Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

La Commissione europea boccia la candidatura dell'Albania all'UE?

Se lunedì il Consiglio europeo ha dato il via libero definitivo all’abolizione del regime di visti di breve periodo per l'Albania, ieri è stata la volta della Commissione europea che ha espresso il suo parere negativo sulla richiesta presentata da Tirana il 28 aprile del 2009 per lo status di paese candidato all'Ue. Stesso mittente, stesso destinatario.

Il parere tiene conto dei passi fatti dall'Albania verso l'UE in base ai criteri di Copenaghen, che sono quello politico, economico e dell’acquis communitario. Dal punto di vista politico si chiede la presenza di istituzioni stabili che garantiscano la democrazia e lo stato del diritto e tutelano i diritti fondamentali dell'uomo e delle minoranze etniche. Il criterio economico riguarda l’esistenza di un'economia di mercato affidabile e la capacità di far fronte alle forze del mercato e alla pressione concorrenziale all'interno dell'Unione. Invece quello dell'acquis communitario, che consiste nell'accettare gli obblighi derivanti dall'adesione e, segnatamente, gli obiettivi dell'unione politica, economica.

Durante la conferenza stampa ufficiale di ieri, il commissario Fule, riferendosi al parere della Commissione ha detto che "i negoziati per l'adesione all'Unione europea devono essere aperti una volta che il paese ha raggiunto il necessario grado di conformità con i criteri di adesione, e in particolare i criteri politici di Copenaghen, che richiedono la stabilità delle istituzioni e quali garantiscono in particolare la democrazia e lo Stato di diritto. Raccomandiamo l'Albania di compiere ulteriori sforzi per sfruttare i progressi fatti fino ad oggi". Una dichiarazione simile alla premessa dello stesso Commissario nel cosiddetto “key findings”, il documento sintetico dell’opinione e del report analitico della Commissione europea sulla richiesta dell’Albania a paese candidato dell’UE, in cui Fule si augura che la politica albanese “trovi la determinazione necessaria di superare gli ostacoli e costruire una società democratica vera con un’economia di mercato solida e un corpo legislativo allineato con quello comunitario”.

Di fatto è proprio la politica albanese ad essere bocciata, non superando la prova del primo criterio di Copenhagen: quello politico che è anche il più importante. Nonostante i progressi compiuti negli anni sul miglioramento della legislazione secondo gli standard comunitari, la riforma giudiziaria e la lotta contro la corruzione, la Commissione esprime le sue perplessità: “l'efficacia e la stabilità delle istituzioni democratiche non sono soddisfate pienamente. Le istituzioni e le procedure parlamentari non funzionano come si deve. Il Parlamento non controlla effettivamente il lavoro del governo e il dialogo politico non è costruttivo ma scontroso e questo non solo a causa della crisi politica che dura delle elezioni del 2009. Di conseguenza, il suo ruolo rimane debole”.

Invece è l’economia albanese ad essere promossa. Nonostante lo sviluppo economico dell'Albania sia piuttosto fragile, l’economia dipenda in parte dalle rimesse degli emigranti e la bilancia commerciale dipenda dalle importazioni, il criterio economico ha preso la sufficienza per aver affrontato bene la crisi economica globale e la sua stabilità macro-economica. Tuttavia, la Commissione accentua la necessità di una maggiore attenzione per il crescente debito pubblico e l'alto tasso di disoccupazione.

Doccia fredda invece per l'amministrazione pubblica, parte del criterio politico. Secondo la Commissione: “l'amministrazione pubblica rimane debole e politicizzata, le nomine non sono trasparenti e i funzionari pubblici vengono sostituiti continuamente". Inoltre, la Commissione si dice preoccupata sull'efficacia e l'indipendenza del sistema giudiziario, "accusando" il governo di non rispettare le sentenze della Corte Costituzionale e di usare politicamente le nomine dei giudici di Cassazione proposte dal Presidente della Repubblica.

Uno dei problemi maggiori della società albanese è la corruzione, che per la Commissione rimane un problema molto serio, e chiede "la soluzione dei problemi che bloccano l'indagine verso ministri, deputati e giudici che godono immunità illimitate". Invece sulla criminalità organizzata si sono verificati progressi nel quadro legislativo ma si devono ancora mettere in pratica.

Un giorno la bella notizia, quello dopo la brutta. In altre parole, vi promuoviamo sulla liberalizzazione dei visti perché fondata su una valutazione piuttosto tecnica nell’adempimento dei criteri richiesti, ma vi bocciamo sulla richiesta di paese candidato perché fondata su una valutazione politica ed economica. E questo deve far riflettere tutti.

Aggiornamento:

informazione trovata su ALBANIA NEWS.IT

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Per quanto possa contare la mia opinione, e per quanto siano limitate le mie conoscienze sull'argomento, posso dire che spesso le valutazioni fatte dalle commissioni europee non mi sembrano poi così oggettive. Io un pò conosco l'Albania e posso confermare che effettivamente ci sono molti problemi riguardanti la corruzzione, però è anche vero che negli ultimi 10 anni questo Paese ha davvero fatto tantissimo, in tutti i sensi: si è modernizzato a livello politico, pensate che fino a poco fa era un Paese comunista, oggi vengono riconosciuti i diritti anche alle coppie gay (cosa che stentiamo a fare in Italia, come se il valore di una persona dipendesse dalle sue preferenze sessuali), ci sono cantieri da tutte le parti a testimonianza della grande spinta nel settore edilizio, l'Albania ha un bilancio attivo a livello economico, anche se grazie alle rimesse, stanno migliorando le scuole, soprattutto le università, le minoranze religiose convivono pacificamente, si tratta di un Paese con una popolazione giovane e piena di energie per costruire...ha un potenziale turistico enorme, anche se è poco conosciuto ancora. Insomma, l'Albania avrà anche i suoi problemi, ma se guardiamo quelli che abbiamo noi, che ci riteniamo un Paese sviluppato, insomma certe volte quà in Italia sembra di stare veramente nel terzo mondo!

    Magari sarò di parte, ma se cè la Romania nell'Ue, che ha anche problemi di corruzione, emigrazione, divisioni interne, sta soffrendo tanto della crisi economica, perchè non l'Albania?

    Ripeto che il mio parere è puramente soggettivo, però spero davvero che un giorno l'Albania entrerà nell'Unione Europea, sarebe una bella opportunità anche per noi italiani, in termini sia culturali, che economici (vista la vicinanza tra i nostri due Paesi e i contatti tra i nostri due popoli)

  • 1 decennio fa

    per assurdo l'Albania di oggi potrebbe entrare nell'euro, ma non nella UE.

    Infatti a livello economico i parametri necessari li ha tutti. Poco debito e soprattutto poco deficit, dal momento che lo stato è praticamente "inesistente" e di certo non s'indebita per i suoi cittadini.

    Viceversa essere "europei" richiede ben altro,a cominciare dal rispetto delle minoranze, cosa che nel travagliato mondo ex comunista non è ancora una cosa fatta.

  • 1 decennio fa

    - Certo, l'Albania non è ancora pronta....fra qualche anno, forse...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.