Beta01 ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

Senza la Seconda Guerra Mondiale la Germania si sarebbe mai ripresa economicamente dopo la 1 guerra mondiale?

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Anzi, si era già ripresa col nazismo, che al di là dei suoi atti inumani seppe economicamente, come del resto al fascismo, inaugurare politiche economiche innovative. Fino al 1918 ed al 1925/30 in molti paesi, era uso credere al "privato", al "mercato"(moda ke ritornata dopo il 1992 ha portato agli attuali problemi) secondo le visioni un pò pakkiane di due emeriti inglesi del tardo 600, Ricardo e Smith e sulla scorta della pregressa esperienza di 5 secoli di borghesia imprenditoriale. Si pensava, sbagliando, ke solo le leggi di mercato siano le regole da adottare: anzi, esse sn delle non-regole ("deregulation", si dice oggi) ke evitano di interferire con dei processi che si vuole credere "naturali". La pesante crisi postbellica ma anche già la organizzazione bellica delle economie (1917 e succ.) dimostrarono invece come il liberismo economico "puro" nn risponda in pieno ad esigenze di benessere diffuso, creando anzi la famosa "forbice" marxista, rikki sempre + rikki e poveri sempre + poveri. Ed in momenti di crisi maggiore, nn sia in grado di dare alcuna risposta. Ecco che sia nel dopoguerra in Europa ke dopo il crack del'29 in america lo Stato scese nel mercato e negli investimenti. Solo che negli USA e nel mondo anglosassone si trattò di interventi mirati e temporanei, in Germania invece lo Stato organizzò l'economia da zero, regolamentò il mercato, introdusse (come già fatto da decenni, dal 1890) leggi a favore dei lavoratori con un apparato di garanzie sociali inusitato all'epoca, nel quale come detto già la Germania aveva primeggiato prima del conflitto. Gli orari furono stabiliti per legge, così come le ferie, i riposi, le pensioni. Certo era un sistema sempre "aziendalista" (così come sotto il fascio con la discussa carta del lavoro), ma segnava l'inizio di una nuova visione dello Stato che è durata dopo la 39/45 fino a oltre il 1990. Organizzando dall'alto l'economia ed indirizzandola anche al di fuori di quelli che erano le apparenti leggi di mercato, instaurando un deciso protezionismo, il nazismo diede quelle risposte che la debole e liberista repubblica di Weimar nn seppe dare alle classi lavoratrici soprattutto medie e medio-basse. Si consideri che il nazismo a differenza del fascismo (per i diversi meccanismi elettorali e per le diverse vicende nazionali) fu veramente scelto dal Popolo, mentre il Duce fu chiamato dal Re.

    La Germania, dopo la 39/45, era ridotta ad un mare di macerie, piena di profughi della Prussia, di reduci: messa assai peggio dell'Italia. Nel 1919 la sua industria era intatta, salvo quanto fu affidato ai "vincitori" ed ai loro pupilli nel 1920; ciò fu anche una fortuna, in quanto molte apparekkiature cedute come preda furono quindi rimpiazzate da nuove. Nel 1947/55 la ricostruzione fu invece radicale: ed è qui che stupisce come un Paese raso al suolo sia ridiventato dopo 10 anni nuovamente un faro dell'ecnomia occidentale. La Germania ha perso due guerre ma ha sempre trionfato economicamente.

  • 1 decennio fa

    La ripresa economica della Germania era iniziata ben prima della seconda guerra mondiale: si era di fatto avviata già intorno al 1925-29, ma fu bruscamente interrotta dalla crisi mondiale dl '29. Fu poi uno dei primi paesi a riprendersi a partire dal '33 in poi, ed allo scoppio della guerra era tra le potenze maggiori.

    Senza la seconda guerra mondiale, probabilmente, avrebbe dominato economicamente l'Europa ben prima degli anni -80...

    Fonte/i: Dottore di Ricerca in Storia
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sì,la sua industria è imbattibile tuttora

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.