Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoManutenzione e riparazione · 1 decennio fa

spessore fili per prese e interuttori?

Ciao a tutti

Vorrei sapere qual'è lo spessore dei fili sia per le prese che per gli interuttori da usare per un'impianto civile,in modo che sia a norma di legge.

E poi i fili delle prese possono essere passati da una presa all'altra,oppure devono partire da un punto di derivazione in modo che ogni presa abbia i suoi fili,così che se si usano tutte le prese contemporaneamente(di una cucina ad esempio) il carico non grava tutto su i fili del punto di derivazione,che li porta alla prima presa?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    forse c'è un poco di confusione , vediamo di ricapitolare le cose

    un buon impianto di casa a norma ,

    1) quadro elettrico generale comprendente 1 differenziale magnetotermico 16/a 0,03 milliampere

    1 magnetotermico da 16/A linea forza, 1 magnetotermico 10/A linea luce

    2) linea forza per tutta la casa 4mmq. linea luce 2,5 mmq. cavo terra non meno di 6 mmq.

    3) diramazioni per ogni punto luce da mmq. 1,5

    4) diramazioni prese forza da 2,5 mmq.

    5) per la cucina suggerisco un piccolo quadretto con interruttori magnetotermici

    per ogni singola utenza , arrivi li con linea da 4 mm. e parti con derivazioni da 2,5

    frigo-lavastoviglie-cucina - prese utensili , ogni volta che dovrai pulire

    detto elettrodomestico non rischi folgorazioni

    non utilizzare prese passanti , fai collegamenti unici alla cassetta di derivazione

    con morsetti e non a nastro isolante , se ti è possibile fai per l'impianto di terra

    il nodo equipotenziale , sarebbe a dire arrivi ad ogni cassetta con un filo >GV > da 6

    e colleghi con una barretta di rame tutti i cavi di terra direttamente senza interruzioni

    ora hai un perfetto impianto elettrico sicuro al 100x100

    dimenticavo la terra al di sotto dei 10 OHM è più sicura

    Fonte/i: ciao
  • 1 decennio fa

    per le prese la sezione è di 2,5 mm^2...(3 fili rispettivamente neutro fase e conduttore di protezione) che devono essere protette a monte con un interruttore magnetotermico differenziale da 16 A di corrente nominale e 30 mA di corrente differenziale nominale

    per gli interruttori sono sufficenti fili da 1,5 mm^2 e la linea luce va protetta sempre con interruttore magnetotermico differenziale con corrente nominale di 10 A e 30mA di corrente differenziale nominale...in questo modo il tuo impianto è a norma

  • ☉ 2,5....dipende dall' uso e carico...se in cucina meglio se usi una presa con differenziale,questo perché di solito si usa collegare diversi elettrodomestici in una unica presa (esempio frullatore,forno micr. ecc. ecc.)....possibilmente usa le schuko

    http://www.voltimum.it/catalog/prod/BTI-A5250S/pro...

    http://www.elettrico.info/shop/index.php?cPath=1_8...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.