Anonimo
Anonimo ha chiesto in SportAttività all'apertoPesca · 9 anni fa

posso pescare di inverno?10 pnt?

buongiorno a tutti mi ero comprato un libro di pesca e c era una parte dedicata alla shedazione di pesci e diceva che le trote si potevano pescare tutto l anno e poi diceva anche dove non si poteva e quando io cosa faccio?mi fido?spiegatemi bene

6 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    la pesca in inverno e molto + difficile di quella estiva.. molti pesci vanno in letargo e molti pescatori appendono l'attrezzatura al chiodo aspettando la bella stagione. dipende da che pesca vuoi fare... la migliore sarebbe lo spinning o la pesca con il vivo a lucci, uno dei pochi pesci che si nutre anche in inverno. per quanto riguarda le trote anche per loro il periodo è uno dei migliori.. si possono trovare soprattutto nei laghetti privati ma anche in piccoli torrenti di montagna e vanno pescati con artificiali leggeri.

    PER TEOTEOTEO: anche io pratico il carpfishing ma non ho aggiunto la pesca alla carpa tanto perchè con la stagione invernale, come tutti i ciprinidi, rallenta la sua attività e, essendo già complicato prenderla in estate, figuriamoci in inverno. la pesca alla carpa infatti richiede una lunga pasturazione sullo spot di pesca e x il periodo invernale la pasturazione deve essere iniziata a fine estate. poi va conosciuto bene il posto perchè bisogna anche capire dove si fermano le carpe. per questo consiglio vivamente di pescare a trote :)

    Fonte/i: fammi sapere se ti serve qualche info in + ciao
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Allora secondo me qualcuno si sbaglia su certe cose.... la trota vi ricordo che e' assolutamente vitata la pesca dall'inizio di novembre fino alla prima domenica di marzo, altrimenti ci sono i laghetti a privati a pagamento che puoi pescare trote solo che a mio parere e' al quanto noioso. per il resto concordo sul carpfishing ma come ti hanno già risposto e' molto difficile. Cmq io ti consiglierei il cavedano come passa tempo, io in questi giorni sono andato e mi sono davvero divertito, il cavedano e' un pesce che e' attivo tutto l'anno e non ha periodi di fermo (eccetto alcune regioni che magari lo vietano) puoi prenderlo in qualsiasi modo, a te la scelta..... spero di esserti stato d'aiuto ciao!!!!!!!

    PS Un mio amico l'anno scorso l'hanno beccato a gennaio a trote, le cause?? sospensione della licenza di pesca per 3 mesi, sequestro dell'attrezzatura e 587 di verbale tra l'altro ha dovuto aggiungere 150 euro in piu per farsi restituire l'attrezzatura. Se fossi in te aspetterei fino a marzo.... Ciao!!!!!!!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    concordo cn max...kmq io anche in questo periodo vado a carpe...xò prendi tanto freddo e in + se ti va bene in un giorno ne prendi 3 o 4...in5 ore ho preso uno storione x esempio.....xk fa tanto freddo..poi siluri solo a recupero di giorno..kmq apparte il luccio e la trota...gli altri pesci sono diff da prendere..

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Se il lago non è ghiacciato puoi pescare....! ;)

    in teoria puoi pescare dove vuoi ameno che non sia un lago in ripopolazione!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • partendo dal presupposto che l'inizio della stagione di pesca x la trota è in pieno INVERNO (febbraio)

    e che nel periodo invernale la trota è il pesce che più si adatta ad un azione di pesca mirata

    Quindi SI!!!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Il surfcasting è definito tecnicamente come la pesca dalla spiaggia in presenza di moto ondoso. Va da se che le attrezzature dovranno essere in grado di lanciare zavorre pesanti, utilizzate sia per vincere la forza del mare che per lanciare lontano le nostre esche. A questo punto occorre chiedersi: perché vado in spiaggia in inverno, col mal tempo, vento ed onda?? Il motivo è da ricercare nella biologia marina e nelle abitudini dei predatori e grufolatori. Quando l’onda si frange sulla spiaggia rivolta lo strato superficiale della sabbia, portando in superficie una moltitudine di crostacei, anellidi ed similia che attirano i piccoli pesci i quali attirano i predatori. In poche parole tutta la catena alimentare si trova li, a pochi metri dalla battigia a portata di canna del surfcaster capace di interpetrare la perturbazione. Infatti se andiamo in spiaggia nel bel mezzo di una mareggiata avremo seri problemi a stare in pesca, ed i risultati lasceranno a desiderare. Occorre andare in spiaggia quando il mare inizia a calmarsi, nel momento definito scaduta. Come tutti i fenomeni naturali non esiste una legge matematica per riconoscere la scaduta, ma si intende con questo termine il momento il cui il mare inizia a calmarsi, cala il vento che ha generato la mareggiata e il mare scarica la sua energia residua. Il punto dove si genera l’onda dovrebbe essere il più fruttuoso in quanto li si vengono a creare delle formazioni dove si accumula il materiale detritico, crostacei e anellidi, e si crea l’impianto da surf. Se avete problemi a raggiungere tale zona state a cuor tranquillo, lanciano nella schiuma potrete allamare dei bellissima saraghi, e a scaduta avanzata anche la spigola non mancherà di farvi visita. Mentre nella pesca a fondo c’è un largo uso di anellidi in condisurf c’è bisogno di esche proteiche, capaci di attirare grossi predatori, alla ricerca di un pranzo lauto. Quindi largo a fasolare, sarda, filetto di muggine, cannolicchi, seppia. Ricordate di usare ami generosi, lenze per i finali e i muli belli grossi e piombi dal peso e le dimensioni adeguate. Anche se sono dell’idea che le configurazioni sono personali e legate al momento vi riporto quella che ritengo una configurazione media, da adattare al momento.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.