più forte . a meno che tu non abbia una casa di proprietà ti ripeto , e puoi permetterti di farlo. io non ce l' ho . devo sottostare all' egoismo e all' ignoranza ( ma anche alla realtà ) dei miei. ________________________________________________ecco forse un quesito mi assale.. che questa fase rappresenti per me l' ultimo distacco che mi era rimasto da attuare ? il distacco da me stessa? cmq, per ritornare a te, ascolta te stesso e segui il tuo percorso, come un fiume segue l' incavo che lo accoglie e vedrai che difficilmente compierai errori. e soprattutto, non aspettarti che gli altri ti comprendano o siano affascinati da quello che tu provi, se vuoi intraprendere la strada della verità , la solitudine interiore è il varco per l' oceano della tua consapevolezza . stai attento certo, ma son sicura che non te ne pentirai :) saluti --------------------------------------------------------------------------------- una sera, prima che tornassi a casa.. mia madre mi aveva mandato dei soldi.. e comprai qualcosa come.. dello yogurt, dei fichi mi sembra.. e qualcosa da bere.. con la mia bicicletta, mi diressi sull' Arno.. alla ricerca di un posto privato e sul verde, dove potessi cenare tranquilla , possibilmente con meno voci e sguardi possibili intorno .. ad un certo punto , volli avvicinarmi ancora un pò su l' acqua .. ed un' oscuro ominide mi fa cenno con la mano di avvicinarmi a lui.. guardava semplicemente l' acqua, in solitudine- contemplava direi.. beh, io sono scappata , ma il suo sorriso non era malvagio, ed anche se sembrava sporco , magari senza un soldo.. mi ha sorriso, e mentre andavo via ho pensato:< beh che differenza c' è in fondo tra lui e me.. io ho solo una mamma che ogni tanto mi manda qualcosa.. > però capito.. lui mi ha sorriso.. mentre i signori per bene mi davano della matta perché mi addentravo da sola con la bicicletta nell' oscurità - con sottobraccio essere e tempo di heidegger e la mia prelibata cena.. morale: sfido chiunque a trovare un sorriso gratuito in questa società di presuntuosi e sciocchi figli di papà. solo chi ha il coraggio di perdersi, può ritrovarsi nell' altro , ed in tutto ciò che lo circonda. senza presunzioni, rancori ed oscenità. :)
  • Anonimo
    9 anni fa

    Io no ... e tu? Il fatto stesso che tu credi in Dio e segui i dettami di una religione, svela a tutti noi la tua paura della morte, e la tua paura di dover un giorno abbandonare tutto. Fossi al tuo posto, mi lascerei morire ... e non farei più nulla, visto che hai questa folle paura della morte.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Sei stato folgorato sulla via di Damasco?

    Se facessimo tutti così il mondo si fermerebbe!

    Ognuno ha la sua via e il suo tempo per arrivare alle cose, a forzare si rischia di ottenere il risultato opposto a quello prefisso!

    Fonte/i: Guarda che la vera lotta non è contro il mondo, ma contro sé stessi, è inutile andare lontano e lasciare tutto, perché il tuo io ti seguirebbe come un ombra. La vera lotta è restare nel luogo dove si è, eseguendo i compiti che la vita ci ha dato. Chiunque ritirandosi in un luogo deserto troverebbe un po di pace e riuscirebbe a meditare meglio, ma una volta tornati nel tumulto della città i problemi si ripresenterebbero come prima, perché non sono mai stati risolti. La chiamano "La via del fuoco", perché è come essere tra le fiamme e non venirne scottati. I problemi si risolvono dove ci sono, e non allontanandocene. Il vero problema è l'attaccamento alle cose e sopratutto al nostro Ego, una volta vinto noi stessi si è vinto tutto! Sei come quel pesciolino di fiume che avendo sentito parlare del mare, si mise in testa di raggiungerlo. Si mise a nuotare controcorrente con tutte le sue forze, col pensiero fisso nella sua mente di raggiungerlo o morire nel tentativo. Dopo qualche tempo, ormai stremato, non ce la fece più e decise di lasciarsi morire, si lasciò andare nella corrente e restò nell'incoscienza per molto tempo. Quando si risvegliò si guardò attorno per vedere dove si trovava, e meraviglia delle meraviglie.... era arrivato al mare! Morale della favola, è inutile andare controcorrente, la vita stessa ci porta a destinazione, basta riuscire a lasciarsi andare, sembra facile, ma siamo tutti come delle scimmie che saltano da un ramo all'altro, seguendo i suggerimenti della nostra mente scimmia. Abbandoniamoci al fiume della vita, e ritroveremo noi stessi, l'oceano infinito. Ciao DrEvol, dove sei stato? Mi sei mancato! Ho provato molta empatia per l'utente "conoscere non rende felici". C'è un altra storiella che si adatta alla tua domanda, ti do il link nella quale l'ho proposta, leggi anche la M/R che ho dato a Zazen. http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Au...
  • Anonimo
    9 anni fa

    Mi scuserai il mio esordio un pò provocatorio come del resto lo è la tua domanda: NON ti conosco perciò NON voglio azzardare giudizi ma....leggendo il tuo scritto così com'è, mi viene da dire a primo acchito che si tratta dello scritto di una persona molto giovane, o di una persona che assume sostanze stupefacenti perchè tra le righe EMERGE una EVIDENTE INCAPACITA' di percepire il pericolo, e una notevole ALTERAZIONE di quella che è la PERCEZIONE della realtà.

    Cioè, voglio dire: chi è tra noi che NON si rende conto di cosa può accaderci se molliamo TUTTO e partiamo all'addiaccio? Cosa succede mollando tutto e vagabondando?

    Ecco, se ti fai un giretto virtuale (mentale) di 365 giorni e notti in giro per le strade senza più niente, poi mi dirai a quale tipo di VERITA' si può approdare.

    Einstein disse:

    "Abbiamo bisogno di un modo nuovo di pensare, per risolvere i problemi creati dal vecchio modo di pensare."

    NON serve mollare tutto, nè andare tanto lontano....basta solo usare la TESTA e metterci un pò di UMANITA' nei gesti di tutti i giorni.

    Buona fortuna.

    Fonte/i: Stavolta mi trovo pienamente d'accordo col Folle dello Zen. E' un pò come il gabbiano Johnatan che si era messo in testa di farcela da solo, e alla prima interpretazione del libro l'hanno sbandierato come uno spirito libero che andava controcorrente....ma poi ci hanno ripensato. Il gabbiano per natura deve farcela in stormo, quindi il suo andare contro la sua STESSA NATURA, nella nuova rivalutazione del libro è sintomatica di PSICOPATIA. Modificare si, ma partire tipo Diogene.....fosse così semplice non staresti nemmeno qui al pc a parlarne, non credi?! --------------- Mi hai GIUDICATA di PREGIUDIZIO, quindi?! :) Il dietro le parole la dice moooolto più lunga di quello che si dice....e il tra le righe svela ancora di più su certe abitudini delle persone; poi se ti droghi mica è un pregiudizio mio ma affare tuo. E se sei giovane, beh...meglio così. Si vede che hai molto da imparare. Come tutti del resto....siamo qui per questo. Ho notato che hai criticato e giudicato un pò tutti quanti, con una sottile ironia....classico degli operatori di Dio che se non segui il loro ragionamento allora tutto ciò che ne è al di fuori è automaticamente sbagliato. Te lo lascio anche io un link....di come piace vivere a te....così cambiamo un pò canzone. Ciao http://www.youtube.com/watch?v=ZHQ2BMGq0Ss&feature... AHAHAHAHAHA....adesso ho letto......se ti fanno rabbrividire soltanto le parole (vedi Nerissa) allora NON puoi vivere fuori casa. Fa freddo d'inverno, sai?!
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • DrEvol
    Lv 7
    9 anni fa

    Hai ragione a dire che la VITA e' tutto quello che abbiamo. La vita, in fatti, e' il valore piu' alto ed e' quello che determina tutti gli altri possibili valori. Senza vita non esistiamo e il problema dei valori terreni o di un'altra realta' immaginaria non esiste per chi non e' vivo. Un sasso e' un esempio di entita' senza valori, perche' non essendo vivo un sasso non puo' scegliere tra vita e morte, tra bene e male. L'universo dei sassi e' indifferente sia alla vita che alla morte. Dove non c'e' scelta non ci puo' essere moralita'.

    L'alternativa al valore della vita terrena e' la non esistenza. Ma se tu sei certo ed hai l'evidenza che questa vita non e' un valore per te, e che la vita oltre la tomba e' tutto quello che desideri, fai pure la tua scelta.

    Un ateo non e' superficiale e non e' attratto dalla vita eterna, perche' un ateo e' colui che si aspetta la prova dell'evidenza da coloro che affermano che la vita eterna dopo la morte e' il vero valore da perseguire. Questa prova non esiste e l'ateo si rifiuta di trattare un'affermazione senza prova come se fosse una verita'. Un ateo riconosce che la vita esiste e ama la vita, le amicizie, gli affetti, la professione, lo studio, la conoscenza che la vita ci offre. Se questi sono valori da calpestare in cambio di un'affermazione infondata, sii tu il primo a mettere in pratica quello in cui credi. Se quello che dici non puo' essere praticato, ma continui a dire che e' il valore piu' alto, commetti semplicemente l'incoerenza dell'ipocrisia.

    ....................................................................

    ll misticismo, in tutte le sue forme, e’ il nemico della logica e quindi e’ il nemico della vera spiritualità umana. La spiritualità o spirito umano e’ un concetto metaforico per descrivere la nostra mente razionale. Qualsiasi filosofia basata sul misticismo deve richiedere che la nostra mente evada la realtà dei fatti ed eviti di aiutarci ad identificare consciamente quello che la realtà del mondo e la realtà di noi stessi sono effettivamente.

    Auguro a tutti buoni ragionamenti logici, assolutamente necessari per il successo e il miglioramento della vostra vita! Dr Evol (not Evil!)

  • 9 anni fa

    Uno non viene a raccontarmi di aver abbandonato tutto quando dimostra a parole di essere attaccato in modo che io giudico alquanto morboso ( potrei anche esagerare, ma lungi da me il desiderio di convertire alla pace dei sensi religiosi ! ) alle sue idee. Non mi sembra che stia prendendo la SUA CROCE, quanto che stia chiedendo al disgraziato Cireneo di essere aiutato nelle sue fatiche lungo il Calvario. Il distacco dalle cose, da quelle materiali, e` ben poca cosa ! Se uno si allontanasse dall' attaccamento alle proprie immaginazioni, forse vedrebbe con piu` serenita` le immaginazioni degli altri. E tra le immaginazioni degli altri ci sono anche quelle degli atei che ti danno fastidio... religiosamente...peccato molto morboso, pericoloso, superbo, pieno di orgoglio, che ti fa schiavo di un' idea per paura di accettare questo mondo nella sua nuda realta`, pur vivendo i tuoi ideali di non conformismo con il male. Serve una riflessione urgente !

  • Anonimo
    9 anni fa

    Proprio perchè la vita è una sola e non viviamo in eterno e domani potremmo anche non esserci più...Quello che ho me lo tengo e me lo godo più che posso VISTO CHE ME LO SONO GUADAGNATO!

    Gli operatori di dio sono Mantenuti dalla società (non vivono di solo misticismo) io invece mi mantengo da me e non mi piace andare per il mondo con le "pezze al cu..lo"

    Però sàppi che il corpo che abbiamo E' il TEMPIO della nostra Anima e se lo maltrattiamo,si ammala anche il nostro Spirito...Dobbiamo avere rispetto del Dono della Vita e di noi stessi per primi

    Chi non desidera farlo,si accomodi e magari nelle gelide notti d'inverno sotto ad un ponte, in mezzo ai topi e alle immondizie...troverà dio che lo renderà suo "operatore" mentre noialtri saremo nelle nostre calde case avvolti in calde coperte...haimè,miseri noi!

    Alla mia DIGNITA' come Essere Umano NON RINUNCIO e NON MI INCHINO DAVANTI A NESSUNO! La Vita NON ME LA GIOCO... LA VIVO!

    E poi se ci pensi bene...STARE INCHINATI?...E' UNA POSIZIONE MOOOLTO PERICOLOSA!

    Comunque grazie per il generoso pensiero che hai avuto nei confronti di noi tutti !

    Fonte/i: Ti ringrazio per la bella canzone che Accetto volentieri perchè mi piace...Ma tu devi ancora Imparare ad Accettare la vita e le persone per come sono...Hei simpaticone, non è che pècchi un "pò"di Presunzione?
  • Anonimo
    9 anni fa

    Io si, posseggo la rara volontà di poter rinunciare a qualsiasi cosa. Non sento la mancanza di nulla, quello che non ho è quello di cui non sento la mancanza, e di quello che ho, ne posso farne anche a meno.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Se vuoi arrivare a capire la verità della vita, la vita devi viverla.

    Non angosciarti così.

    Se lasci tutto, come arriverai a capire le cose? attraverso che cosa? i libri?Le elucubrazioni mentali?

    Personalmente imparo di più guardando i miei figlòi e il divenire della natura e nel contempo, vivendo, ciò che ho ogni giorno fino in fondo.

    Ricordati: Nulla si distrugge, ma tutto si trasforma.

    Conosci te stesso e arriverai a conoscere gli Dei e l'universo.

  • 9 anni fa

    si ma da che parte è la verità? tu dici la religione? come la fai a seguire se chi la dovrebbe diffondere e un ipocrita tipo il papa a noi giovani non manca il coraggio di affrontare ma siamo stanchi di tutta questa ipocrisia

  • 9 anni fa

    Io credo che tu abbia molta molta paura di abbandonare tutto...perchè hai tanta rabbia dentro che anche se il tuo messaggio è importante (ma concedimi...banalissimo) sei inacidita verso tutti.

    Cerca la tua strada, non cercare conferme..

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.