Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 1 decennio fa

Sono stato costretto a fare quasi sempre cose che non volevo fare..il liceo me lo hanno scelto i miei,?

l'università dovevo farla perchè altrimenti sarei stato per i miei uno dei tanti che riuscivano si e no a arrivare a fine mese;non è mai successo quello che avrei voluto accadesse ne con le ragazze ne per altre cose relative al lavoro......non mi sento libero,mi sento quotidianamente violentato dalla vita,dalle persone che si aspettano e voglioni tutte qualcosa da me mentre io vorrei solo gettare la spugna,mollare tutto,scappare e far perdere le tracce di me.....sono sbagliato io o è la vita oggi che è impossibile?

9 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Benvenuto nel club. E' la vita fatta così, cerchiamo la sicurezza e la stabilità, un bozzolo in cui chiuderci salvo poi scoprire che ci sembra mille volte meglio scappare, ma non ne avremo mai il coraggio.

    L'ingranaggio che ti stritola ossa e cervello si basa sul gioco e sull'incastro delle tue aspettative versus quelle che gli altri hanno su di te. Non si tratta di mollare la spugna...si tratta di....spezzare la scatola dentro la quale in fondo ci siamo rinchiusi da soli.

    A volte vorrei anch'io parcheggiare la macchina presso una stazione del treno qualsiasi, prendere un treno qualsiasi, iniziare una vita da clochard, sulla strada, perdermi.....e quindi trovarmi. Cosa costruiamo? Un lavoro, case, auto, vestiti, oggetti, figli condannati alla stessa routine che abbiamo fatto noi. Mèrda. La vita è l'insieme delle emozioni e conoscenze in cui riusciamo a immergerci. Tutto il resto........acqua sporca.

  • 1 decennio fa

    Mi ricordo che una ragazza mi raccontava di un tipo che aveva studiato sodo per anni e anni alla facoltà di medicina, con i genitori alle calcagne, e alla fine non ce l'ha fatta per lo stress e ad un passo dalla laurea ha mollato tutto e ora viaggia per il mondo lavorando e mantenendosi da solo... e i genitori non sanno mai dov'è.

    Con questo vorrei farti capire che, prima che tutto ciò che tieni dentro scoppi in qualcosa di molto grande e stressante, agisci ora e parlane con i tuoi. Se fai l'università vuol dire che sei maggiorenne e maturo da poter pensare con la tua testa.

    E' vero, questo potrebbe portarti ad avere dei problemi con i tuoi genitori, perchè non lo accetterebbero, ma preferisci rimanere in casa coccolato dai genitori ma intanto essere costretto a fare una cosa che NON ti piace, o farti sentire a gran voce e fare finalmente quello che vuoi?

    "Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi"

  • ?
    Lv 5
    1 decennio fa

    Prima di mollare tutto pensa a cosa vuoi tu e lavora per ottenere quello....

  • 1 decennio fa

    sei solo molto oppresso... allontanati dai tuoi... devi crescere cara pianticella...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Come ti capisco amico... ma prova a fregartene....

    anche a me mi han spinto a fare Ragioneria quando io avrei dovuto fare Liceo Artistico.. ma sai com'è.... giù poi immaginati come è ben visto il mondo degli artisti... si pensa solo al posto fisso, sono di una tristezza certa gente.. ma tu non ti preoccupare, non è mai tardi, io a 23 anni ho preso in mano la mia vita e da quel momento nessuno più mi ha detto quello che devo o non devo fare...

    ora dipingo come hobby (e riscontro anche discreto successo con gli amici e conoscenti), per cui tu fai quello che più ti piace e cerca di farti scivolare addosso il giudizio dei parenti..., TUTTI!

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=At...

  • 1 decennio fa

    cerca di fare anche cose che ti piacciano e ti facciano stare bene, a parte il dovere che c'è per tutti quello, alla fine non credo tu abbia una vita dannata, cmq si bisogna usicre un po' dagli schemi e dai ritmi imposti se no uno perde la sua vita a corrre dietro a quelo che vogliono gli altri non ne vale la pena, l'importante è fare cose che ti facciano stare bene la vita è una cosa preziosa non violenta, siamo noi che ci autoviolentiamo in genere..

    Fonte/i: la vita è l'unica cosa che abbiamo davvero e ci da sempre tante possbilità, come in inverno tutto è ghiacciato ma poi torna la primavera, allo steso modo a noi a volte sembrano mancare tutte le speranze e ci senitamo vuoti, ma si può "rinascere" se teniamo il nostro cuore aperto e non ce lo facciamo chiudere nè ce lo chiudiamo da soli, e se è chiuso lo riapriamo
  • 1 decennio fa

    Il tuo sfogo è uno sfogo,

    i tuoi genitori hanno fatto bene a spingerti a fare l'università,

    avrebbero sbagliato facendo il contrario, un giorno forse potrai capirlo,

    per il resto, su quello che non vuoi, lo devi scegliere tu,

    ma non devi gettare la spugna, prima finisci l'università e intanto ti orienti,

    eh gia, dura eh, pensi che sia un mondo crudele per questo?

    Ti auguro di non riuscire a rispondere a questa domanda nel modo giusto

    per esperienze che avrai sulla tua pelle, ma perché lo avrai capito prima.

    Buona vita.

  • ?
    Lv 6
    1 decennio fa

    Pensa al futuro

  • 1 decennio fa

    Una cosa da non fare è scappare...Devi parlare con i tuoi genitori e magari dirgli che tu vuoi vivere la tua vita e non condizionato dagli altri,trovarti una moglie,un lavoro che ti piace e magari "costruirti" una famiglia. I tuoi genitori avranno scelto x te magari solo per il tuo bene.

    Parlane!

    La vita di oggi puo' sembrare impossibile ma non lo è.. tutte le cose si possono superare solo con le parole,con i movimenti e con la volontà. Anche per una persona qualunque la vita puo' essere difficile, magari perchè non si sente bella,xk si è lasciata con il suo ragazzo...di motivi c'è ne sono tanti...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.