? ha chiesto in Relazioni e famigliaAmici · 9 anni fa

Mi piace il mio vicino di banco..ma sono una tonta!?

Premetto che ho 13 anni e che, oltre ad essere una tonta, sono anche molto timida, non solo con gli adulti, ma anche con i miei coetanei..

Però in particolar modo con il mio vicino di banco, M (io e la mia migliore amica, che è l'unica a sapere di questa cotta lo chiamiamo così).

Ogni volta che mi parla o mi chiede qualcosa (cosa moolto rara) io gli rispondo a monosillabi, e poi, contro il mio volere mi giro e ''lo ignoro''. Il punto è che non lo faccio apposta, è che non so mai cosa dire e cosa fare..Anche quando mi prende per il c.ulo io rido e basta, non riesco a dirgli ''hai rotto'' oppure ''sta zitto'' o ''fatti i ca*zi tuoi''. No, rido come una cretina -.-''

Anche quando fa lo stupido (perchè in classe fa lo stupido) non riesco a scherzarci..ma neanche a parlarci o a chiedergli qualcosa..

Tipo oggi mi aveva preso la matita senza chiedermela e, dopo averla cercata disperatamente (mi serviva) l'ho visto che ci giocava sul banco..il problema è che non sono neanche riuscita a dirgli di ridarmela perchè mi vergognavo! -.-''

Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhh che rabbia è.é ma perchè sono così?????

Delle volte vorrei tanto essere qualcun'altro, o meglio ancora la mia migliore amica..lei ride e scherza con tutti, e non si fa scrupoli se deve chiedere o fare qualcosaaa..

Non so davvero cosa fare o cosa dire, non ci riesco proprio ad essere più aperta!

Non ditemi di dirglielo perchè davvero è l'ultima cosa che intendo fare!

aiutooo T,T

Aggiornamento:

Il punto è che io non voglio una storia..io vorrei semplicemente poterci parlare senza problemi..

2 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    Ecco, parlo per esperienza.. Con il tuo vicino di banco per adesso non puo' esserci storia da quello che dici.. Ma sai una cosa.. L'unica cosa nella vita che e' pienamente sotto il tuo controllo e il tuo carattere. Io l'ho fatto: un giorno mi sono seduta al tavolo, ho preso un foglio, una matita, e ho inventato me stessa. Ho scritto su quel foglio come vorrei essere. E dopo quel giorno ho cercato di comportarmi di conseguenza. A piccoli passi, ma ci sono riuscita. E quando mi rendevo conto di dover fare qualcosa che proprio non mi sentivo di fare, immaginavo di essere un'altra persona, una che ce la puo' fare. O, nei casi estremi mi dicevo: (e mi dico ancora adesso) Respira.. Questo momento va superato e punto. Uno, due, tre. - E facevo o dicevo quelo che dovevo)..

    Il mio metodo e' strano, ma ti auguro tanta fortuna!!)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    non ti devi preoccupare.. anke a me è successo.. però io gli parlavo molto xkè eravamo molto amici.. e dopo siamo anche diventati fidanzati.. però ci siamo lasciati.. prova a parlarci e poi vedi che come me.. ti affezionerai molto a lui.. e lui a te e potrete diventare anke fidanzati!

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.