promotion image of download ymail app
Promoted
Mezzatazza ha chiesto in AmbienteVivere verde · 10 anni fa

Esistono trucchi poco noti utili al risparmio energetico domestico?

Ormai è risaputo che sia meglio usare elettrodomestici di notte, quando possibile usare quelli di ultima generazione, spegnere i led etc.

Ma ci sono altre strategie da applicare che voi sappiate?

4 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Per il risparmio energetico conviene:

    -adottare collettori solari per il riscaldamento dell'acqua: su Yahoo! Answers trovi come autocostruirli con 50 €

    -consumare energia elettrica preferibilmente quando più è disponibile localmente (avviare lavatrice e lavastoviglie di notte, oppure il sabato o nei giorni festivi)

    -usare la lavatrice a pieno carico

    -evitare l'uso di lavasciuga o essiccatori asciugabiancheria

    -isolare termicamente la casa con cappotti esterni o interni (se si costruisce una casa nuova, si può costruire una casa passiva ed eventualmente adottare materiali alternativi al cemento portland, e pensare a coprire il tetto con un giardino erboso, che isola termicamente, in particolare dal caldo)

    -adottare doppi o tripli vetri

    -sostituire le lampade a incandescenza (che del resto non dovrebbero più essere in commercio) con lampade a basso consumo

    -scegliere elettrodomestici nella classe a maggiore efficienza energetica (oggi è A++, ma domani si potrebbero aggiungere altri +)

    -non lasciare gli apparecchi elettrici in stand-by (cioè spegnerli dall'interruttore o staccare la spina, non spegnerli solo dal telecomando)

    -lasciare attaccati alla rete solo per il tempo necessario gli alimentatori degli apparecchi ricaricabili (come i telefoni cellulari)

    -ridurre l'uso di batterie (sono rifiuti tossici, e vanno sempre conferiti alla stazione ecologica o l'apposita raccolta differenziata)

    -evitare l'uso prolungato di apparecchi hi-fi a volume molto alto

    ALTRI RISPARMI IN CUCINA

    -tagliare il cibo in piccoli pezzetti per diminuire i tempi di cottura

    -scegliere cotture brevi, e usare il coperchio per far bollire l'acqua, salando al termine

    -spegnere 7-8 minuti prima la pentola a pressione e lasciarla chiusa per terminare la cottura

    -usare legumi secchi: non necessitano di refrigerazione e si possono trovare in semplici sacchetti, ma occorre ricordare di metterli in ammollo per ore (la mattina per la sera) prima della cottura

    -per cotture lunghe (come per zuppe e legumi) si può dimezzare il tempo di cottura usando la pentola a pressione

    -quando si usano cotture lunghe o cotture energivore come quella in forno elettrico, aumentare il numero di porzioni per un consumo nell'arco di più giorni

    -una pentola wok cuoce con meno grassi e tempi ridotti su fiamma bassa (ma come tutte le pentole antiaderenti richiede una pulizia molto soft)

    -una pentola a intercapedine (a Bologna si produce la Vapor Control) separa il cibo dalla fiamma con uno strato di vapore con cui non viene a contatto, e consente una cottura lenta a bassa temperatura. Permette di utilizzare ottimamente una fiamma al minimo. Inoltre il cibo non si attacca e l'eventuale olio conserva ottime proprietà, perché resta sempre molto lontano dal punto di fumo

    -utilizzare solo l'acqua che sarà assorbita nella cottura del riso, oltre a risparmiare acqua ed energia, conserva tutti i nutrienti del riso o dell'orzo. L'acqua deve essere proporzionata al tempo di cottura, e comunque se ne può aggiungere se serve (schematicamente, con una parte di volume di riso occorre circa una parte d'acqua se il riso è raffinato, quasi due parti se è semintegrale, poco meno di tre parti se è integrale)

    -l'ammollo anche per i cereali diminuisce i tempi di cottura

    -limitare la fiamma e tenere la pentola al centro del fornello, evitando di disperdere la fiamma sulle sue pareti

    -evitare il forno elettrico

    RISPARMI IMPORTANTI

    Non ho parlato per esteso dei risparmi di energia che si ottengono evitando di cibarsi di animali o di prodotti degli animali, perché questi non sono attualmente visibili nei conti di casa. La produzione di questi cibi, però, richiede risorse molto maggiori anche dal punto di vista energetico, a partire dalla necessità di coltivazione e lavorazione di quantità molto maggiori di vegetali, per alimentare gli animali per tutta la loro vita, anche se quest'ultima viene artificialmente accorciata per motivi economici.

    Per lo stesso motivo non ho citato sopra altri accorgimenti com ridurre il consumo di cibi pronti o surgelati.

    Anche molti altri comportamenti ecologici, dalla raccolta differenziata all'uso di prodotti biologici, dal consumo di prodotti locali al risparmio d'aqua comportano anche vantaggi energetici.

    Occorrerebbe anche considerare le emissioni di gas serra, perché contribuiscono al riscaldamento globale, che oltre alle sue più gravi conseguenze comporta anche un maggiore uso di energia per riscaldamento, raffreddamento, gestione di disastri ambientali e ricostruzioni.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    -Usare l'acqua in maniera intelligente, senza sprecarla.

    -non lasciare luci accese se non necessarie, anche per gli apparecchi elettronici.

    -Se hai una finestra dove batte forte il sole durante la giornata e questo ti crea una piccola serra nella stanza potresti (se hai un giardino) piantare una bella pianta a foglie larghe così che in estate le foglie ti creano ombra sulla finestra diminuendo il ponte termico tra esterno e interno ed evitando di sparare il condizionatore al MAX per raffrescare la stanza. Al contrario d'inverno le foglie della pianta cadono lasciando passare i raggi di sole scaldando la stanza.

    -utilizzare la lavastoviglie e la lavatrice solo a pieno carico

    -sostituire tutte le lampade ad incandescenza con quelle LED che non consumano niente.

    Ci sono diversi modi per abbattere i costi sulla bolletta, bisognerebbe però investire un po' di soldi prima.

    Installare cisterne per il recupero dell'acqua piovana per l'irrigazione e per lo scarico dei gabinetti.

    Pannelli fotovoltaici.

    caldaie ad alto rendimento...

    ecc eccc..

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • buck
    Lv 5
    10 anni fa

    Quando si acquista qualcosa di elettrico bisogna SEMPRE tenere in considerazione il consumo, per conoscere il costo reale di quel bene. Per esempio se compro un telefono cordless in sostituzione di uno normale consumerò energia (circa 10-15 € all'anno); in pochi anni avrò speso più in energia che nel costo dell'apparecchio.

    Altro esempio: quando si compra un televisore spesso non si guarda il consumo. Un tv da 32 pollici (non LED) può consumare da 100 a 130W (che scende a 70W per un tv LED). Scegliere quello che ne consuma 130 (magari perchè costa 50€ in meno e non abbiamo neanche guardato quanto consuma) comporta una maggiore spesa annua di 7,50€ (ovvero 113€ in tutta la vita dell'apparecchio).

    Un altro esempio è la cassetta del wc: ccon quella a doppio pulsante si risparmiano 40€ all'anno.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Staccare la spina, o spegnere la ciabatta del pc. In media si consumano 7€/anno per il continuo uso di energia della scheda madre, anche quando il computer è totalmente spento.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.