John
Lv 7
John ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 9 anni fa

Eureka! Ecco il regalo per il 2011: il BES, nuovo metodo per valutare il benessere degli italiani?

Era ora che qualcuno se ne accorgesse; Cnel e Istat sono alla ricerca di un nuovo parametro per valutare la “salute” dell’Italia; sarà, si sente dire in giro, il risultato dello stato psicofisico degli italiani, del livello culturale, del benessere, dell’ambiente in cui vivono, dei rapporti interpersonali e del senso di sicurezza. C’è tutto o manca ancora qualcosa secondo voi?

http://www.aduc.it/notizia/non+solo+pil+istat+cnel...

5 risposte

Classificazione
  • Mimì
    Lv 7
    9 anni fa
    Migliore risposta

    Carissimo Nonno Eugenio,

    che dire? Siamo alle solite,alle solite e amare constatazioni:Bes valutato come Benessere dell' uomo. Personalmente lo tradurrei come:Bisogno Esteriore Superficiale...e incomincio a dire tutta la mia riflessione.Perché secondo me, il benessere parte dal di dentro dell' uomo e non si può applicare e imporre dall' esterno.

    Mi viene in mente quando qualche hanno fa,facendo il censimento si diceva che avendo due polli ed essendoci quattro persone,si poteva dedurre che ogni persona mangiava mezzo pollo e non si teneva conto di chi mangiava un pollo intero e di chi non vedeva neppure un' aluccia di pollo.

    Certo nelle nostre statistiche si fa presto a dire sommariamente,senza considerare in profondità la realtà.Ma come misuriamo il "Benessere"col metro di quanto possiamo mettere sotto i denti? Di quanto possiamo comprare e imitare i "Grandi"per essere felici? Oppure minimizziamo quanto non riusciamo più a percepire di bello,anche nella vita quotidiana affaticata e stanca?

    Elevare lo Spirito è Benessere indispensabile per ben valutare. Solo chi è "Grande nello Spirito"può sostenere anche gli smacchi del dolore che lo affliggono e lo atterrano.

    Il Benessere autentico del popolo è proporre il benessere materiale,ma anche elevare lo Spirito per comprendere quanto esso sia vitale e fonte inesprimibile di Benessere Autentico.Belle parole ma da dove partire?

    Dalla scuola seria che promuove cultura,che è capace di insegnare ai nostri giovani che sono fortunati a vivere in una Nazione ricca di Opere d' Arte che tutti ci invidiano.E per questo,essendo fieri dei loro natali e del loro passato devono impegnarsi a condividere sempre gli alti ideali di Unità e di Solidarietà con gli altri Popoli.I Governanti,quali si possono definire,devono partire proprio da loro,dalle forze inesauribili della Nazione:I Giovani.

    Ecco il Benessere Motivato:Sapere di vivere nel Territorio che altri ci invidiano per posizione,clima, generosità e per rigore morale. Altro che vedere la nostra Bella Italia cadere a pezzi o sotto un cumulo di immondizia... E poi parliamo di Bes.Essendo ligure posso tradurre "Bes" con il locale termine "besagnino"cioè colui che un tempo vendeva sulle rive del torrente Bisagno" frutta e verdura e che ora vende la sua merce nei vari negozi di frutta e verdura.Ecco così il terrore dei "Bes"che si vedono portar via il loro onesto lavoro dall' incuria del territorio.Altro che benessere,c'è davvero da piangere:Una vita di lavoro spazzata dall' incuria e dalla incapacità di gestire il territorio.

    E se poi pensiamo di costruire con l' errate sommosse dei giovani,allora sbagliamo due volte.Perché i giovani devono essere educati alla Giustizia,ma anche all' Impegno,al Sacrificio e alla Pace.Darsi da fare con l'impegno per far fruttare il Talento che ciascuno possiede,con voglia e capacità creativa,facendo riferimento dell' esperienza,dell' insegnamento e del lavoro di chi li hanno preceduti e con passione hanno lavorato.

    Promuovere la "Coscienza "personale e collettiva per portare vero Benessere.Ognuno al suo posto e bene,insegnando ai giovani che dal nulla non si costruisce nulla.Bene facevano gli antichi "maestri artigiani" che sapevano insegnare la loro "Arte" e predisponevano i loro discepoli a superare i loro Maestri, senza invidia,gelosia...Loro insegnavano,ma lasciavano liberi i loro discepoli a che la Creatività propria del giovane,fuoriuscisse e talvolta li superasse.Un esempio:Giotto.

    La Coscienza personale,donata da Dio,ci insegna che da lì dobbiamo partire per approdare alla Coscienza Collettiva e fino a quando non promuoveremo più Coscienza,non potremo trovare nessun Bes,forse,sperando nel tempo favorevole,solo i besagnini,ai quali va la mia simpatia e il mio Augurio.

    Grazie Nonno Eugenio.Carissimi Auguri a tutti con Autentico Benessere Spirituale e anche Materiale.Mimì

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • .
    Lv 6
    9 anni fa

    Un'iniziativa interessante considerando l'assoluta irrilevanza del valore del Pil rispetto alle reali condizioni del paese. Il problema diventa l'individuazione dei giusti parametri e il tempo necessario per raccogliere e ordinare i dati per fare in modo che, come dice Mimì, qualcuno non si ritrovi a mangiare il mezzo pollo virtuale di Trilussa.

    L'articolo parla della seconda metà del 2011 solo per presentare i possibili indicatori e sarà probabilmente pubblicato alla fine del 2012. Quindi sarà semmai il regalo per il 2015 se va bene...:)

    Attualmente l'Istat fa i suoi calcoli su un paniere di circa 500 beni di consumo.

    A inizio 2010, l'Istat rilevava che nell'anno 2009 i prezzi al consumo erano aumentati solo dello 0.8%. Un recordo positivo quindi. Eppure lo zucchero è aumentato del 30% in un anno e la pasta del 50% negli ultimi due. Senza contare la benzina, pedaggi autostradali e biglietti ferroviari.

    Il problema è la composizione dei parametri: gli alimentari contano solo il 17% del totale, i trasporti il 16%, la ristorazione l'11%. Quindi a seconda del tuo "stile di vita" sarai più o meno toccato dall'aumento dei prezzi.

    Paradossalmente chi conduce uno stile di vita più alto e va per esempio tutti i giorni al ristorante, ha subìto meno l'aumento dei prezzi alimentari rispetto alla casalinga media con marito e due figli.

    Il peso relativo di ognuno dei parametri è fondamentale per capire in realtà la situazione del paese.

    I problemi per l'attuazione di un sistema di misurazione affidabile non sono pochi, primo tra tutti la volontà di metterne a punto uno. L'Europa ci guarda e tutti i paesi componenti ci tengono a mostrare ai partner europei il massimo stato di benessere, perchè da quello dipende la sua credibilità sul piano interno.

    Quindi ognuno dei paesi coinvolti arriverà al tavolo con una proposta che renda il proprio stile di vita medio compatibile con gli indicatori senza esserne svantaggiati nel calcolo.

    Ci dovremo quindi confrontare con la Germania,con la Francia, con l'Inghilterra e con l'Olanda che hanno attuato nel frattempo politiche su trasporti, infrastrutture e energie rinnovabili.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Cloclo
    Lv 7
    9 anni fa

    mancano tutte quelle cose che si possono riassumere nella parola AMORE

    ed è ciò che auguro a tutti

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • MarCo
    Lv 6
    9 anni fa

    Trovata la soluzione per il benessere degli Italiani: basta variare i parametri a proprio piacimento ed ecco che ci ritroviamo per incanto tutti felici e contenti!

    buona giornata nonno.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ...manca il benessere...e fino a quando il Berlusca sarà seduto su quella seggiola continuerà a mancare...

    che senso ha un misuratore ed un valutatore di un qualcosa che non esiste???

    Buona giornata caro Nonnino....

    ...yyy...

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.