promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoCasa e giardino - Altro · 10 anni fa

Voglio recuperare un sottotetto e fare un terrazzo sul tetto, ma la mia è villa del '700 in collina. posso?

piemonte provincia di torino. per il recupero del sottotetto non dovrei avere problemi perchè ho verificato le altezze e sono ok. il grosso dubbio è sul terrazzo. l'unico modo per fare un alloggio nel sottotetto però è con un bel terrazzo, se no senza sfoghi fuori è troppo claustrofobico!

2 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Ha ragione Aristo66 ma non solo, trattandosi infatti di una villa del 700 la domanda che farai NON avrà, assolutamente, risposta positiva.

    Il consiglio che posso darti è quello di presentare al Comune ( Ufficio Tecnico ) domanda di ristrutturazione del tetto, creare quindi uno spazio libero, lasciando almeno 1,5 m. dal bordo esterno del tetto a rientrare. Procedere alla elevazione di un muro in cemento espanso per la sua estrema leggerezza ( Tipo gasbeton per intenderci ) dal pavimento e fino alla parte inferiore del tetto.

    Quì in Toscana lo spazio libero ( da tegole ) NON può superare i 3 m. di larghezza ed avere, appunto un bordo tegolato ( dalla grondaia a rientrare ) , di almeno 1,5 m. e la profondità non superiore ai detti 2 m.

    Purtroppo non conosco le possibilità date da regolamenti locali e generali del Piemonte.

    Al limite puoi usare tegole in vetro per dare luce al piano interno, ma come detto non conosco i regolamenti locali.

    Spero di essere stato chiaro nell' esposizione.

    La richiesta di ristrutturazione deve essere fatta da un architetto ( almeno nei regolamenti edilizi per costruzioni d' epoca vigenti in Toscana ) ed i """ motivi """ addotti sono di appannaggio dell' architetto

    Un saluto e tanti auguri.

    Fonte/i: Ristrutturazione richiesta in tal modo ed eseguita
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Trattandosi di una villa del 1700, prima di poter effettuare che inficino la visuale esterna, sarà opportuno interpellare la Soprintendenza ai Beni Culturali ed Architettonici della Regione Piemonte. Alias Belle Arti, detto tout-court. Se loro ti danno l'ok, sei a posto. Tieni presente, però, che neccessitano tempi biblici, tant'è che molti finiscono prima con l'eseguire la modofica esteriore (se proprio non è ... monumentale) e, nel frattempo iniziare ed avanzare le pratiche pubbliche.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.