Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 1 decennio fa

il presidente della repubblica ha l'obbligo di sciogliere le camere se viene votata la sfiducia al governo?

e perchè?e qual è il procedimento di nomina del presidente del consiglio?

2 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    la condizione di esistenza necessaria e indefettibile del governo in una repubblica democratica (come la nostra) è avere la fiducia delle due camere (senato della repubblica e camera dei deputati) come statuisce l'art 94 della Costituzione (il governo deve avere la fiducia delle due camere). ciò significa che se non ha la fiducia il governo non può formarsi (nel caso di mancata concessione di fiducia iniziale) o deve dimettersi (nel caso di mozione di sfiducia votata quando il governo è già insediato). Questo non va confuso con la "questione di fiducia" che il governo stesso utilizza quando vuole che il parlamento voti un disegno di legge e se ne assicura la maggioranza. se nella questione di fiducia il parlamento non votasse a favore della proposta del governo, questo non sarebbe comunque tenuto a dimettersi. per quanto riguarda il presidente della repubblica, ha l'obbligo di sciogliere le camere solo quando si verificano gravi crisi politiche e istituzionali, per il resto non dovrebbe incidere negli affari del parlamento, quindi si tratta di un potere che esercita in via straordinaria e solo dopo aver sentito i presidenti delle due Camere (art 88 della Cost). per quanto riguarda la formazione del governo (disciplinata dagli artt 92 e seguenti) il presidente della repubblica nomina il presidente del consiglio ed è poi quest'ultimo a scegliere i vari ministri (dell'interno, degli esteri, della salute ecc). Il presidente della repubblica assegna il mandato esplorativo a una personalità che egli ritiene più in grado di assicurarsi la maggioranza in parlamento in quel dato momento storico e costui compie alcune "indagini" per verificare la situazione istituzionale, riservandosi di accettare il ruolo di presidente del consiglio. questa norma non è molto chiara ed è stata quindi oggetto delle più svariate interpretazioni. ormai, cmq, con la legge elettorale n 250/2005 che prevede un sistema elettorale proporzionale con premio di maggioranza è il partito a scegliere chi andrà a governare in caso di risultati favorevoli alle elezioni. spero di essere stata il più chiaro possibile!

    Fonte/i: studio giurisprudenza e ho appena fatto l'esame di diritto costituzionale!
  • RODAN
    Lv 6
    1 decennio fa

    No. Non ne ha l'obbligo.

    Deve verificare prima se è possibile un'altra maggioranza.

    Il PdC viene scelto da questa nuova maggioranza e proposto al PdR, il quale può accettare o meno.

    Da qui si deduce tutta la ridicola pantomima che bisogna subire ogni volta da Berlusconi, sul fatto di essere stato eletto dal popolo, cosa oltre che falsa, incostituzionale.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.