MariaL ha chiesto in Società e cultureLingue · 10 anni fa

Aiutami vi prego...TRADUZIONE ING-ITA!10 punti AL MIGLIORE subito assicurati..NO TRADUTTORI?

John Keats was born in 1795 in London. His father died when he was eight, and his mother (of tuberculosis) when he was fourteen. He was first made an apprentice to a doctor and apothecary, and then went on to study medicine at Guy’s Hospital in London, but soon abandoned a medical career for literature. In 1818 Keats published Endymion, a long allegory of his search for an ideal female love; his cult of beauty is clear from the very first line: “A thing of beauty is a joy for ever”. Problems began to arise: his first poems were badly reviewed by critics and the poet returned from a walking tour in the Lake District with the first clear signs of tuberculosis. In the same year he fell in love with Fanny Brawne, but his illness as well as his dedication to poetry made it impossible for him to marry her. These sufferings, and the haunting presence of death showed in his poetry. In the autumn of 1820 Keats went to Italy with the painter Joseph Severn in a vain attempt to recover his health – or delay his death – but he died in Rome in February 1821.He was buried in the Protestant Cemetery there.

THE GREAT ODES AND THE BALLADS.

In the course of 1819 Keats produced an astonishing series of masterpieces in which a deeper inspiration can be felt: his famous odes, To a Nightingale, On a Grecian Urn, To Autumn, On Melancholy, and Hyperion, a long unfinished poem in which mythological figures and incidents are reworked into a new personal myth typical of the Romantics. Other poems, also written in 1819, display a taste for medieval themes and forms (the ballad) : Lamia, The E ve of St Agnes and La Belle Dame Sans Merci.

THE CULT OF BEAUTY

Keats’ love of beauty and classical forms has an ethical basis. Like the ancient Greeks, he believed in the close union of beauty and truth. As he says at the close of his ode On a Grecian Urn: “Beauty is truth, truth beauty”. Beauty is sufficient as an ideal in itself. Like in Shakespeare’s sonnets, the ode presents art - and thus itself – as the only solution to mortality: Keats, in the last stanza, explicitly compares the urn’s effect on man to eternity.

Grazie a tutti in anticipo ragazzi/e..AIUTAMI VI PREGO è tanto che nn posto nulla qui su answer..10 PUNTI NO TRADUTTORI...

Aggiornamento:

Hernan mi fai solo pena,non meriti nemmeno una risposta.. xkè ti commenti da solo!

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    John Keats è nato nel 1795 a Londra. Suo padre morì quando aveva otto anni, e sua madre (di tubercolosi) quando ne aveva quattordici. E 'stato prima fatto un (non riesco a tradurtelo) e poi è andato a studiare medicina al Guy's Hospital di Londra, ma presto abbandonò la lavoro di medico per la letteratura.

    Nel 1818 ha pubblicato Keats Endymion, una allegoria della sua lunga ricerca di un amore femminile, la sua ossessione della bellezza emerge dalla prima riga: "Una cosa di bellezza è una gioia per sempre". I problemi incominciarono: le sue prime poesie sono disprezzate dalla critica e dal poeta tornato da una passeggiata nel Lake District, con i primi segni di tubercolosi. In quell'anno si è innamorato anche di Fanny Brawne, ma la sua malattia e la sua hobby per la poesia ha reso impossibile per lui sposarla. Questa tristezza, e la presenza ossessiva della morte si sono rese note nella sua poesia. Nell'autunno del 1820 Keats è andato in Italia con il pittore Joseph Severn, nel tentativo di rimettersi in forze - o ritardare la sua morte -, ma morì a Roma nel febbraio 1821. Fu sepolto a Roma in un cimitero protestante.

    Le belle odi e le ballate.

    Nel corso del 1819 Keats ha prodotto una molti serie capolavori in cui si sente un'ispirazione molto profonda: le sue famose odi, a un usignolo, a un' urna greca, all'autunno, alla malinconia, e a Hyperion, un lungo poema incompiuto in cui le figure mitologiche e gli incidenti sono rielaborati in un modo tipico dei romantici. Ha scritto nel 1819 altre poesie per interpretare i temi medievali (le ballate): Lamia, St Agnes e La Belle Dame sans merci.

    Il culto della bellezza

    L'amore di Keats è una forma di bellezza classica e ha una base etica. Come gli antichi greci, credeva in una stretta unione della bellezza e della verità. Come dice alla fine della sua Ode su un'urna greca: "La bellezza è verità, la verità è bellezza". La bellezza è sufficiente come un ideale in sé. Come nei sonetti di Shakespeare, l'ode presenta opere come l'unica soluzione alla mortalità: Keats, in ultima strofa, paragona esplicitamente effetto l'urna su uomo verso l'eternità.

    Mi raccomando 10 punti e migliore risposta

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    John Keats nacque nel 1795 a Londra. Suo padre morì quando lui aveva 8 anni, e sua madre ( di tubercolosi) quando ne aveva 14. Lui fece una apprendistato presso un dottore e, poi andò a studiare medicina al Guy's Hospital a Londra, ma presto abbandonò la carriera medica per la letteratura. nel 1818 Keats pubblicò Endymion, una lunga allegoria della sua ricerca della donna ideale; il suo culto della bellezza è chiaro sin dall'inizio: " una cosa bella è una gioia per sempre". I problemi iniziarono a arrivare: il suo primo poema fu visto male dai critici e il poeta ritorno da un pellegrinaggio dal distretto dei laghi con i primi chiari segni di tubercolosi. Nello stesso anno si innamorò di Fanny Brawne, ma la sua malattia come la sua dedizione alla poesia resero impossibile sposarla.

    Queste sofferenze, e l'ossesionante presenza della morte sono mostrate nelle sue poesie. nell'autunno del 1820 Keats andò in Italia con il pittore Joseph Severn in un vano tentativo di recuperare la sua salute- o ritardare la sua morte - ma morì a Roma nel febbraio 1821. Fu sepolto là nel cimitero protestante.

    i meravigliosi odi e le ballate

    nel corso del 1819 Keats produsse una stupefacente serie di capolavori nei quali si può sentire una profonda ispirazione: le sue famose odi Su un'urna greca, ad autunno, della malinconia, e Hyperion,un lungo infinito poema nel quale le figure mitologiche e gli incidenti sono rielaborati in un nuovo personale mito del Romanticismo. Gli altri poemi, anche scritti nel 1819, mostrano un senso per il tema medioevale e le forme ( la ballate): Lamia, Il ve E di sant'Agnese e La Belle Dame sans merci.

    Il culto della bellezza

    L'amore di Keats per la bellezza e le forme classiche ha delle basi etiche. Come gli antichi greci, lui credeva nella stretta unione tra la bellezza e la verità. Come lei diceva alla fine della sua ode On a Grecian Urn " la bellezza è verità, verità bella" La bellezza è sufficiente come un ideale in sè stessi. Come nei sonetti di Shakespeare, l'ode presenta opere - e così se stessa - come l'unica soluzione alla mortalità: Keats, nell'ultima strofa, paragona esplicitamente effetto dell'urna sull'uomo verso l'eternità.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.