Vio ha chiesto in AmbienteAmbiente - Altro · 10 anni fa

Ragazzi sapete come avviene il riciclaggio del legno?

E' per una ricerca.. grazie! :)

8 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Per riciclare il legno ci sono molteplici attività, te ne elenco alcune:

    1)Pannelli di truciolare

    2) cippato per riscaldamento

    3) pellet per stufe

    4) nel compostaggio

    5) pannelli similegno cosiddetti, che sono in resina+polvere di legno (protopannello)

    6) pannelli isolamento case

    7)ecc.

    Poi dipende cosa si intende riciclare se il mobile o le tavole o i travi sono in decente stato , le si possono lavorare e trasformare per altre costruzioni.

    Il legno è una risorsa importantissima è un materiale che si presta a mille trasformazioni, il suo riciclaggio è importantissimo per le foreste.

  • se non sbaglio viene ridotto a trucioli per fare pannelli in truciolare appunto (quelli rivestiti da impiallacciatura di fòrmica o altro materiale plastico di cui sono costituiti i mobili moderni

  • 10 anni fa

    Beh, il legno "usato" oppure gli scarti di lavorazione, vengono ridotti in trucioli. Questi vengono poi compressi con leganti appositi (colle, resine ecc..) in pannelli. Spesso questi pannelli vengono rivestiti esternamente con laminati plastici oppure impialliciatture, sottili foglie di legno pregiato (noce, ciliegio, ulivo, mogano, palissandro, teak ecc...).

    Esistono vari tipi di truciolato, in base, principalmente, alla dimensione del truciolo.

  • 10 anni fa

    I residui legnosi possono essere recuperati e riutilizzati oppure impiegati in processi di termovalorizzazione per produrre energia elettrica e termica.

    Il riciclo del legno interessa cascami, segatura, corteccia, tondello derivante da sfogliatura, truciolato da trasformare in pannelli, paste da impiegare nell’industria cartaria, compost e ammendante. In particolare è interessante il recupero per la produzione di pannelli truciolari, perché in questo caso i rifiuti necessitano solo di una triturazione, fino alla granulometria richiesta, per poi seguire il normale ciclo di fabbricazione dei pannelli. In linea generale comunque il trattamento per il riciclo del legno prevede lo sminuzzamento con mulini a coltelli o mulini a martelli, la rimozione delle sostanze non legnose per separazione magnetica o con getto d’aria, e infine la classificazione granulometrica per mezzo di appositi setacci o con insufflaggio d’aria. Nel caso degli scarti per la produzione di compost è anche necessario miscelare ed omogeneizzare i trucioli ottenuti con altri residui organici.

    La termovalorizzazione nel caso del legno ha sempre avuto notevole applicazione, sia a livello civile che industriale, e trova la sua giustificazione nel grande potere calorifico sprigionato dagli scarti legnosi. Detti scarti possono essere immessi in caldaie automatiche, collegate direttamente ai serbatoi di alimentazione del combustibile, o in caldaie a caricamento manuale o dotate di tramoggia.Le prime presentano rendimenti del 65%, le seconde del 40 – 50%.

    I prodotti: il riciclo dei materiali legnosi permette di realizzare prodotti e manufatti impiegati nel settore dell'edilizia, nell'arredamento d'interni e negli imballaggi.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Abbattimento parziale o totale di alberi, di piante da frutto, pulizia di golene fluviali, potatura ordinaria di piante ornamentali.Carico del legno su motrici o autotreni scarrabili, muniti di ragno.

    Arrivo dei materiali alla Cava Crocetta

    Pesata del materiale in arrivo e stoccaggio del materiale nella zona adiacente al cippatore e al vaglio.

    Lavorazione del legno all’interno della Crocetta

    Il materiale da lavorare viene introdotto all’interno del cippatore, utilizzando un escavatore con benna a polipo. All’interno di tale macchinario, il legno subisce una variazione nelle dimensioni e viene separato a seconda della grandezza. In alcuni casi il legno cippato viene ulteriormente lavorato, facendolo passare all’interno di un vaglio, che provvede anche alla separazione del legno da plastica, ferro e terra, eventualmente presenti.

    Materiali legnosi dopo la lavorazione all’interno della Cava Crocetta

    Carico del legno cippato su autocarri

    Il materiale lavorato viene caricato, utilizzando un escavatore o una pala, su autotreni o bilici.

    Viene pesato e subito dopo avviato alla destinazione finale.

    Destinazione del legno: impianti di produzione compost

    Il legno cippato viene trasportato presso impianti di produzione di compostaggio, dove viene miscelato con altri rifiuti organici. Dopo un processo naturale di decomposizione e trasformazione di tutte le sostanze organiche, i materiali legnosi cippati e gli altri rifiuti organici, diventano compost.

    Il compostaggio è il modo più efficace per produrre l’humus, ma è anche un contributo attivo per la tutela dell’ambiente, perché si utilizza per concimare giardini, piante e terreni agricoli, ma anche perché, producendolo, si riduce la quantità di rifiuti smaltiti in discarica.

    In pratica, producendo compost, ritorna alla natura ciò che proveniva dalla natura.

    Destinazione del legno: centrali di produzione di energia elettrica

    Il legno cippato viene trasportato presso centrali di produzione di energia elettrica. Tali centrali utilizzano le biomasse a fini energetici.

    Può essere definito biomassa tutto ciò che ha matrice organica: è la forma più sofisticata di accumulo dell’energia solare, perché consente alle piante di convertire l’anidride carbonica atmosferica in materia organica, attraverso il processo di fotosintesi, durante la loro crescita. La biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti[1]quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili. Le biomasse possono quindi essere costituite da residui delle coltivazioni o piante, come nel nostro caso. La biomassa è ampiamente disponibile ovunque e rappresenta una risorsa locale, pulita e rinnovabile, come abbiamo scoperto anche noi, avviando questa attività di riciclaggio del legno.

    I materiali legnosi che ora possono essere riciclati in questo modo, prima della costruzione delle centrali di recupero energetico, erano destinati principalmente alle discariche pubbliche, con un notevole dispendio di soldi per i Comunii e per i cittadini e causando grossi danni all’ambiente. Inoltre l’utilizzo delle biomasse per fini energetici non contribuisce all’effetto serra, poiché la quantità di anidride carbonica rilasciata durante la decomposizione, per effetto della conversione energetica, è equivalente a quella assorbita durante la crescita della pianta stessa.

    Ovviamente il problema delle discariche non è completamente risolto, perché si tratta di una quantità minima di rifiuti riciclati, ma è certo che più materiali si riciclano,meno problemi avremo in futuro.

  • 10 anni fa

    Provenienza del legno da riciclare

    Abbattimento parziale o totale di alberi, di piante da frutto, pulizia di golene fluviali, potatura ordinaria di piante ornamentali.

    Carico del legno su motrici o autotreni scarrabili, muniti di ragno.

    Arrivo dei materiali alla Cava Crocetta

    Pesata del materiale in arrivo e stoccaggio del materiale nella zona adiacente al cippatore e al vaglio.

    Lavorazione del legno all’interno della Crocetta

    Il materiale da lavorare viene introdotto all’interno del cippatore, utilizzando un escavatore con benna a polipo. All’interno di tale macchinario, il legno subisce una variazione nelle dimensioni e viene separato a seconda della grandezza. In alcuni casi il legno cippato viene ulteriormente lavorato, facendolo passare all’interno di un vaglio, che provvede anche alla separazione del legno da plastica, ferro e terra, eventualmente presenti.

    Materiali legnosi dopo la lavorazione all’interno della Cava Crocetta

    Carico del legno cippato su autocarri

    Il materiale lavorato viene caricato, utilizzando un escavatore o una pala, su autotreni o bilici.

    Viene pesato e subito dopo avviato alla destinazione finale.

    Destinazione del legno: impianti di produzione compost

    Il legno cippato viene trasportato presso impianti di produzione di compostaggio, dove viene miscelato con altri rifiuti organici. Dopo un processo naturale di decomposizione e trasformazione di tutte le sostanze organiche, i materiali legnosi cippati e gli altri rifiuti organici, diventano compost.

    Il compostaggio è il modo più efficace per produrre l’humus, ma è anche un contributo attivo per la tutela dell’ambiente, perché si utilizza per concimare giardini, piante e terreni agricoli, ma anche perché, producendolo, si riduce la quantità di rifiuti smaltiti in discarica.

    In pratica, producendo compost, ritorna alla natura ciò che proveniva dalla natura.

    Destinazione del legno: centrali di produzione di energia elettrica

    Il legno cippato viene trasportato presso centrali di produzione di energia elettrica. Tali centrali utilizzano le biomasse a fini energetici.

    Può essere definito biomassa tutto ciò che ha matrice organica: è la forma più sofisticata di accumulo dell’energia solare, perché consente alle piante di convertire l’anidride carbonica atmosferica in materia organica, attraverso il processo di fotosintesi, durante la loro crescita. La biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti[1]quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili. Le biomasse possono quindi essere costituite da residui delle coltivazioni o piante, come nel nostro caso. La biomassa è ampiamente disponibile ovunque e rappresenta una risorsa locale, pulita e rinnovabile, come abbiamo scoperto anche noi, avviando questa attività di riciclaggio del legno.

    I materiali legnosi che ora possono essere riciclati in questo modo, prima della costruzione delle centrali di recupero energetico, erano destinati principalmente alle discariche pubbliche, con un notevole dispendio di soldi per i Comunii e per i cittadini e causando grossi danni all’ambiente. Inoltre l’utilizzo delle biomasse per fini energetici non contribuisce all’effetto serra, poiché la quantità di anidride carbonica rilasciata durante la decomposizione, per effetto della conversione energetica, è equivalente a quella assorbita durante la crescita della pianta stessa.

    Ovviamente il problema delle discariche non è completamente risolto, perché si tratta di una quantità minima di rifiuti riciclati, ma è certo che più materiali si riciclano,meno problemi avremo in futuro.

  • Anonimo
    10 anni fa

    lo chiedo al mio tarlo di fiducia

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.