? ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

sistema politico italiano?

salve a tutti,ho 13 anni e mi chiamo Delia ed è la mia prima domanda (:

Volevo chiedere,potete spiegarmi,anche con poche parole, come funziona il sistema politico italiano?Ad esempio..cosa è il parlamento?quando i citadini votano chi devono votare?Che succede dopo il loro voto?sono molto ignorante sulla politica e vorrei capirne qualcosa!

Grazie in anticipo!

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il sistema politico italiano, come quello di tutte le democrazie occidentali, suddivide il potere in tre tronconi:

    -legislativo, il potere di emettere le leggi, esercitato dal Parlamento

    -esecutivo, potere di applicare le leggi, esercitato dal Governo

    -giudiziario, potere di giudicare e sanzionare in base alle leggi, esercitato dalla Magistratura

    Questi poteri sono distinti e indipendenti l'uno dall'altro, o almeno dovrebbero esserlo. Chiaramente se una persona avesse due o tre di questi poteri, potrebbe decidere di fare una legge che lo avvantaggi, oppure decidere di giudicare se stesso innocente nel caso non l'abbia rispettata.

    In generale, la democrazia è studiata in modo da impedire che questo avvenga, tramite la Costituzione, che sono un insieme di leggi base che possono essere modificate solo con procedure lunghe e complesse, e tramite il Presidente della Repubblica, che fa da garante dell'unità nazionale e del rispetto della Costituzione stessa.

    Per quanto riguarda le elezioni, il popolo è chiamato ad eleggere il Parlamento (e non il Governo come molti credono). Si presentano i vari partiti, che possono essere il PDL, la Lega, il Partito Democratico e così via; questi partiti si alleano tra di loro, formando le coalizioni, e ognuna di queste coalizioni solitamente presenta il proprio candidato premier.

    Quindi, da una parte si presentano Lega e PDL con Berlusconi candidato premier, dall'altra parte magari si presenta il PD da solo con Bersani candidato, dall'altra ancora si presentano altri partiti.

    La gente vota per questi partiti, e in base ai risultati ottenuti si compone il Parlamento. Sarà poi il Parlamento ad eleggere il Governo, e non il popolo direttamente.

    Può sembrare la stessa cosa ma la differenza è profonda: è SOLO il Parlamento ad essere legittimato dal popolo, non il Governo. Se perciò per qualche motivo il Governo dovesse cadere (ad esempio per dimissioni del premier, o perchè il Parlamento volta le spalle a quest'ultimo), non è richiesto di tornare a votare, in quanto il Parlamento è ancora valido. Saranno quindi i parlamentari a nominare un nuovo Governo.

    Queste sono più o meno le cose base... sono abbastanza complesse, ma se inizi a seguire un pò i giornali o a leggere gli articoli su internet, vedrai che inizierai a capirci di più abbastanza velocemente.

  • 1 decennio fa

    Molto semplicemente, anche perchè se no ti annoio, funziona così (mi limito a spiegarti come funziona a livello statale, poi regioni, province e comuni hanno ognuno il loro sistema):

    il popolo vota alle elezioni per eleggere i membri del parlamento (il quale si suddvide in due camere: camera dei deputati e senato), che è l'organo statale con il potere legislativo, cioè di fare le leggi. i partiti politici si presentano alle elezioni ed a seconda dei voti che ogni partito prende vengono assegnati i posti in parlamento. dopo le elezioni il presidente della repubblica deve dare l'incarico a qualcuno di fare il presidente del consiglio e di formare un governo (l'organo statale con il potere esecutivo) nominando i ministri. questo governo deve però ottenere la fiducia del parlamento quindi il presidente della repubblica affida questo compito al tizio che vogliono i partiti che hanno vinto le elezioni e che quindi hanno la maggioranza dei posti in parlamento.

    Piccolo esempio per farti capire:

    ipotizziamo che alle elezioni ci sono solo due partiti: pdl e pd.

    il pdl viene votato dal 60% degli elettori e il pd dal 40%.

    quindi il pdl avrà più gente del suo partito al parlamento (non proprio il 60% perchè il calcolo per assegnare i posti è un po' complicato, comunque sicuramente più del pd).

    ora il presidente della repubblica sa che il pdl vuole che il signor berlusconi faccia il presidente del consiglio quindi sa che se affidasse il compito a qualcun'altro il parlamento (composto in maggioranza da membri del pdl) non darebbe la fiducia, quindi dà l'incarico a berlusconi che forma il governo, ottiene la fiducia e governa il paese per 5 anni.

    Molto molto molto semplicemente funziona così.

    x vanessa: il parlamento non elegge il governo ma gli dà la fiducia. è il presidente della repubblica che dà l'incarico a qualcuno di fare il presidente del consiglio e di formare il governo nominando i ministri.

  • 1 decennio fa

    la nostra è una repubblica parlamentare e quindiil parlamento è il nostro organo suppremo.

    quando votiamo appunto votiamo per i nostri rappresentanti in parlamento.

    quei 1000 circa bifolchi che vedi ogni tanto in televisione, divisi tra deputati e senatori che si insultano peggio di 4 rozzi manovali sono purtroppo quelli che noi mandiamo direttamente a governarci.

    tu dirai? ma perchè mandiamo questi trogloditi? perchè vedi, il parlamento è composto al 10% dal meglio del paese, al 10% dal peggio del paese e il resto è come il paese.

    purtroppo questi 1000 ignoranti ce li dobbiamo pure mantenere e mica a 800 euro al mese come un semplice precario.. no, questi si ciucciano roba da 10-15 mila euro al mese circa + benefit ecchecavolo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    fatevi due risate...

    ecco la serieta' di berlusconi.....

    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/il-cavalie...

    e poi si ritorna all'attacco!

    http://tv.repubblica.it/copertina/silvio-show-con-...

    e i babbei figli di papa' lo stanno pure a sentire.....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.