Vorrei avere tutte le informazioni possibili sul Pitone Reale!? (magari per chi ne ha già uno)?

Come si allestisce il suo terraio e che strumenti bisogna compare (termometri, indicatori di umidità?) Può mangiare anche topini morti? E se sì, è possibile comprarli già morti? E' necessario chiedere particolari permessi prima di acquistarne uno? Sono abbastanza docili? E quanto vivono? E' consigliabile prendere un maschio, oppure una femmina? Grazie per le risposte!

7 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    ciao, nn voglio sciorinarti copia e incolla o dilungarmi.. ma soltanto raccontarti la mia esperienza diretta con questo magnifico boide e darti un paio di consigli su come allevarlo..

    il pitone reale è l'ofide piu diffuso tra i terrariofili grazie al suo carattere diciamo mansueto(piu dei boa sicuramente) e per le dimensioni contenute.. ha abitudini semiarboricole, quindi il terrario deve essere sviluppato in lunghezza.. lateca è meglio se di legno, disperde molto meno del vetro ed è piu facile installare tronchi, luci ecc... come dimensioni ti consiglio di nn scendere sotto 100lx50hx40p.. lo spot caldo deve essere messo su un lato in modo da creare zone calde e fredde.. deve esserci un approdo che consenta all'ofide di trovare il calore senza pero bruciarsi.. deve esserci un tronco abbastanza ramificato, fondo di torba per favorire l'umidità e il camuffamento di piante e ciotole dell'acqua.. tutti i rettili predatori mangiano prede vive........ è importantissimo per mantenere anche in cattività l'istinto predatorio... darli prede morte è una forzatura che costringe il serpente a mangiare per fame, e puo causare seri problemi come apatia costipazione, inappetenza ed anoressia.. se nn ti senti di dargli topi vivi, è meglio che cambi animale puntando su un iguana che è vegetariana.... la temp deve essere 30 di giorno e 26 di notte, umidità rispettivamente 90 e 70% la torba aiuta all'assorbimento dell'umidita durante la notte e il rilascio graduale durante il giorno... i documenti si chiamano cites, e sono fatti da 2 denuncie all'asl, una del venditore e l'alta tua, circa 100€ di bollettini postali e una visita domiciliare dell'incaricato per stabilire se il rettile è a prova di fuga.. il carattere come ti dicevo è docile, ma spesso soffiano e mordono come tutti i rettili.. un morso, benchè doloroso ma sopportabile, ha la caratteristica di lasciarti nella pelle i denti che si spezzano.. nei pitoni nn fa molto male.. al massimo negli adulti.. si lasciano maneggiare spesso e volentieri, tendono a essere statici, quindi le passeggiate lo aiutano a digerire.. anche la teca grande serve a questo..vivono piu di 20 anni.. maschio o femmina nn importa, le femmine sono piu grosse, ma è complicato stabilirne il sesso.. di solito si fa con il sondaggio tramite corpo metallico, ma si possono anche contare le squame retrocloacali, da 27 a 36 nella femmina, oltre 40 nel maschio.. i serpenti, come i sauri, hanno dei momenti in cui devono essere lasciati in pace perchè estremamente irritabili.. prima e dopo il pasto e nella muta principalmente.. ma anche se provi a prenderlo e ti soffia, è meglio starli lontano.. rimangono pur sempre rettili predatori, e la loro unica difesa è soffiare e mordere.. vanno sempre presi dalla coda e sollevati.. se gli dai modo di appoggiare almeno metà del corpo possono mordere.. dopo averli sollevarti devi mettergli un braccio sotto al collo in modo da sostenerlo sempre per 2 punti.. la cosa piu difficile sono mantenere temp e umidità, oltre al termometro serve l'igrometro.. in mancanza delle condizioni vitali minime, hannoi problemi di muta e di cibo.. l'inappetenza del pitone reale è storica.. alcuni esemplari nn hanno mangiato per 22 mesi, in questi casi si procede con il variamento della dieta da topi acriceti fino all'ultima spiaggia con i gerbilli.. dargli i gerbilli è rischioso perchè poi rischi che nn vogliano altro.. è la preda naturale, il pitone si è evoluto per cacciare questo miomorfo saltellante.. quindi è sempre molto da ponderare con un erpetologo questa scelta..

  • Anonimo
    9 anni fa

    puoi dargli anche topi morti e li trovi in negozio.... cmq ti consiglio di fare una ricerca sull' elaphe guttata perchè oltre ad essere molto bella è molto docile e facile da tenere, prova a documentarti e vedrai che troverai scritto che per un principiante è un ottimo serpente

  • 9 anni fa

    il pitone reale è anchedetto serpente palla xk ha l'abitudine di stare cm un gomitolo! la notte però gironzola nella teca! Per calcolarle dimensioni si procederà così: lato lungo + lato corto = lunghezza del serpente. Per un Python regius adulto di 130 cm basterà pertanto un terrario di base 80x50.

    L’altezza è bene non sia eccessiva o potrebbe contribuire a stressare l’animale e dovrà pertanto aggirarsi tra i 30 e i 50 cm.

    Per l’allevamento degli esemplari baby e subadulti è decisamente consigliato l’uso di contenitori di plastica o di fauna box: io stabulo i baby fino ai 300 gr in contenitori 40x20x10, i subadulti fino ai 1000 gr in vasche 60x40x20 e gli adulti sopra il kg in vasche 80x60x20.

    se abituato mangia anche i morti! ovviamente se comprerai topi congelati attenzione a scongerarli e a darli a temperatura adatta....... se li comprerai vivi li puoi congelare tu o lo stordisci! ma se nn sei abituataevita! il morto è migliore xk uccidi i potenziali batteri o malattie però devi stare con una pinza a muovere il topo x attirare l'attenzione del serpente! cmq si si comprono morti! si mi raccomando quando prenderaio il pitone dovra avere un documento chiamato cites, sono molto tranquilli a differenza del moluro!Il pitone reale è uno dei serpenti più timidi e mansueti in assoluto. Facile a spaventarsi, se impaurito tende dapprima a nascondere il capo sotto il corpo per poi arrotolarsi su se stesso formando una palla.........per quanto riguarda il riscaldamento dovrà provenire dal basso (tappetini e cavetti riscaldanti, vanno evitate le lampade riscaldanti poiché seccano l’aria, consumano molto, disturbano l’animale, sono pericolose e innaturali) e dovrà coprire solo metà della base per creare una zona calda e una fredda.

    Ogni fonte di calore dev’essere termostatata per avere una temperatura al suolo di 31 gradi.

    L’umidità deve aggirarsi attorno al 55/65%, un valore facilmente ottenibile in un terrario non troppo grande e con una bacinella d’acqua.

    E’ consigliabile l’uso di una tana stretta e bassa, posta sul lato riscaldato, che faccia sentire l’ofide al sicuro.

    Come substrato, giornali e carta assorbente sono ottimi per quanto riguarda ingiene e praticità, i trucioli di faggio depolverati sono una buona alternativa in quanto più belli da vedere e non pericolosi in caso di ingestione accidentale. Da evitare trucioli di abete o polverosi, corteccia e sabbia. la loro vita media e di circa 30/40 anni

  • 9 anni fa

    Ciao per sapere tutte le informazioni possibili sul pitone reale ti lascio questo sito...spero di esserti stata utile =D

    http://www.amiciinsoliti.it/rettili/pytonregius.ht...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • GGH
    Lv 5
    9 anni fa

    Io lo lascerei dove deve stare:nel suo ambiente.E'assurdo prendere un animale dal suo habitat e sbatterlo in una teca con pochissimo spazio rispetto a quello che dovrebbe avere,signifca non avere minimamente rispetto per gli animali.E'ora che queste brutalità finiscano.

  • 9 anni fa

    si bisogna comprare i termometri e gli indicatori di umidità. si li mangia i topi morti. no,glieli puoi dare anche vivi perché morti nn se ne trovano ammenocchè nn gli uccidi tu.si è necessario secondo me. i pitono,come tutti i serpenti,non sono molto docili....riguardo al sesso del serpente è uguale.

    prego

  • 9 anni fa

    Il pitone reale (Python regius Shaw, 1802), detto anche pitone palla per la caratteristica forma che assume se disturbato o intimorito nascondendo la testa tra le spire, è un serpente della famiglia dei Pitonidi, originario dell'Africa occidentale.

    È un rettile dalle modeste dimensioni che supera difficilmente i 150 cm di lunghezza.

    Possiede un colorito brunastro con macchie e striature nere che gli donano una livrea particolarmente piacevole alla vista, inoltre ha una testa dalla peculiare forma detta a cuore che lo contraddistingue rispetto altri boidi.

    È un ofide molto longevo che vive in condizioni ottimali anche 20/30 anni. Raggiunge la maturità per l'accoppiamento intorno a 1 anno e mezzo per i maschi e 2 anni e mezzo per le femmine, è oviparo, la femmina depone in media da 1 a 13 uova covandole per 50/60 giorni fino alla schiusa.

    Si nutre di piccoli roditori e mammiferi che uccide per costrizione, talvolta anche di piccoli volatili essendo un animale semiarboricolo (anche se passa la maggior parte della vita nascosto in tane scavate nel terreno da altri animali e successivamente abbandonate). Non è difficile incontrarlo comunque, specialmente di notte, periodo prediletto per la caccia.

    Il carattere timido, difficilmente aggressivo e le modeste dimensioni lo rendono un rettile particolarmente indicato per l'allevamento da parte degli amatori; se non fosse per la sua inconstanza nell'alimentarsi, spesso il fenomeno del digiuno si verifica nel periodo antecedente alla muta (cambio della pelle) o nella fase di adattamento alle nuove condizioni di vita se parliamo di un individuo in cattività; talvolta da novembre a marzo smette volontariamente di nutrirsi senza che ciò rechi danno alla sua salute, le cause del fenomeno sono comunque da ricercare e valutare attentamente.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.