nimsock ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

aiuto dmn ho il compito e nn trovo piu il libro di arte mi potete aiutare ?

Aiuto dmn ho il compito e nn trovo piu il libro di arte mi potete aiutare ?

mi servono le descrizioni di queste opere:

il gruppo di faraoni menkaure(MICERINO) e della regina KAMERERNEBTI II

IL VASSO DEL DIPYLON

I DIOSCURI(KLEOBIS E BITON)

GRZ MILLE A TT

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    il vaso del diplyon: l' anfora è situata al museo nazionale di atene. Alta piu di un metro e mezzo e decorata da un artigiano che viene convenzionalmente chiamato PITTORE del DIPYLON,è il capolavoro assoluto dell'arte geometrica .

    Questo vaso e stato ralizzati in memoria di una donna .

    il vaso presenta una apertura nel piede che permetteva alle libagioni che vi venivano versate di raggiungere l'urna con le ceneri.

    Quest' urna ha un perfetto canone proporzionale basato sul rapporto 1:2.Il diametro nel punto piu largo corrisponde a metà dell altezza ed il collo alla metà del corpo: ne risulta una forma di nitida armonia,agile e slanciata .

    sul vaso vi è una rappresentazione del funerale della defunta; dove tutti i presenti sono disperati per questo hanno tutti le mani sopra la testa. alla destra del letto dove è sdraiata la defunta c è un bambino che è stato identificato il suo presunto figlio

    i dioscuri : Nella mitologia greca, Cleobi e Bitone, erano i figli di Cidippe, una sacerdotessa di Hera della città di Argo.Quando la loro madre si apprestava a celebrare i riti della dea, i due trainarono il carro al posto dei buoi per cinque miglia, precisamente per (45 stadi, circa 8,3 km/5,1 miglia). La madre, commossa per tanta devozione mostrata, pregò la dea di elargire ai figli il dono più grande che si potesse dare a dei comuni mortali. Per tutta risposta la dea li fece cadere entrambi in un sonno piacevole ed eterno. mito si riferisce ai sacrifici umani che in quel periodo venivano proposti ogni volta che si voleva consacrare un edificio di culto alla dea-luna. Ad Argo infatti venivano scelti due gemelli che dovevano eseguire tale viaggio prima di venire uccisi. In seguito dovevano venire sepolti vicino al tempio per allontanare ogni sorta di spirito malevolo che si potesse solo avvicinare al sacro tempioLe statue sono datate al 580 a.C. e vengono da Argo nel Peloponneso, anche se furono trovate a Delfi. Il moderno museo a Delfi mostra due Kuroi arcaici identici con il nome di Cleobis e Biton, anche se non vi è prova diretta che connette queste statue con quelle menzionate da Erodoto.

    Iscrizioni alla base delle statue le identificano come Kleobis e Bitom e identificano anche Polimede di Argo come lo scultore: qualcosa di insolito in tali età antiche. Le statue sono in quello che viene definito come lo stile tipico del Peloponneso: muscolare e massiccio. Ma non sono intese come rappresentazioni fedeli di Kleobis e Biton, anche supponendo che i fratelli furono figure storiche anziché mitiche. Le statue sono rappresentazioni ideali delle virtù della forza mascolina e della pietà.

    ps la prima domanda non la so mi disp XD spero di esserti stata d'aiuto

  • leobyt
    Lv 5
    1 decennio fa

    1) MICERINO - KHAMERER NEBTI

    Antico Regno,IV dinastia,2500 aC,scultura in basalto,altezza cm142. Boston,Museum of Fine Arts.

    Il basalto è una pietra pregiata e particolarmente resistente e proprio per tali motivi viene usata per raffigurare l'immagine del faraone.Nel mondo egizio,infatti,la produzione artistica ha quale finalità la glorificazione delle divinità e del sovrano.Tutto ciò che veniva realizzato per la reggia e per i templi richiedeva un lavoro specialistico e perfette conoscenze tecniche,pertanto gli artisti che realizzavano tali opere,pur non firmandole,godevano di numerosi privilegi.

    Il volto del faraone comunica dignità e autorevolezza,infatti è impassibile e i tratti denotano severità.La fisionomia della regina è identica a quella del faraone per sottolineare che questi è misura e modello di tutto ciò che lo circonda.L'identificazione dei personaggi è delegata agli attributi:il nemes,la barba posticcia e i bastoni tenuti a pugno chiuso per il faraone,la lunga e aderente tunica (kalasìris) e la parrucca per la moglie.

    Una delle principali finalità dell'arte egizia è la dimensione celebrativa,ciò viene confermato dall'espressione ieratica,cioè fissa e solenne,dei sovrani;lo stesso gesto della regina.che con la destra cinge la vita del faraone,mentre appoggia la mano sinistra sul braccio del consorte-è una convenzione simbolica che allude all'unione felice della coppia reale.

    La visione risulta perfettamente frontale,infatti le due figure appoggiano su un piano che serva a garantire l'equilibrio.Altri elementi che suggeriscono stabilità sono la possente struttura muscolare del faraone e la posizione stante, ossia con le gambe leggermente divaricate e un piede davanti all'altro.

    2) ANFORA DEL DIPYLON rinvenuta ad Atene nella necropoli presso la doppia porta (Dipylon) è uno dei documenti più noti.Il vaso appare come rivestito da un tessuto decorato in maniera complessa.Anche le fasce alla base e presso la sommità del collo,che raffigurano sequenze di animali ripetuti in identica posizione,non sfuggono al senso astratto della decorazione geometrica realizzata in bande orizzontali.Solo nella parte centrale del vaso,collocata nel punto di massima espansione del ventre,tra le anse,il pittore raffigura la prothesis,accompagnata dal compianto funebre.I personaggi si dispongono in piedi ai due lati del letto su cui riposa il defunto,su uno sfondo a scacchiera che rappresenta probabilmente il telo di un baldacchino,reso con prospettiva ribaltata.Le colossali dimensioni dell'anfora,oltre che rappresentare il senso del monumentale,ne documentano anche la funzione:si tratta di un segnacolo,di un segnale della sepoltura,funzione che più avanti nel tempo sarà svolta da stele o da statue.

    3)CLEOBI E BITONE Opera dello scultore Polimede di Argo,le due statue si inseriscono pienamente nel tipo del kouros,e illustrano l'ideale del corpo mascile interpretato secondo lo stile vigoroso tipico dell'ambiente argivo.Rispetto alla scuola ionica,che predilige forme allungate e aggraziate,ciò che viene privilegiato dagli scultori peloponnesiaci,e in particolare di Argo,è la particolare solidità delle figure,che si esprime nella forma quadrata del capo,collegatqa alle spalle dalla massa della capigliatura raccolta in tre grosse trecce per lato,rese da file di perle.L'architettura del corpo umano è piuttosto rigida,come congelata;sulle immobili e massicce superfici i particolari anatomici sono descritti da semplici incisioni prive di volume.

    Fonte/i: Storia dell'arte.Marco Bona Castellotti - ed Electa Scuola
  • 1 decennio fa

    1)Alcuni autori data il suo regno tra 2532 aC-2503 aC o 28 anni, ma il re Lista Torino lo ha potere da 18 anni che è il tempo dato a lui da altri autori. [3] Molte delle sue statue sono state incompiuta alla sua morte, suggerendo il regno più breve, mentre la sua piramide è il più piccolo di tutti i tre piramidi reale di Giza. La sua regina principale era Khamerernebty II.

    Menkaure era il figlio di Chefren e il nipote a Cheope. Un coltello di selce trovati nel tempio funerario di Micerino cui la madre di un re che si pensa siano stati Khamerernebty io, suggerendo che Chefren e questa regina sono stati i genitori di Micerino. Menkaure si pensa abbia avuto almeno due mogli. [3]

    Queen Khamerernebty II è la figlia della regina Khamerernebti io e la madre del figlio Khuenre re una. La posizione della tomba Khuenre suggerisce che egli era un figlio di Micerino, rendendo la madre della moglie di questo re. [4][5]

    Queen Rekhetre è noto per essere stata una figlia di Chefren e come tale il più probabile identità del marito è Micerino. [4]

    Non molti bambini sono attestate per Menkaure:

    Khuenre era il figlio della regina Khamerernebti II[3] Menkaure non era riuscito Khuenre dal principe, suo figlio maggiore, che Menkaure premorto, ma piuttosto da Shepseskaf, il figlio più giovane di questo re.[6]

    Shepseskaf è stato il successore di Micerino e probabilmente suo figlio.[3]

    Sekhemre è noto da una statua e, eventualmente, un figlio di Micerino.[3]

    La corte reale incluso diversi per metà fratelli Micerino. I suoi fratelli Nebemakhet, Duaenre, Nikaure, e Iunmin servito come visir durante il regno del loro fratello. Suo fratello Sekhemkare potrebbe essere stato più giovane ed è diventato visir dopo la morte di Micerino.

    2)Kamerernebti io era la regina dell'antico Egitto , come la moglie del faraone Kafra. Aveva il titolo di "figlia di Dio". Questo potrebbe significare che era una figlia di Cheope , e quindi sorellastra di suo marito. Era Totova sacerdotessa. S Kafr era la madre del faraone Micerino e della regina Kamerernebti II. Lei è la nonna del faraone Šepseskafa.

    Una delle mastaba a Giza è stato preparato per Kamerernebti I., ma era finito per la figlia omonimo. Queen Kamerernebti viene menzionato nella tomba del faraone Njuserre Inija.

    Estratto da "http://hr.wikipedia.org/wiki/Kamerernebti_I.%22

    3)UN VASO PER I MORTI:

    L' anfora è situata al museo nazionale di atene. Alta piu di un metro e mezzo e decorata da un artigiano che viene convenzionalmente chiamato PITTORE del DIPYLON,è il capolavoro assoluto dell'arte geometrica .

    Questo vaso e stato ralizzati in memoria di una donna .

    il vaso presenta una apertura nel piede che permetteva alle libagioni che vi venivano versate di raggiungere l'urna con le ceneri.

    Quest' urna ha un perfetto canone proporzionale basato sul rapporto 1:2.Il diametro nel punto piu largo corrisponde a metà dell altezza ed il collo alla metà del corpo: ne risulta una forma di nitida armonia,agile e slanciata .

    sul vaso vi è una rappresentazione del funerale della defunta; dove tutti i presenti sono disperati per questo hanno tutti le mani sopra la testa. alla destra del letto dove è sdraiata la defunta c è un bambino che è stato identificato il suo presunto figlio

    4)DUE STATUE IDENTICHE:

    Dato che le figure sono identiche e che lo scultore era originario di Argo ;quasi tutti gli studiosi si sono ritrovati a riconoscere le statue di due fratelli Kleobis e Biton .

    quello che interessa è vedere come lo scultore Argivo abbia interpretato il tipo tradizionale del Kouros secondo gli ideali propri del mondo dorico.

    le due sculture sono alte 197 cm e sono in marmo custodite al museo di Delfi.

    Queste due statue rappresentano come gia detto all ideale Dorico di bellezza

    virile,un concetto fondato sulle virtù dell atleta e del guerriero :Kràtos, la potenza che non conosce ostacoli, e Bìa, la forza elastica dell' età giovanile

    spero di esserti stata d'aiuto!!e buona fortuna per il compito!

    Fonte/i: LIBRI
  • 1 decennio fa

    la regina KAMERERNEBTI II:

    http://deborasanfilippo.wikispaces.com/Egizi-Arte

    il vaso del dipylon:

    http://osteriadellavongolastrafatta.forumfree.it/?...

    i Dioscuri Kleobis e Biton:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Cleobi_e_Bitone

    Beh,è quello che potevo fare.

    Impegnati per il compito

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Purtropo nn ti posso aiutare ma primadi chiedere qui nn sarebbe meglio chiamere qualche tuo compagno o fare una ricerca su internet??

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.