Per mandare a catafascio la scuola bisogna essere un po' subdoli e molto creativi?

Un nuovo contributo del ministro Brunetta al buon andazzo generale:

all'inizio dell'anno scolastico sono arrivate circolari che spiegavano come,in virtù del blocco degli stipendi,nessun docente potesse guadagnare un centesimo in più rispetto l'anno passato.Ora,bisogna sapere che recupero,aggiornamenti,progetti,attività extra sono pagate in base alle ore aggiuntive che un insegnante mette a disposizione dell'Istituto.Non tutti gli anni le esigenze di un Istituto sono uguali e non sempre uno si sente di dare la propria disponibilità in ugual modo:l'anno scorso dovevo diplomarmi e quindi ho partecipato a meno attività aggiuntive del mio solito.Quest'anno che avrei avuto tempo e voglia di fare ancora di più avrei potuto farlo solo gratis,e come me migliaia d'insegnanti.Ora,il compenso aggiuntivo è ridicolo,17 euro lordi,della serie che si prende di più a stirare in casa d'altri,ma se non altro se ti pagano è lavoro,non beneficenza.

Aggiornamento:

quindi,quando i collegi docenti hanno dovuto deliberare le attività aggiuntive,molte attività sono rimaste fuori,a discapito della qualità di tutte le scuole di ogni ordine e grado.Quando il Governo è stato certo che quasi tutti i collegi avessero deliberato è uscita una circolare che specificava che il blocco riguardava solo la parte fissa dello stipendio.Arrivederci all'anno prossimo,lo stato ha risparmiato un po' di soldi alla faccia dei ragazzi.

4 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Cara mia, poiché al ministro Brunetta e alla sua degna comara di ignoranza e presunzione, la Gelmini, della scuola pubblica interessa ben poco (per loro hanno diritto a una buona istruzione solo i figli di chi si può permettere di spendere soldi in scuole private d'eccellenza, magari estere) cosa ti aspettavi?

    Gli è mai venuto in mente a costoro di istituire un sistema di sostegno economico a ragazzi meritevoli, ma di famiglia a reddito modesto?

    Gli è mai venuto in mente a costoro che gli incentivi economici alle scuole private in realtà favoriscono solo chi già può permetersi di pagare rette onorese?

    Gli è mai venuto in mente a costoro di valutare (e i metodi ci sono) l'efficacia e l'efficienza degli insegnanti della scuola e unversità pubblica in modo da premiare chi si impegna ed eliminare quelli che nell'insegnamento pubblico vedono solo un sistema di garantirsi un reddito?

    Gli è mai venuto in mente a questi che l'istruzione è vista da tutti i paesi moderni e soprattutto di quelli delle economie emergenti come il più grande investimento di massa da cui si attendono ricadute essenziali al loro affermarsi come potenze economiche mondiali?

    Diciamo la verità, tutta l'azione di questo governo è mirata unicamente a proteggere gli interessi di ceti parassitari e corporativi (dove sono le liberalizzazione delle professioni che dovrebbero essere tratto caratteristico di un società liberale?), tanto che persino Confindustria ora ne ha le scatole piene.

    Insomma, io sono comunista, ma mi accontenterei di un'Italia liberale.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Fai bene a segnalarlo, ma cosa potevi aspettarti da un venditore di gondole in plastica che ambisce al Nobel di economia e da un'azzeccagarbugli semileghista?

    Fonte/i: Cheldamura disilluso
  • Anonimo
    10 anni fa

    La scuola va a scatafascio perché è controllata dalla sinistra. è uno dei luoghi in cui si annida di più provocando una futura generazione di odiatori della democrazia e della libertà quali io rappresento e perdite di denaro di proporzioni immani, che l'ottimo ministro gelmini, con la collaborazione del superbo tremonti, stanno cercando di contenere.

  • 10 anni fa

    la scuola non serve a niente e nessuno , ho finito il diploma con il massimo dei voti e per far soldi faccio tutt'altro (non mi lamento di che faccio..) ma se lo sapevo prima mi sarei ritirato a 16 anni

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.