Cosa ne pensa la Chiesa...?

Ciao a tutti. Volevo chiedere a qualcuno più esperto di me, cosa ne pensi la chiesa riguardo a torture e pene inflitte a coloro che uccidono persone innocenti. Qual è la sua visione? Cosa ne pensa la chiesa della pena di morte? E cosa vi è scritto nella Bibbia, Antico e Nuovo Testamento a proposito di ciò?

Aggiornamento:

Forse non ci siamo capiti... Non voglio sapere nulla delle torture o di ciò che ha fatto la Chiesa in passato, voglio sapere quali sono le loro idee attuali e inoltre voglio sapere la visione della pena di morte e della tortura nell'antico testamento.

6 risposte

Classificazione
  • Natan
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La legge dell’Antico Testamento comandava la pena di morte per vari atti: l’omicidio (Esodo 21:12), il rapimento (Esodo 21:16), la bestialità (Esodo 22:19), l’adulterio (Levitico 20:10), l’omosessualità (Levitico 20:13), essere un falso profeta (Deuteronomio 13:5), la prostituzione, lo stupro (Deuteronomio 22:4) e parecchi altri crimini. Tuttavia, quando si sarebbe dovuta applicare la pena di morte, Dio mostrò spesso misericordia. Davide commise adulterio e omicidio, eppure Dio non pretese che gli fosse tolta la vita (2 Samuele 11:1-5; 14-17; 2 Samuele 12:13). In definitiva, ogni singolo peccato che commettiamo dovrebbe avere come conseguenza la pena di morte (Romani 6:23). Grazie a Dio, però, Egli mostra il Suo amore per noi nel non condannarci (Romani 5:8).

    Quando Gesù scese sulla terra per portare a compimento la legge, disse: "Amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a quelli che vi odiano, e pregate per coloro che con disprezzo vi usano, e vi perseguitano, così che possiate essere figli del Padre vostro che è nei cieli, perché egli fa sorgere il suo sole sui malvagi e sui buoni, e manda pioggia sui giusti e sugli ingiusti" (Matteo 5:44-45).

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Nella Bibbia c`é scritto : "Non uccidere" e basta.

    La chiesa non puó avere delle opinioni al riguardo, perché nella sua storia ha usato tutti i mezzi di tortura e omicidio per favorire la propria causa... Adesso sta zitta, sperando che nessuno se ne ricordi.

  • 1 decennio fa

    Uccidere è un REATO. Lascia perdere la bibbia, è contraddittoria.

    Nella bibbia per esempio c'e scritto che (Esodo 21:20,21) se un padrone picchia il suo schiavo e lo ferisce, esso sopravvive per almeno due giorni e poi muore, il pardone non sarà punito perchè lo schiavo era di sua proprietà (Tralasciando l'argomento schiavitù).

  • 1 decennio fa

    Mi pare di ricordare che le torture più attroci le ha eseguite la chiesa in passato, quindi vedi un po te.

    X me non deve avere nemmeno voce in capitolo su tale argomento e deve essere estirpata dal mondo solo x quello che ha fatto.

    Fatti un giretto qui http://www.calogeromartorana.it/torture_chiesa.htm

    e qui http://www.dariofo.it/node/400

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    La Chiesa Cattolica non si può permettere di pensare niente in proposito: ha milioni di morti sulla coscienza:

    Con l'editto di Tessalonica, il Cristianesimo fù proclamato Religione ufficiale dell'Impero. Da quel momento iniziò la distruzione dei Templi pagani e la persecuzione contro i seguaci dell'antico culto imperiale. Molti pagani, che rifiutavano di convertirsi alla nuova Religione, venivano torturati ed uccisi, inoltre furono proibiti tutti i rituali non cristiani e le discussioni pubbliche di argomento religioso. Sistematica fu anche la distruzione della cultura ellenistica che era stata uno dei momenti più eccelsi della cultura e della filosofia umana.

    In questo periodo, la Chiesa si serviva di orde di Barbari cristianizzati, sopratutto Goti, per eliminare ogni resistenza pagana, con distruzioni e saccheggi di città intere e stragi di seguaci dell'antica religione.

    In questo clima, nel 415 d.c., ad Alessandria, vi fu il famoso episodio in cui la filosofa Ipazia fu martirizzata ed uccisa dai fanatici cristiani ed il suo corpo fatto a pezzi. I brandelli del suo corpo vennero portati in giro per la città e bruciati insieme a tutti i suoi libri.

    L'umanità civile e progredita delle civiltà greca, ellenistica e romana era stata ormai definitivamente sostituita da una civiltà intollerante, violenta e basata su dottrine e superstizioni infantili ed elementari: la civiltà cristiana. Ma il peggio doveva ancora arrivare.

    Da allora iniziò una terribile storia fatta di stragi, violenze, torture e crudeltà inenarrabili e sarebbe veramente difficile riportarle tutte in questa breve nota.

    Riportiamo solo qualche esempio:

    Nel 782, 4.550 Sassoni vengono "cristianamente" decapitati su ordine di Carlo Magno per aver rifiutato il battesimo cattolico.

    Nel 1096, 800 ebrei vengono massacrati dai cattolici a Worms, in Germania ed altri 700 ebrei vengono massacrati a Magonza.

    Nel 1191, 2.700 progionieri di guerra musulmani sono cristianamente decapitati dai Cristiani in Palestina.

    Nel 1208, 20.000 "eretici" catari vengono massacrati dai Crociati a Beziers in Francia.

    Nel 1219 altri 5.000 catari sono massacrati a Marmande, sempre in Francia.

    Nel 1391 4.000 ebrei sono massacrati dai cattolici a Siviglia in Spagna.

    Non possiamo poi tralasciare ciò che avvenne durante le Crociate: nella cosidetta crociata dei pezzenti vi furono violenze inenarrabili che causarono la morte di migliaia di persone: venivano arrostiti allo spiedo perfino i bambini! Quando, nel corso della prima crociata, fu presa Gerusalemme nel 1099, furono trucidate dai Cristiani 60.000 persone, senza nessuna distinzione tra musulmani, ebrei, donne e bambini. Le violenze si ripetettero per tutte le altre Crociate.

    Ma la perla della storia della Chiesa fu l'istituzione della Santa Inquisizione (ancora oggi esistente con il nome di Congregazione per la Dottrina della fede) ufficialmente avvenuta in Spagna nel 1478, ma già operante in altri paesi europei, con altri nomi, da secoli prima. Forse il suo vero atto di nascita fu la Bolla di Papa Innocenzo IV con la quale nel 1252 si autorizzava l'uso della tortura contro chi fosse in disaccordo con la Dottrina della Chiesa Cattolica.

    Si calcola in varie centinaia di migliaia il numero delle persone bruciate vive sul rogo dalla Chiesa con le accuse più varie, dall'eresia alla stregoneria.

    Prima del rogo, le confessioni venivano estorte ai condannati con le torture più varie.

    Non si possono poi trascurare gli orrendi crimini perpetrati dalla Chiesa Cattolica nella "Cristianizzazione" del Sud America con conversioni forzate, torture, uccisioni e veri e propri genocidi.

    Una menzione a parte meritano anche le stragi dei Valdesi del 1545 (2.740 morti) e del 1561 (2.000 morti), il massacro operato dai cristiani di oltre 10.000 Ugonotti in Francia nel 1572 e le migliaia di Ebrei bruciati vivi dai cattolici nel corso dei secoli perchè accusati di Deicidio.

    Ho citato solo degli esempi, ma vi sono una infinità di altri episodi simili, facilmente reperibili negli archivi storici.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La visione di Dio nei confronti di chi ha ucciso è di condanna.

    Nell'epoca anteriore alla venuta di Gesù la pena di morte per i peccati era concessa, come legge di Dio stesso.

    Dopo la venuta di Gesù questo è stato eliminato, e la decisione di pena di morte è in mano allo stato anche se questa autorità non è concessa da Dio.

    Cmq non conta se un assassino per esempio, viene ucciso o lasciato morire di morte naturale, perchè dopo la morte sarà giudicato a prescindere.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.