Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

wind
Lv 5
wind ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 1 decennio fa

Di seguito la storia della Legge "mancia". Quale può essere l'aspetto positivo di questa legge?

Riesumata la «legge mancia»

di Sergio Rizzo - 20/12/2009

Ricordate la «legge mancia»? «Mai più», aveva decretato il governo Prodi, che l' aveva abolita con la Finanziaria del 2008 per iniziativa dell' Idv di Antonio Di Pietro.

«Mai più», aveva convenuto anche il governo Berlusconi, a quella sconcia distribuzione a pioggia prevalentemente dettata da esigenze clientelari.

Un sistema per dare un contentino ai singoli parlamentari, ansiosi di foraggiare un po' i loro collegi: questa era la «legge mancia». Che pure qualcuno apertamente non si vergognava di difendere.

L' attuale vicepresidente della Camara Maurizio Lupi, già responsabile dei Lavori pubblici di Forza Italia, non esitò a definirla «un' esigenza precisa del territorio, quella di avere risorse a disposizione per interventi puntuali».

Nata nel 2004 con la scusa di finanziare le piccole opere pubbliche degli enti locali, rivelò ben presto una natura ben diversa. Dalle società sportive alle associazioni culturali alle parrocchie, alle missioni sull' Himalaya: i soldi della «legge mancia» sono andati a finanziare praticamente ogni cosa. Senza che nessuno, in parlamento, sia mai arrossito. Fino, appunto, a quel fatidico 2008.

Adesso, a sorpresa, la «legge mancia» risorge dalle ceneri, ma assumendo un' altra forma.

Giovedì 17 i parlamentari della Commissione Bilancio della Camera, tutti compatti tranne i soliti dipietristi, hanno presentato una risoluzione che «impegna il governo» a distribuire per decreto 103 milioni a 588 iniziative microscopiche, dalle Alpi alla Sicilia. Si vota martedì.

Poi toccherà al ministro dell' Economia Giulio Tremonti predisporre il relativo decreto.

Ma dove si prendono i soldi?

Da un fondo di 165 milioni «per la tutela dell' ambiente» nascosto nelle pieghe del bilancio dello Stato dall' estate 2008. Circostanza che ha reso necessario vestire un po' di verde (ma nemmeno sempre) i quasi 600 oboli.

Si va dalla pista ciclabile all' interno dello stadio Carlei di Catanzaro (50.000 euro) alle barriere fonoassorbenti di Como (133.000), a un finanziamento di 200 mila euro all' Associazione artigiani di Vicenza per la «creazione di una rete per centri di eccellenza per lo sviluppo economico». Fino a un progetto per la salvaguardia della via Appia (50.000 euro), al restauro della congrega Ave grazia plena di Afragola (120.000), all' acquisto di un impianto di videosorveglianza per il comune di Agnosine (21.500), alla sistemazione del cimitero monumentale di Albaredo (33.000), alla ristrutturazione della sede dell' ufficio del turismo di Altopascio (50.000), all' impianto fotovoltaico della scuola media di Arcole (163.000).

Per non parlare del finanziamento del festival internazionale di design di Cantù (160.000 euro), della rete fognaria di Cassano Magnago (55.000), della «struttura tensostatica per manifestazioni pubbliche» di Castelletto Merli (60.000), dell' ampliamento della Casa della serenità di Cene (40.000), del restauro della Pala lignea del Perugino e annessa «asfaltatura di strade comunali» a Fano (66.500), della nuova sede della Croce rossa di Gavirate (150.000), del «recupero ambientale» degli immobili della curia arcivescovile di Manfredonia (180.000), del «recupero ambientale» del lungomare di Mazara del Vallo (160.000). Ma qualche soldarello ci sarà pure per promuovere i «prodotti tipici agroalimentari» di Milzano (70.000 euro), per la sistemazione di Largo Mazzini a Monza (133.000), per fare una rotonda a Pieve Emanuele (220.000), realizzare una rete informatica nella zona industriale di Piove di Sacco (80.000), creare un' area espositiva per l' olio extravergine di oliva di Ragalna, nel catanese (400.000), sostenere i farmer' s market di Roma (210.000), mettere in sicurezza la piscina comunale di Solopaca (120.000), finanziarie una scuola calcio di Torino (50.000). E poi, perché no, dare una sistemata all' area colpita dal disastro ferroviario di Viareggio (un milione 700 mila euro) e mettere in piedi un centro per il risveglio pediatrico dal coma a Napoli (un milione 357.000). Si potevano, infine, negare 150 mila euro alla società Veneto innovazione per «elaborazione di best practice destinate alla creazione di reti istituzionali e di imprese per uno sviluppo economico nell' area del Veneto centrale»?.

Aggiornamento:

Un altro esempio:

Alla scuola privata di proprietà della famiglia Bossi, dal 1998, quest'anno 800.000 euro (300 mila per il 2009 e 500 mila per il 2010) elargito "per ampliamento e ristrutturazione" della scuola Bosina s. r. l. di Varese.

.

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Viene da chiedersi come mai manca qualche

    FATTIVA iniziativa per le sepolture di cavalli

    da corsa ( purosangue, nèh ! ) o cani di razza

    e qualche provvedimento, straordinario eppur

    improcrastinabile, per il corredo intimo invernale

    delle pur indispensabili perpetue....

    Vuoi vedere che questi voraci, insaziabili

    succhiasangue, non amano gli animali o,

    peggio, non hanno più rispetto per i loro

    miseri, poveri e derelitti pievani...??!!

    Vergogna !

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.