morgana ha chiesto in Mangiare e bereMangiare e bere - Altro · 1 decennio fa

meglio cucinare con l' olio d oliva o con l' olio di semi?

ne ho parlato con più persone per me personalmente l olio d oliva va solo per condire l insalata e la pasta voi cosa ne dite

14 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    l'olio d'oliva è il migliore in assolutoL'olio extravergine d'oliva, crudo o riscaldato, � il grasso pi� indicato per l'alimentazione, non soltanto per il suo aroma e il suo sapore, ma anche per l'insieme delle sue propriet�, tra le quali in particolare la sua composizione acidica con predominio di acidi grassi monoinsaturi e un perfetto equilibrio di polinsaturi, il suo contenuto di vitamina E, di protovitamina A e di antiossidanti, di effetto protettivo sulla salute.

    I GRASSI insaturi, come quelli presenti nell'olio d'oliva, negli avocado e nelle noci, stimolano l'intestino a produrre una molecola che sopprime la fame. La scoperta, pubblicata su Cell Metabolism da Daniele Piomelli della University of California, Irvine, pu� portare allo sviluppo di nuove cure per l'obesit�.

    Il primo tratto dell'intestino tenue produce un "messaggero" chimico chiamato oleoylethanolamide, o OEA che, somministrato come farmaco, riduce l'appetito, abbassa il livelli di colesterolo nel sangue e provoca la perdita di perso. Ma � proprio l'acido oleico, di cui � ricco l'olio di oliva, a essere convertito in OEA. Proteine e i carboidrati invece non hanno lo stesso effetto.

    Benefici dell'olio extravergine d'oliva sull'apparato circolatorio:

    L'alimentazione ricca di grassi animali aumenta la quantit� di colesterolo nel sangue, uno dei principali fattori di rischio nelle malattie cardiovascolari. Gli oli vegetali hanno invece azione protettiva.

    Si pu� a ragion vedute dire che in particolare l'olio extra vergine di oliva ha, rispetto ad altri oli vegetali, maggiori effetti benefici.Non solo per le sue peculiarit�, ma anche perch� l'olio extra vergine di oliva � l'unico olio prodotto con la semplice pressione e schiacciamento del frutto, senza ulteriori manipolazioni chimico-fisiche. L'olio di semi viene invece prodotto tramite l'utilizzo di apparecchiature speciali e di sostanze chimiche, quali il butano, il propano, l'esano.

    Specifichiamo: non tutto il colesterolo � nocivo. La frazione veicolata dalle lipoproteine di alta densit� (HDL) attiva l'eliminazione del colesterolo per le vie biliari. Il consumo di olio extra d'oliva diminuisce il colesterolo totale ed aumenta il saggio di colesterolo delle HDL, donde i suoi vantaggi per la salute e l'aumento della speranza di vita per chi ne consuma. Il rischio di malattie coronariche � molto pi� alto tra gli abitanti di paesi non consumatori di olio d'oliva, comparato con quello delle popolazioni mediterranee la cui dieta ne contiene un alto consumo.

    L'olio extravergine d'oliva usato come antiossidante e antiradicale:

    La presenza di tocoferoli e polifenoli conferiscono all'olio extra vergine di oliva un ruolo importante nell'attivit� antiossidante e anti radicalica limitando l'invecchiamento cellulare.

    Digeribilit� dell'olio extravergine d'oliva:

    Un ruolo svolto dall'olio, che tutti possono apprezzare, � sicuramente la particolare fragranza che esso conferisce ai piatti, aumentando l'appetibilit� delle vivande e promuovendo gli stimoli secretori dell'apparato digerente, cos� da indurre una migliore digeribilit�.

    Gli alimenti preparati con olio extra vergine di oliva presentano un'eccellente tolleranza gastrica e intestinale.

    Infatti, l'olio d'oliva protegge le mucose ed evita gli effetti dell'ipercloridria, riducendo cos� i rischi di ulcere gastriche e duodenali.

    Esercita un'azione lassativa, pi� efficace a digiuno, e contribuisce a correggere la stipsi cronica. Stimola la cistifellea e inibisce la secrezione della bile. Ha inoltre effetto protettivo contro la formazione di calcoli biliari, grazie all'attivazione del flusso biliare e all'aumento delle lipoproteine di alta densit� (HDL). L'incidenza delle litiasi biliari � minore nelle regioni con alto consumo di olio d'oliva.

  • 1 decennio fa

    l'olio d'oliva è dal punto di vista salutistico il migliore per friggere in quanto è quello che si degrada di meno alle alte temperature e quindi è meno cancerogeno degli altri.

  • 1 decennio fa

    sicuramente l'olio d'oliva. per più cose possibili.

    l'olio di semi va utilizzato per friggere le patatine surgelate o roba simile.

  • Marina
    Lv 7
    1 decennio fa

    è meglio con l'oilio d' oliva cucinare,perché fa' meno male rispetto a quello di semi.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    se ci pensi l'abuso di tutto fa male... di certo che se fai tutti i giorni le fritture con l'olio di semi sicuramente fa male... ma sai come si dice a Napoli? Ca se more! Quindi se ti va una frittura di paranza ma fattela con quale olio ti piace. Se segui diete salutari allora ti dico che l'olio di oliva caccia meno grassi saturi dell'olio di semi ad alte temperature e poi contiene i grassi monoinsaturi che fanno bene al nostro organismo. Se ti vanno le patate falle al forno che sono buone lo stesso. Se ti vanno i gamberetti falli alla piastra con la salsa di soia... buonissimi.... ciao!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Esatto

  • 1 decennio fa

    olio di oliva! non c'e' paragone!

  • 1 decennio fa

    è meglio l'olio d'oliva perchè è più salutare e molto meno grasso di quello di semi consiglio del buon intenditore xDxD!!!!!

  • 1 decennio fa

    l'olio di oliva è decisamente migliore, però ti consiglio di usarlo a crudo per condire pasta e insalata, invece x friggere meglio quello di semi anche se è meglio non abbondare molto

  • 1 decennio fa

    oliva!!

    semi per friggere e basta

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.