tom.boonen ha chiesto in AmbienteAmbiente - Altro · 1 decennio fa

i terreni calcarei marnosi sono permeabili o impermeabili ?

i terreni calcarei marnosi sono permeabili o impermeabili ? come si misura la permeabilità e quanto è il valore della loro permeabilità ?

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La permeabilità è dipesa soprattutto da quanta argilla e/o limo è presente in un terreno. La permeabilità riguarda la struttura di un terreno.

    Il fatto che ci sia il calcare e la marna due tipi di roccia nel terreno, riguarda la composizione chimica di un terreno.

    Limo, argilla, sabbia e scheletro, sono tutte distinzioni sulla granulometria di una roccia.

    Per esempio se una roccia calcarea supera i due mm di diametro è scheletro o ghiaia se la stessa pietra calcarea è di 0,03 mm di diametro è limo. Lo stesso dicasi se la pietra al posto di essere calcarea, è marnosa o basaltica o quarzifera...

    Non è tanto la composizione chimica che da la permeabilità... ma quella fisica o strutturale di un terreno.

  • 1 decennio fa

    Calcareo-marnoso è un termine strettamente riferito a formazioni rocciose, sicuro che non ti riferisci ad un "terreno caratterizzato dall'affioramento di rocce calcereo-marnose"?

    Se la risposta è si, e quindi ti stai riferendo non al suolo agrario di un campo, bensì ad una determinata zona di territorio, la risposta è, Sì, le litologie calcareo-marnose sono spesso discretamente permeabili, cioè consentono la trasmissione e il passaggio di quantitativi d'acqua, grazie ad una porosità per fratturazione e talora per carsismo o pseudocarsismo.

    Le rocce e i terreni si dicono permeabili se sono pervasi da pori e fratture di ampiezza e densità tali da consentire il passaggio di acqua al loro interno.

    I calcari e i calcari marnosi sono rocce compatte e non hanno pori, ma qui da noi, quando presenti sono invariabilmente fratturati e spesso interessati da fenomeni carsici o pseudocarsici, quindi in essi vi si trovano spesso acquiferi molto produttivi.

    Viceversa i calanchi argillosi sono molto poco permeabili, perché hanno pori microscopici e non sufficientemente larghi per consentire il passaggio si acqua, nello stesso tempo non hanno fratture e cavità.

    La permeabilità è una proprietà che un mezzo poroso (roccia, terreno, suolo o altro) possiede, e consiste nella capacità di poter trasferire acqua attraverso i suoi interstizi sotto l'effetto della gravità o di altro gradiente

    Più facilmente l'acqua vi transita, più è permeabile il mezzo.

    Si misura in "darcy" dal nome dell'ingegnere idraulico che per primo sperimentò il moto dell'acqua attraverso un mezzo poroso esprimendo una portata per unità di tempo e per unità di superficie, riferita ad un gradiente idraulico unitario. Quindi dal punto di vista dimensionale è una lunghezza fratta sul tempo.

    Più semplicemente ci si riferisce alla permeabilità in metri/secondo, che rappresenta la velocità con cui si muove l'acqua all'interno del mezzo sotto l'effetto di un gradiente idraulico pari all'unità.

    Per esempio, in ghiaia pulita la permeabilità è pari a 0,01 cm/sec. In argille compatte la permeabilità è circa 0,000000001 cm/sec, cioè dieci alla meno nove.

    Ho dovuto essere un po' tecnico per forza, ma spero di averti tolto qualche dubbio, ciao

    Fonte/i: geologo
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.