Antoni.c ha chiesto in Arte e culturaTeatro · 10 anni fa

Come lavorare su se stessi per interpretare un personaggio?

Ci sono metodi da sperimentare?

Aggiornamento:

Sì ne ho sentito parlare, ma facevi teatro e hai smesso?

4 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    in genere con i miei attori faccio un lavoro di studio sul personaggio: cerchiamo di capire da dove arriva, quali sono le sue motivazioni, le sue speranze e i suoi desideri, da quali esperienze arriva e come l'hanno formato.

    cerchiamo di trovare le emozioni che lo guidano, e insieme all'attore cerchiamo di attingere, dal vissuto dell'attore stesso, emozioni simili da (eventualmente) amplificare

    Fonte/i: sono attore e regista teatrale
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Si chiama metodo "stanislasky" (e non so come si scrive) ma non ho mai letto niente a proposito. Facevo teatro e, quando dovevo immedesimarmi in un personaggio cercavo di capirlo a fondo, di farne mie le motivazioni o le follie. Non sempre riuscivo, soprattutto quando mi capitavano personaggi crudeli come Medea che pretendevano fosse giusto uccidere i propri figli per vendicarsi del proprio partner... allora, se non riuscivo a giustificare la follia del personaggio, (che a volte è pericoloso per alcuni attore immedesimarsi, l'attore che interpretò il cannibale nel silenzio degli innocenti disse di aver molto risentito del ruolo) allora cercavo di immedesimarmi nei loro sentimenti.

    Se il personaggio è furente, triste, allegro ecc mi immedesimo in queste emozioni

    Sì, ho smesso perché mi trasferii in un'altra città e lì poi, tra studio e lavoro, non ho più avuto tempo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Stanislavskij. Per prima cosa dovresti lavorare su te stesso. Non penso sia facile farlo da soli, ovvero senza il sostegno di un insegnante e magari anche di una classe di colleghi, ma forse ci puoi provare. Devi cercare di eliminare gradualmente (anche se ovviamente non se ne andranno mai totalmente) le tue inibizioni, le tue insicurezze, le tue paure, il tuo desiderio di piacere con la tua recitazione. Devi imparare a rilassarti, ad impedire che la razionalità ti freni o faccia sì che tu ti veda dall'esterno mentre reciti, devi dimenticarti che hai paura di salire su un palco o di fare un provino, devi dimenticarti del mondo esterno, delle ansie e delle gioie della giornata. Può aiutare sicuramente fare un buon riscaldamento. Ognuno ha un suo modo di riscaldarsi, però generalmente si fa un po' di riscaldamento vocale, articolazione, e qualcosa per il corpo, tipo stretching ecc. Qualcuno si sdraia, chiude gli occhi e si rilassa, qualcuno fa esercizi per gettare via lo stress ecc.

    Passiamo al lavoro sul personaggio.

    Ti dico quello che faccio io. Leggo il copione un paio di volte. Non mi immagino come dire le cose o come sia il personaggio, lo leggo e basta, non a voce ma mentalmente, con un approccio neutro. Alla terza lettura comincio a sottolineare tutte le informazioni che vengono date sul mio personaggio e sul rapporto con gli altri. Qualsiasi cosa è importante: indicazioni sull'età, l'aspetto fisico, il carattere, dove ha vissuto, cosa ha fatto oggi, fuma, non fuma, che lavoro fa, dove è nata ecc. Alla quarta lettura circa comincio a scrivermi delle domande vicino alle battute: perchè dice questo? cosa intende dicendo quest'altro? Ecc. Dopo alcune letture il copione è pieno di domande che mi pongo sul personaggio, e pian piano comincio a rispondermi, basandomi dove è possibile sulle informazioni date dal copione stesso, dove non è possibile da deduzioni fatte da me su una base logica. Analizzo psicologicamnete il personaggio e fabbrico per lei un passato coerente con ciò che già so di lei. Mi costruisco poi dei veri e propri ricordi dettagliati di avvenimenti emotivamente importanti. Stabilisco infine per ogni scena un obiettivo (cioè cosa io voglio ottenere dagli altri personaggi in quel momento) e un super-obiettivo (= un forte desiderio che guida l'intera vita e che non cambia per tutta la sua durata. è un desiderio che generalmente si forma durante l'infanzia del personaggio).

    Spero di esserti stata utile.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • devi già avere la stoffa dell'attore !

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.