Lamàrck ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

Sceneggiatura imperniata sul tema della pedofilia. Prime tre scene. Che ne pensate?

“FADE IN”

SCUOLA MEDIA DI FOGLIA – Classe I-C - INT - GIORNO

Buio. Le note di una chitarra acustica intonano l’introduzione di Creep dei Radiohead. Gli alunni in coro attaccano col testo. Le tenebre si dissolvono; rivelano il volto teso e deperito di Luca. È seduto dietro un banco in ultima fila; disegna ghirigori sulle pagine di un quaderno.

Tutti gli altri alunni sono in piedi e con sguardi sognanti cantano sotto la guida della voce del professore di musica e della sua chitarra.

Le dita sapienti del professore danzano sulle corde.

Un paio di labbra si avvicinano all’orecchio sinistro di Luca; bisbigliano qualcosa.

LABBRA

Fra due ore devi tornare a casa. Fra due ore devi tornare a casa. Fra due ore devi tornare a casa...

Le labbra appartengono a Nico. È coetaneo di Luca; porta occhiali scuri.

Luca smette di scarabocchiare; sbarra gli occhi e digrigna i denti.

NICO

... Fra due ore devi tornare a casa. Fra due ore devi tornare a casa...

Luca sembra stia per saltare in aria. Dai suoi occhi lucidi scendono copiose le lacrime.

LUCA

(urlando)

Zittooo! Devi stare zittoooooo...

È silenzio totale nella classe. Tutti fissano Luca.

Il professore è visibilmente frustrato e indispettito.

PROFESSORE

Luca, davvero, sono stanco di te.

SCUOLA MEDIA DI FOGLIA – UFFICIO DEL PRESIDE - INT - GIORNO

Il preside Servillo siede dietro la sua scrivania. All’altro

lato il prof. di musica, in piedi insieme a Luca, scrolla la testa in un gesto di rassegnazione. Sono soli, nella stanza.

PROFESSORE

Sono stanco... signor preside.

Il preside, grave, fa un profondo respiro.

PRESIDE

Dunque...

Luca alza lo sguardo e si accorge che Nico, seduto a un lato della scrivania, lo osserva con aria beffarda.

PRESIDE

Adesso ci mettiamo a zittire i p-rofessori. Dove arriveremo? Così?

NICO

OH-OH! Sei nei pasticci.

Luca

Non ho zittito il professore.

PROFESSORE

E chi!? Allora!?

Luca riporta lo sguardo su Nico ma poi lo riabbassa subito.

Nico

Sicuro di volerglielo dire?

Preside

Allora? Dicci chi è e cosa ti ha fatto. Puniremo lui al tuo posto.

NICO

Sai cos’accadrà, se gli parli di me.

Luca si morde le labbra e inizia a singhiozzare per le lacrime

PROFESSORE

Vede. Fa sempre così. È ora di prendere seri provvedimenti.

Il preside apre un registro e inizia a scrivere.

PRESIDE

Tre giorni di sospensione. A

casa, da solo, avrai modo di

riflettere sul tuo comportamento.

LUCA

NO! La prego no!

PROFESSORE

E invece sì! Così la prossima volta ci penserai tre volte prima di fare lo scostumato.

Nico ride.

NICO

Che ironia, eh! Tuo padre torna oggi e starà a casa giusto per tre giorni.

Luca cade in ginocchio, e si abbandona pienamente alla tristezza.

LUCA

Non potete farmi questo.

SCUOLA ELEMENTARE DI FOGLIA – CANCELLO D’ENTRATA - EST – GIOR.

Piccoli petali bianchi svolazzano sullo sfondo del cortile br-ulicante di bambini e adulti e auto. Posato su di un ramo del ciliegio in fiore posto ai margini del cancello, un usignolo accompagna col suo canto le risa che salgono fino al cielo.

Fra i suoi compagni Luca arranca a testa china. Qualcuno lo indica, forza i propri genitori a osservarlo, scimmiotta il volto di lui quando ha urlato, e ridono di gusto, mentre Luca a passettini si avvia verso casa. Nico, è al suo fianco.

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    è veramente molto bello

    complimenti per il coraggio nell'affrontare un tema così forte...

    in bocca al lupo!

  • 1 decennio fa

    carino e interessante, bravo! complimenti!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.