avere un figlio....quanti dubbi!?

[domanda lunghetta e impegnativa. astenersi frettolosi, troll e superficiali, grazie.]

Allora, da dove comincio? Comincio col dire che ho 25 anni e sono cresciuta con la voglia di avere una famiglia, dentro di me ho sempre sognato un giorno di diventare madre e nemmeno troppo vecchia.

Mi sono sposata due anni fa e già prima del matrimonio ho sempre parlato al mio uomo del mio desiderio di maternità. Ho desiderato rimanere incinta con tutta me stessa, devo dire anche con una certa incoscienza, perchè non mi rendevo conto delle difficoltà oggettive che dovevamo affrontare: io studiavo (e studio ancora ma sono in dirittura d'arrivo), non vivevamo ancora insieme e non avevamo una stabilità economica tale da poterci costruire su una famiglia. Lui in questo mi ha sempre frenato e messo in guardia, convincendomi a rimandare tutto a dopo il matrimonio, a quando avremmo avuto una certa sicurezza economica ed affettiva.

Così è arrivato il matrimonio ma proprio quando avrei potuto realizzare il mio (poi finalmente nostro) desiderio sono arrivati i miei problemi di salute...nulla di grave ma nemmeno trascurabile; impossibile per me concepire nell'immediato futuro (e col pericolo di non poterlo fare mai!)...mi è letteralmente crollato il mondo addosso...ho sofferto come non credevo fosse possibile soffrire. Un dolore che ti scava dentro. E ogni volta le stupide domande della gente che ti chiede "e voi un figlio quando lo fate?". Circondata da donne prolifiche e sane che esibiscono i loro figli come trofei.

E io, mutilata dentro, una donna a metà.

Eppure, nonostante la mia fragilità mi sono ricostruita la mia serenità pezzo a pezzo, mi sono "reinventata". Mi sono buttata a capofitto sulle occasioni di lavoro che mi sono capitate continuando la specialistica, scrivendo la tesi, tanto che a marzo mi laureo.

Dopo due anni la mia salute comincia a migliorare...i medici dicono che potremmo tentare...mio marito dopo la laurea vorrebbe...MA...che fine ha fatto quel mio desiderio nutrito per anni? Non lo so se quel dolore abbia funzionato come un vaccino, ma adesso quel desiderio che ho nutrito una vita non lo sento più...sto bene. E mai avrei creduto di poterlo dire, sto benissimo. Con me stessa, con mio marito, il nostro matrimonio va alla grande.

Adesso non lo so più se lo voglio o no un figlio....ma più che altro ho così tanta paura! In fondo io chi sono? sono un essere imperfetto, potrò mai essere una buona madre? una vita dovrebbe dipendere completamente da me, e se fossi una madre snaturata?!

C'ho pensato in questi due anni, in fondo generando la vita generiamo anche tanta sofferenza. non potrò impedire a mio figlio di soffrire, non potrò impedire che non nasca sano, non potrò impedire che sia imperfetto e caduco. Non potrò cambiare il mondo in cui farlo nascere. E quante preoccupazioni, quanti dispiaceri...

ho così tanti dubbi...dubbi che prima non avevo. forse sono cresciuta, chissà. forse ho paura di rompere di nuovo quell'equilibrio che ho faticosamente ritrovato. Forse quando mi sarò laureata e avrò la mente sgombra di tensioni tutto mi si farà chiaro.

non so, se vi va datemi dei consigli o dite quello che volete.

buona serata.

Aggiornamento:

VI AVVERTO, ANCORA UN'ALTRA RISPOSTA COME QUESTE DUE E COMINCIO A SEGNALARE! QUESTA E' ANSWERS. CONTINUATE A RSIPONDERE AI GIOCHINI E ALLE CATENE, NON VENITE A TROLLEGGIARE QUI GRAZIE.

Aggiornamento 2:

OVVIAMENTE MI RIFERISCO A ONEPIECE E DONEBOLA O COME CAVOLO SI CHIAMA.

15 risposte

Classificazione
  • ary
    Lv 6
    9 anni fa
    Migliore risposta

    Prima di tutto, nessuno qui su yahoo può dirti la cosa migliore da fare, questo la sai solo tu.

    Dici di non essere degna di avere figli, ti ritieni incapace, ma sono dubbi che vengono a tutti.

    A dire il vero nessuno può essere una mamma perfetta, non potrai evitare che tuo figlio soffra o che nasca malato o che non sia perfetto, ma puoi regalare a tuo figlio il dono più grande, la ita, puoi dargli la facoltà di vivere.

    Se sarai una buona mamma dipende da te, tutti meritano figli e tutti i figli meritano dei buoni genitori, i genitori che non meritano i figli sono ben altri.

    Vuoi sapere cosa ti è successo, perchè non hai lo stesso desiderio di prima di avere un figlio ?

    Perchè prima per un motivo o un altro sapevi che non potevi che non lo avresti avuto.

    Magari hai sempre sognato una famiglia e adesso che puoi costruirtene una ti senti bloccata.

    E' quello che succede un pò a tutti quando realizzano il proprio sogno, perchè come diceva Leopardi la felicità è nell'attesa.

    Questo però secondo me non vuol dire che tu non voglia più un figlio o che non sei capace, semplicemente sei maturata e hai capito che devi prma portare a termine altre cose.

    Io ti direi smettila di pensare a quest'argomento, pensa a laurearti, trava un lavoro, ama tuo marito e il resto verrà da solo, perchè fossilizzarti, fare troppi proggetti non fa altro che bloccarti e impedirti di proseguire la tua vita.

    Spero di esserti stata di aiuto, ciao e buona fortuna

  • John
    Lv 7
    9 anni fa

    Gentile Soffio,

    se avesse fatto i tuoi ragionamenti mia madre, io non sarei qui.

    Pensa che provengo da una famiglia di dodici tra fratelli e sorelle, ho 25 nipoti e 34 pronipoti; pensa un po’ quanta gente fra un secolo, deve la vita a quella coraggiosa mamma che oggi non c’è più.

    Figli tra l’altro, partoriti e cresciuti tra la prima e seconda guerra mondiale…io sono nato nel 1942 e quindi in piena guerra.

    Coraggio quindi, che Dio ha sempre aiutato chi è aperto alla vita; ci mancherebbe altro. Pensa che mia figlia, non riuscendo ad avere figli, ne ha adottati tre, il terzo dei quali disabile. E ora, dopo ben 17 anni dal suo matrimonio, e dopo tre adozioni, è arrivata una piccolina che è la mia coccolona; e anche la coccolona dei tre fratelli più grandi.

    Quale regalo più bello per noi nonni e per quei ragazzi che possono stringere e abbracciare una sorellina piccola e vederla crescere sotto i loro occhi, che han sofferto lacrime amare per l’abbandono in tenera età.

    Forza quindi, non pensarci due volte; io pregherò a chè tutto vada bene e tienici al corrente.

    Nonno Eugenio.

    Saluto Nick e Japan che mi hanno segnalato la domanda con l'accensione della stellina.

  • Anonimo
    9 anni fa

    in questihanni hai pensato molto, forse proprio questo ti ha frenato nel diventare madre. la tua razionalità ti ha fermato nel tuo sogno più grande. certo che non puoi cambiare il mondo perchè possa essere giusto per tuo figlio, ma allora il figlio non lo fai più?non devi avere paura tu per il mondo che tuo figlio avrà davanti, ma dovrai insegnarli a vivere in questo mondo. cerca di tenerti un po di tempo per te stessa e ripensa a quando lo volevi con tutto il tuo cuore, ricerca in te quel lato di maternità che con il tempo si è nascosto...speri esserti stata d'aiuto....anche io spero un giorno di avere una famiglia con un figlio, anzi due!!

  • 9 anni fa

    ..probabilmente come dici tu adesso hai troppi pensieri e preoccupazioni forse x questo motivo ti senti cosi e hai tanti dubbi..ma l'avere un figlio è la cosa più bella che ti possa accadere.. l'unico consiglio ke ti potrei dare è quello di vivere la vita e di vivere le varie situazioni ke ti si presentano, serenamente! è la cosa migliore!..non devi pensare di cambiare il mondo x tuo figlio e nemmeno di non farlo soffrire..la vita è oltre ke gioia è anke sofferenza..ke gran parte delle volte significa accumulare lezioni di vita e crescere..perkè anche le cose brutte fanno crescere! il mondo purtroppo non è fatto di bambagia e proprio x questo dipenderà soprattutto da voi educarlo nel migliore dei modi per poi far si ke viva la sua vita con maturità.

    fare la madre non è un mestiere!..stai tranquilla! ti verrà naturale! non devi sottovalutarti!

    ciao! :o)

    Fonte/i: me
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Ciao, leggendo quanto hai scritto, ho riflettuto parecchio. Senza dubbio il dolore che hai provato nello scoprire i tuoi problemi di salute e le loro conseguenze sulla tua voglia di maternità, ti ha cambiato. La tua paura è legittima e penso che ogni donna che ha un figlio, che è in attesa di un figlio o che ha intenzione di fare un figlio, si preoccupi del suo futuro, del mondo in cui quella vita nascerà, crescerà e vivrà. Tu hai avuto modo di riflettere ed elaborare il dolore che hai provato in questi due anni, e ora penso che più che non volerlo un figlio, la tua sia solo una grande, immensa paura. Tutti noi siamo esseri imperfetti, tremendamente imperfetti, e io aggiungerei per fortuna che lo siamo, perché è anche grazie agli errori che commettiamo e al rimedio che vi troviamo se ci distinguiamo dai robot. Ti chiedi se potrai essere una buona madre, ma io sfido a trovare tra tutte le donne e tutte le mamme, una che non se lo è mai chiesto. Purtroppo nessuno ti insegna a fare il genitore, non esistono libretti di istruzioni, si impara ad essere una buona madre, te lo insegnano i figli, gli errori e le esperienze. La vita è fatta di cose belle e cose brutte, si alterna la gioia e la sofferenza, nessuno di noi può evitare di soffrire come non si può evitare di gioire. Io penso che la sofferenza ti faccia anche apprezzare di più le cose belle e i momenti felici. E' normale per una madre preoccuparsi per il figlio, lo farà sempre, ma per quante preoccupazioni possa avere, qualunque madre, ti dirà che quel figlio è stata la gioia più grande di tutta la vita. Io personalmente, nonostante la sofferenza, il male e il dolore che ci sono al mondo, penso che la vita valga la pena di viverla anche solo per le cose belle che ti può dare.

    Quello che posso consigliarti è di prenderti del tempo, pensaci e magari non programmare nulla, arriverà da solo al momento giusto. :) Se hai voglia di chiacchierare contattami pure.

    Fonte/i: opinione personale
  • 9 anni fa

    Per quello che hai scritto sembri davvero una bella persona...credo che la tua sia semplice paura e basta, se adesso non ti senti pronta non devi esserlo per forza in questo periodo...

    Credo che la tua delusione nel scoprire che forse non avresti potuto diventare madre ti ha dato la possibilità di riflettere su molte cose e magari proprio per questo adesso hai queste preoccupazioni :

    -C'ho pensato in questi due anni, in fondo generando la vita generiamo anche tanta sofferenza. non potrò impedire a mio figlio di soffrire, non potrò impedire che non nasca sano, non potrò impedire che sia imperfetto e caduco. Non potrò cambiare il mondo in cui farlo nascere.-

    Personalmente,anche se per adesso non sono pronta per un bimbo,le mie preoccupazioni sono identiche alle tue e forse non se ne andranno mai...

    Forse hai solo bisogno di un altro pò di tempo per poter riamare quel pensiero che per anni ti ha accompagnata.... :°)

  • 9 anni fa

    Carissima Soffio, credo che le tue perplessità siano più che normali. Avevi accantonato questa idea momentaneamente, ma soprattutto, nonostante tu avessi questo forte desiderio di maternità, sei riuscita a trovare nella tua vita qualcosa che ti fa stare veramente bene e ti dà soddisfazione, dal rapporto con il tuo compagno, a quello con te stessa, con il tuo lavoro e gli studi.

    Avete creato un bell'equilibrio e tutto sommato, un cambiamento (per quanto bellissimo) potrebbe dare l'idea di "incrinare" (e bada bene lo scrivo virgolettato) questo momento perfetto.

    Essere una famiglia non significa per forza essere in tre o più, voi due siete già una famiglia e quindi farete dei bimbi soltanto se li vorrete veramente, avete tutto il tempo per pensarci, come è giusto che sia. Un figlio va sempre ragionato, non ci si improvvisa genitori solo perchè tutti pensano che sia normale esserlo a una certa età.

    Un bacio!

  • 9 anni fa

    io credo che, mettendo forzatamente da parte il tuo sogno principale, hai scoperto che nella vita un figlio non è l'unica cosa che possa realizzarti come persona, hai scoperto che anche il lavoro e tuo marito possono bastarti per renderti "speciale" e ti sei ricreata un nuovo equilibrio.

    ora nessuno potrà dirti se ti ritornerà questo desiderio di maternità, ma posso dirti che i tuoi dubbi sul futuro di un'eventuale figlio sono molto comuni al giorno d'oggi, sarebbe preoccupante se non li avessi, significherebbe che sei ancora troppo piccola per pensare di prenderti una responsabilità così grande.

    ma invece in questi anni sei maturata, ti sei creata un equilibrio, non vivi più in funzione di un unico desiderio, significa che è vero, sei cresciuta ;) ora sei una donna non più una ragazzina col chiodo in testa del figlio.

    il mio consiglio è di rispettare la donna che sei adesso e di rispettare le tue scelte senza sentirti in colpa, non devi, magari un domani ti tornerà la voglia di formare una famiglia, ma se oggi senti la necessità di goderti il tuo felice presente fallo, nessuno ti corre dietro.

  • 9 anni fa

    forse sono ancora troppo giovane x dare io un consiglio a te avendo solo 17 anni. xo leggendo la tua storia mi sono rispecchiata tantissimo, in quanto anke io ora come ora nn vedo l'ora di costruirmi una famiglia tipo quella del mulino bianco :)

    e penso k sicuramente la storia della malattia ti abbia un po' cambiata, forse resa piu responsabile, xo nn penso k in un futuro tu nn sentirai il bisogno di avere dei figli, di realizzarti sia x quanto riguarda la carriera k x quanto riguarda la famiglia. sicuramente qnd avrai la mente piu libera e serena (dopo la laurea) potrai valutare seriamente la possibilità di diventare mamma... e cmq nn dovresti farti tanti problemi, 6 giovane hai tutto il tempo del mondo, ora pensa solo a concentrarti nello studio e a mantenere vivo il rapporto con tuo marito.

    x scaramanzia nn ti faccio l'imbocca al lupo x gli esami finali... ma ti auguro tanta felicità!!! ;) baci

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.