Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Pare che il PD sia il primo partito in Europa per numero di iscritti?

A Luglio 2009 ne contava 820.607.

Sono davvero tanti, la CDU (Germania) ne conta 530.755 (2008).

Cosa porta così tante persone apparentemente sane di mente ad iscriversi ad un partito come il PD?

Come fanno ad essere così illusi, votando PD cosa si aspettano?

I berlscojones, poveracci sono plagiati da anni di merdaset, ma i piddini che scusa hanno per essere così rincitrulliti?

Il PD ha fallito miseramente (così come il PDL e questa specie di bipartitismo), non è di Sinistra, non è progressista e neanche riformista, sarebbe il caso di ricominciare da persone come Di Pietro e De Magistris, dall'IDV che non sarà di sinistra ma è fatto certamente da uomini dello stato e anche di provata onestà credo.

Di Pietro è riuscito a costruire qualcosa di importante proponendo una cultura politica alternativa al centrismo mafioso di PD e PDL, qualcosa fuori dai soliti schemi, che non insegue Berlusconi nel berlusconismo, è così che il sistema di potere berlusconiano si sgetolerebbe facilmente. Invece l'IDV rimane relegato a partito minoritario.

Perchè? Come mai tutti questi "berluscones (persone che spengono il cervello e lo mandano all'ammasso)" di sinistra?

Aggiornamento:

C'è anche tanta gente che crede nel PDL e nella Lega ma è palese che anche questi partiti sono falliti.

12 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    lord brummel non capisco ancora se sei un troll, e in questo caso rispetto, anche se dovresti trovare qualcosa di più interessante da fare, ma fatti tuoi.

    ma l'ipotesi più pericolosa è che tu possa davvero pensare ciò che scrivi.. basta a fare il giapponese che difende l'imperatore a guerra finita, se il pd continua a perdere è perchè c'è uno zoccolo duro di chi come te pensa che la politica sia una fede, e contro la fede non c'è ragionamento o dato di fatto che funzioni. contro i dogmi le parole servono a poco. spero tu non debba mai svegliarti e accorgerti che siamo nel 2010 e ti prendono per il **** da almeno 20 anni. auguri..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Se ancora tanta gente crede nel PD, significa che il tuo giudizio "ha fallito miseramente, non è di sinistra, non è bla bla bla" forse non è così vero come la tua presunzione ti fa credere. Forse 800.000 persone credono che Di Pietro e De Magistris (che tra parentesi si odiano tra loro), passando tutto il tempo a gridare "mafioso e p2ista" a Berlusconi, non perseguano la giustizia sociale ma soltanto quella penale. Forse la gente supponente e diciamolo snob come te che si rifugia in questo liberalismo alto-borghese di destra un po' paternalista un po' elitario (da come giudichi con aria di superiorità chiunque non sia d'accordo con voi), autocompiaciuto, sterile ed essenzialmente fuori luogo ed arrogante, espresso magistralmente dal vostro campioncino MC (Marco Travaglio) comincia a mostrare la corda e non sfonda. Fatti queste domande invece di spalare fango gratuito sul PD, un partito che con tutti i suoi difetti (che noi ammettiamo, non pensando come voi di essere perfetti) ha una lista di iniziative parlamentari, una statistica di presenze in parlamento (81,8%, 1° partito in Italia) e una tradizione storico-filosofico-culturale, nonchè un radicamento territoriale e un supporto popolare autentico, che IDV non vedrà nemmeno tra un milione di anni.

    Fonte/i: PS: ti lascio questo così ti rendi conto (forse) che quando dite tutti in coro (per moda ormai) che il PD non fa opposizione dite una cosa assolutamente falsa: http://www.partitodemocratico.it/dettaglio/105578/...
  • 1 decennio fa

    idealmente é il partito che può risolvere l'italia

  • 1 decennio fa

    Se ancora tanta gente crede nel PD, significa che il tuo giudizio "ha fallito miseramente, non è di sinistra, non è bla bla bla" forse non è così vero come la tua presunzione ti fa credere. Forse 800.000 persone credono che Di Pietro e De Magistris (che tra parentesi si odiano tra loro), passando tutto il tempo a gridare "mafioso e p2ista" a Berlusconi, non perseguano la giustizia sociale ma soltanto quella penale. Forse la gente supponente e diciamolo snob come te che si rifugia in questo liberalismo alto-borghese di destra un po' paternalista un po' elitario (da come giudichi con aria di superiorità chiunque non sia d'accordo con voi), autocompiaciuto, sterile ed essenzialmente fuori luogo ed arrogante, espresso magistralmente dal vostro campioncino MC (Marco Travaglio) comincia a mostrare la corda e non sfonda. Fatti queste domande invece di spalare fango gratuito sul PD, un partito che con tutti i suoi difetti (che noi ammettiamo, non pensando come voi di essere perfetti) ha una lista di iniziative parlamentari, una statistica di presenze in parlamento (81,8%, 1° partito in Italia) e una tradizione storico-filosofico-culturale, nonchè un radicamento territoriale e un supporto popolare autentico, che IDV non vedrà nemmeno tra un milione di anni.

    Fonte/i: PS: ti lascio questo così ti rendi conto (forse) che quando dite tutti in coro (per moda ormai) che il PD non fa opposizione dite una cosa assolutamente falsa: http://www.partitodemocratico.it/dettaglio/105578/...
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Purtroppo molte tessere vengono da correntine e truppe cammellate.

    E poi il grosso difetto del PD è l' autoreferenzialità dei suoi stessi tesserati ed elettori fedeli (lo sono anch' io...). La grande vittoria di Bersani alle primarie lo dimostra. Brava persona Bersani, ma portatore di idee già vecchie nei '90....e troppo fedele al partito, gli manca quella capacità di critica e di autocritca necessaria per portare il PD al governo. Non che la serietà non sia importante, ma da sola non basta. E non che Marino, per il quale ho votato io, fosse la soluzione a tutti i mali, ma almeno avrebbe evidenziato nello zoccolo duro degli elettori del PD una volontà di cambiamento, di rinnovamento..invece...

    Di Pietro è onesto sì, ma non intellettualmente. Da ministro con le Autostrade ha fatto solo casini rafforzando le lobbies, ha dimostrato di non sapersi scegliere i collaboratori (vedi passaggi repentini dall' altra parte di certi ex-parlamentari..), non ha una visone coerente e adeguata di cose farebbe se fosse al governo...punta solo sulla legalità, tema importantissimo e colpevolmente trascurato dal PD, ma non è tutto. Il tema principe è l' economia, e la stessa legalità passa da un diverso rapporto tra stato e mercato (col primo più in disparte..).

  • 1 decennio fa

    Io sono un iscritto al PD , e sono anche molto critico con il mio partito tanto che alle ultime regionali non sono andato a votare per protesta ,nonostante ciò, credo che questo sia lunico partito capace di dare un alternativa seria a questo paese , basta mandare via certi parrucconi come D'Alema.

    Detto questo non mi sento affatto un deficente ,sopratutto se a dirlo è un poveraccio che crede ancora che Di Pietro sia una persona intelligente e di provata onestà,ma per favore! De Magistris poi!

    Guarda io lo già scritto su questa rubrica ,sono disposto a chiudere un occhio su D'Alema,ma fino a quando il PD sarà alleatto con quel bifolco imbostore e lestofante di DI Pietro non ritorno a votare.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Balle. sono frottole inventate dalla stampa e dei tg e dai sondaggi tutto in mano alla sinistra che strumentalizza le informazioni in un regime mediatico totalitario contro di me che sono l'amore.

  • 1 decennio fa

    che il PD ha Fallito lo dici te e i detrattori come te... Se di pietro è in Parlamento carissimo Lo deve solo ed esclusivamente al Partito Demicratico che gli ha concesso di allearsi con lui alle ultime elezioni.

    Vorrei ricordarti che Partiti con una storia più grande dell IDV NON sono stati altrettanto ammessi in quella alleanza (per ragioni che qui non ho il tempo di affrontare) e sono fuori del Parlamento.

    L'IDV aveva fatto un patto con Veltroni ed aveva promesso di confluire nel Gruppo Parlamentare del PD, cosa che dopo le elezioni Di Pietro si è rimangiato!

    Bell'esempio di correttezza.

    "La cultura politica alternativa" poi di DI Pietro la vedi solo te.. Io che di politica ne pratico da quando avevo 12 anni e ne ho 45.. vedo solo tanto Populismo, rumorismo caciaroneria..... e voglia di far parlare di se..

    Questi modi di Di Pietro "da cabaret" possono impressionare sprovveduti che conoscono poco la Politica e ancor meno i comportamenti poi pratici presi in Parlamento dal Gruppo dell'IDV...

    Detto questo spero che Con L'IDV si possa dialogare e magari Governare insieme.. Ma da parte di questo Partito ci vuole rispetto per una grande forza come il Partito Democratico. E non paraculate del tipo coltelli nella schiena onde poi venire a elemosinare alleanze sotto campagna elettorale...

    PER MATUSA@ quello che dici è inesatto e tendensioso.. l'iscrizione al Partito e è annuale quindi scade dopo un anno.

    in genere chi male pensa male fa...

  • 1 decennio fa

    Bè, io ti rispondo da persona che alle spalle ha una certa esperienza in politica e sa come funzionano le cose.

    Dovresti sapere che gli organi dirigenziali dei partiti (sia a livello locale e poi via via più in alto) sono eletti nei congressi. Nei congressi i delegati hanno un voto per ogni iscritto che li ha appunto delegati. Questo significa che più gente hai fatto iscrivere e rappresenti, più peso politico riesci ad avere.

    Il risultato è che generalmente (non solo nel PD ma quasi ovunque) cerchi di far iscrivere chiunque a cominciare da mamma e papa, passando per il nonno rincoglionito, e finendo (come fanno molti) per iscrivere gente che giace serena nel camposanto.

    Non sono certo una novità gli scandali di iscritti che, redivivi dall'oltretomba, hanno avuto come primo pensiero quello di farsi la tessera di partito. Si sa, prima Dio, ma poi subito dopo la Patria. :-)))

    Quindi, io penso che queste cifre andrebbero viste con un pò meno di serietà, magari evitando di pestarsi i calli a vicenda per stabilire la reale importanza o peso del partito.

    Il PD con 800 o 500 o 200 iscritti che sia, rimane il grande partito riformista italiano. La sua grandezza, oltre che dalle dimensioni dell'esito elettorale, dipende non tanto dagli iscritti, ma dalle politiche e dalla politica di cui si fa promotore.

    Su questo temo che il confronto con i grandi partiti riformisti europei non sarebbe cosi a suo vantaggio come le tessere di partito lascerebbero sperare... sperare.

    Fonte/i: Esperienza
  • 1 decennio fa

    Probabilmente è molto più organizzato sul territorio, a livello locale più che a livello nazionale. In effetti il pd mostra una così variegata pluralità di opinioni che rende meno chiara l' identità politica del partito.

    Personalmente ha perso il mio voto in modo definitivo da quando ha appoggiato Vietti alla vicepresidenza del CSM (colui che ha affossato la legge sull'omofobia e fautore della depenalizzazione del falso in bilancio). Per non parlare del malumore che provo quando sento qualche esponente che auspica un' alleanza con l'Udc di Casini e Cuffaro. Di critiche al PD se ne possono fare a bizzeffe, ma non credo che coloro che appoggiano questo partito siano dei berluscones di sinistra perché a differenza di questi ultimi sono critici nei confronti del loro stesso partito. Tutto si può si può dire del pd, tranne il fatto che non vi siano dibattiti, anche aspri, all' interno del partito. Nel pdl abbiamo il Caligola di turno che determina la linea politica la quale non può essere contestata o criticata (ecco perché abbiamo Futuro e libertà) mentre nel pd questo autoritarismo non c'è.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.