Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 10 anni fa

Atei: Per quale ragione non credete in Dio?

Premetto di essere non credente (o negligente) alla sua esistenza e a tutto il contorno del clero, e ciò che vi chiedo è la motivazione per il quale tenete saldo il vostro ateismo.

(Parlo del Dio cattolico).

E' una specie di sondaggio curioso e personale, non ci sono provocazioni o fini di esibizionismo in questo.

Aggiornamento:

@Philip

Un vero ateo non si pone nemmeno il problema infatti, se ne sbatte delle dimostrazioni della non esistenza, non ci crede e basta.

In ogni caso, qualsiasi persona che si trova ipoteticamente di fronte ad un mondo già pronto, dove si trova davanti milioni di persone, sculture, libri, oggetti, edifici, strutture, associazioni, programmi televisivi, messe, tutte inerenti ad una credenza che può anche essere una giraffa viola con gli stivali di pelle che ci protegge da lassù, vorrà pur capire di cosa si tratta e vorrà pur dimostrare a tutti quanti l'illusione che stanno rincorrendo. Per questo, una persona ha bisogno di analizzare il fatto per poterlo esporre.

In ogni caso, la motivazione personale che spinge le persone a "difendersi" dal cristianesimo è perchè ripudierebbero il fatto di caderci, oppure perchè in passato, (cosa molto probabile), da bambini gli è stato inculcato un dogma che hanno poi voluto togliersi grazie a teorie che non si sono dovuti certo cercare "dopo aver de

Aggiornamento 2:

"dopo aver deciso di non crederci", essendo quelle la motivazione del distacco.

E ora mi sembra doveroso dire che purtroppo i credenti più egoisti cercano un modo per sentirsi migliori degli atei, come hai fatto tu, dimostrando pure una certa incoerenza con l'atteggiamento usato e la credenza seguita.

26 risposte

Classificazione
  • Maria
    Lv 5
    10 anni fa
    Risposta preferita

    Uno dei fattori che profondamente mi ha segnata, è stata la Chiesa. In seconda media, mi pare, iniziai a studiare il medioevo, la Chiesa e i suoi sbagli e da allora non ho creduto più nella sua istituzione. Ero, quindi, anticlericale. Poi lentamente, mi sono distaccata anche dal cattolicesimo (mi era stretto...). Per varie delusioni, varie falsità, varie occhiate, sono diventata Atea. Non crediate che non ci sia stata male, io vorrei credere in un essere superiore, ma... Non è ho bisogno, non ne sento la necessità. Non ho bisogno di qualcuno che mi protegga, di qualcuno che mi giudichi, di qualcuno che mi veda giorno e notte, non ho bisogno di credere nella favoletta, in cose che per me sono inventate. Non ne ho proprio bisogno, e non è nemmeno necessario.

    Prima di diventare Atea credevo, anzi, ero profondamente convinta che Dio fosse cattivo e mi mordevo la lingua da sola, tanto delle cose insensate ed eretiche che affermavo. Poi col "tempo" ho imparato ad essere rispettosa verso gli altri, verso me stessa e verso la mia famiglia.

    Abbandonando Dio mi sono avvicinata di più alle persone, alla Natura. Per questo sono felice di dire che sono un Atea ambientalista. Per me la Natura è perfetta com' è, non è stata creata da un qualcosa, perché... E' perfetta. Avvicinandomi di più alla Natura ho cominciato a studiare la scienza, ovviamente da libri casalinghi, non sono andata all' università. Ho cominciato a vedere le cose da un' altra prospettiva, da un' altra direttiva. All' inizio è stato brutto ammettere che un Dio non esistesse, perché volevo, desideravo davvero che esistesse, che mi desse la forza. Ma col tempo ho scoperto che non era lui ha darmi la forza, ma me stessa e le persone che amo. Certo parlare da sola mi ha aiutata a familiarizzare di più con me stessa, a capirmi, a modificarmi... Però è sempre meglio avere qualcun altro accanto, con cui puoi dialogare, che ti risponde con voce chiara.

    Mi sono resa conto che non era Dio che mi stava accanto, quando stavo male per mio padre; quando ero ansiosa per l' esame di stato; le miriade di volte che sono corsa all' ospedale per le mani, le gambe; non era Dio che mi stava accanto quando avevo ritardi; non era Dio che mi stava accanto quando ero stressata e nervosa; non era Dio che mi stava vicino quando io avevo bisogno di lui. Ma era l' uomo che amo; mia madre; i miei amici; i miei nipotini; mio padre. Mi resi conto che il Dio che io immaginavo era falso, un Dio che arriva quando gli pare e vuole.

    Mi resi conto che le uniche cose su cui potevo contare erano l' uomo che amo, la Natura, i miei amici e l' UOMO. Un miglioramento non ci sarà se aspettiamo che una mano cada dal cielo, siamo noi che abbiamo costruito macchine, palazzi, fabbriche, non è stato Dio; saremo noi a migliorarle, non sarà il Dio. Con il tempo ho visto che era un invenzione, fatta per convenzione e compiacimento, nonché per autorità e bisogno.

    Mi resi conto profondamente che non ce n'è davvero bisogno e con lo studio ho scoperto tante cose, che nemmeno l' immaginazione può contrastare.

    Non credo sia la fine del mondo. Io penso a comportarmi bene, secondo le mie regole, le regole dell' uomo. Non voglio, né desidero che tutti la pensino come me, perché ogni persona decide ciò che vuole, ciò che è meglio per se. A me piace dire questo: il mondo è bello perché è colorato dei più bei colori, ed è giusto così. Ed è bene così.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Perché non tutto ciò che la cultura d'origine ti propone ha ragione di essere.

    ciao

  • Perchè non esiste.

    Ciò si stabilisce con lo stesso sistema con cui si stabilisce che le varie cose non esistono: mancanza di prove convincenti in merito alla sua esistenza.

  • 10 anni fa

    Sinceramente non mi permetto di decretare verità assolute...

    in ogni caso io non credo per alcuni semplici motivi.

    In primo luogo disprezzo la chiesa e chi ne fa parte, in particolare il Papa, perchè non rispettano loro stessi i principi della religione che rappresentano, il Papa con i suoi gioielli e i suoi sontuosi banchetti che parla della fame del mondo... Ironico non trovi?!:) Apparte il fatto che la chiesa è di un'incoerenza assurda. Passiamo oltre.

    Tu puoi sempre dire... Il fatto che la chiesa sia incoerente e sbagliata lo posso accettare, ma cosa c'entra Dio in se? Dio è Dio, è l'essere perfetto, gli uomini sono peccatori per il fatto che sono uomini. no? NO!

    In primis perchè Dio è stato "creato dall'uomo" e certamente non viceversa.

    ma anche ammettendo che Dio sia il padre eterno ecc.ecc.... Perchè Caaaaa....volo non si fa vedere? Cos'è ha paura?!

    Ed in ogni caso TUTTO quello scritto nella bibbia e nei vangeli è scientificamente non dimostrato, ovvero impossibile.

    Ti sembra abbastanza? ;D

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    Secondo me non è giusto giustificare questa cosa, per me non esiste e basta è una mia convinzione che mi porto dietro da tanti anni. Non ci è mai apparso fisicamente, io credo nella scienza non nella finzione...

  • 10 anni fa

    xsonalmente nn ci credo xk nn l'ho mai visto o sentito e nn ha mai dato dimostrazione della sua esisetenza ... cmq nn ci penso molto a qst argomento, preferisco pensarci prima appena di morire.

  • ?
    Lv 4
    10 anni fa

    Per lo stesso motivo per cui non credo a Babbo Natale;non ci sono prove concrete della loro esistenza ma solo leggende.

  • Per la semplice ragione che non e' razionale credere in qualcosa di non visibile di non concreto e' come credere ai fantasmi! Poi penso che le religioni siano state inventate dagli uomini per dare un senso alla vita!

  • Anonimo
    10 anni fa

    é impossibile credere al dio cattolico visto che è satana travestito...

  • Anonimo
    10 anni fa

    Buonasera! Non sono credente neppure io, o meglio.....non credo nelle religioni, non ci credo xke la maggior parte hanno fatto e fanno del male tentando di nasconderlo. Non ci credo xke la maggior parte sono ipocrite e xke i loro capi sono strazeppi di soldi (vedi vaticano), non credo nella religione xke si corrompe mettendosi in mezzo alla politica (vedi il papa).

    Ma cio non significa che non credo in dio. Ovvero, nessuno puo davvero essere certo dell' in / esistenza di dio....non ci sono prove, dio è uno spirito, non ci puo essere nulla che dia una prova. Chi ha fede ci crede, chi è portato alla spiritualità invece puo credere che ci sia qualcosa di indefinito piu grande di noi, chi non è portato crede al nulla.

    Io non credo a dio inteso come dio, ma sento che ci sono forze maggiori di noi umani.

    La bibbia infondo non prova nulla, è un libro, sacro come molti altri...ma è un libro.

    @ lover A, dire che gesù è esistito non significa che anche dio lo sia.....tutti sappiamo che gesù come uomo è esistito, visto che come hai detto tu, ci sono anche prove storiche. Ma nessuna fonte, a parte la bibbia, dice che era il figlio di dio.

    @ lilium fare come dici tu sarebbe ipocrisia. Io il giorno di natale starò con la mia famiglia, e non festeggierò la nascita di cristo, visto che la data non è giusta -.-' quindi....che senso avrebbe cmq credere in dio il giorno di natale, quando quello stesso giorno si festeggiava una divinità pagana?

    @ philip...almeno non dobbiamo cercare di giustificare millenni di torture e di barbarie...che la chiesa non riesce a giustificare, pur essendo stata la prima arteficie....

  • 10 anni fa

    Perché credo a quello che vedo e lui non si è mai mostrato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.